fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La speciale edizione della kermesse ortofrutticola in programma dall'8 al 10 settembre, quest'anno in versione virtuale, ospiterà anche il Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP che presenta il valore aggiunto della totale tracciabilità dei suoi prodotti tramite la nuova tecnologia blockchain sviluppata dalla Pmi innovativa EZ Lab

 

Pachino (Siracusa), 4 settembre 2020 — Rafforzare l’identità di un prodotto unico per caratteristiche organolettiche, nutritive e salutari, raccontare la storia che l’ha fatto conoscere in tutto il mondo e le peculiarità e il contesto del territorio in cui nasce, lottando contro le contraffazioni e promuovendo la sua totale tracciabilità con una nuova tecnologia: sono queste le motivazioni alla base della partecipazione del Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino IGP a Macfrut, kermesse ortofrutticola che quest’anno, a causa dell’emergenza Covid 19, diventa Digital. Dall’8 al 10 settembre il Consorzio ha predisposto una versione virtuale del suo stand nell’ambito della quale verranno proposti e presentati una serie di video e scatti che spiegano non solo le caratteristiche uniche del prodotto siciliano, ma anche la nuova tecnologia blockchain con la quale è possibile accedere, con un semplice click su un QR Code, a tutti i dati sull'origine del prodotto. Tramite l’applicazione della tecnologia della “catena di blocchi” utilizzata dal Consorzio è infatti possibile tracciare, con la massima trasparenza, il pomodoro Pachino dal campo al supermercato, e combattere le contraffazioni.

«Non potevamo non essere presenti a questo lancio digital dell’edizione 2020 di Macfrut – dice il Presidente del Consorzio del Pomodoro di Pachino IGPSalvatore Lentinello – si tratta di una grande occasione per raggiungere nuovi canali e nuovo pubblico e intercettare diverse potenziali opportunità all’interno di tutta la filiera ortofrutticola”.
Proprio grazie alla tecnologia – aggiunge il DirettoreSebastiano Barone – già prima che scattasse l’allarme Covid 19, con la PMI innovativa EZ Lab – pioniera nell'applicazione della Blockchain per l'agrifood - attraverso il suo partner locale TechNrgy srl, abbiamo ottimizzato il tracciamento dei nostri pomodori dal campo al supermercato. Si tratta di un progetto innovativo che presentiamo al nostro stand virtuale a Macfrut Digital».

Il progetto nasce dalla mission del Consorzio, ovvero combattere le contraffazioni e le sofisticazioni alimentari, garantendo sicurezza alimentare e sostenibilità ambientale. Per quanto riguarda quest’ultima, l’impegno dell’Ente senza scopo di lucro riconosciuto dal Minstero delle Politiche Agricole si concretizza nelpackaging sostenibileutilizzato negli ultimi mesi, realizzato in cartone e ricoperto con film PLA biodegradabile al 100% ricavato dal mais.

La partecipazione a Macfrut Digital è parte del progetto di promozione approvato e finanziato dalla Regione Sicilia nell’ambito della Misura 3.2 a “Sostegno per attività di informazione e promozione svolte da associazioni di produttori nel mercato interno” con Bando Pubblico G.U.R.S. N. 15 del 08/04/2016, presentato dal Consorzio nei giorni scorsi, che prevede una serie di attività di informazione su web e social network, con campagne promo-pubblicitarie.

 

 Pomodoro


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry