fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 9 luglio 2014 – Il Consiglio comunale torna in aula questa sera alle 19, dopo che ieri al momento della votazione del primo punto all’ordine del giorno, era venuto a mancare il numero legale. Prima della votazione, da parte dei consiglieri Princiotta, Sorbello e Castagnino erano stati sollevati dubbi procedurali sull’iter di approvazione del punto, cui aveva risposto il segretario generale.

Stasera, quindi, si riparte dalla votazione della presa visione del primo debito fuori bilancio, per un ammontare di 441.924 euro, che fa riferimento all’espropriazione dei terreni per la realizzazione della scuola media “Vittorini” in viale Tica; sul punto il consigliere Burti aveva chiesto l’individuare dei responsabili e delle cause dell’enorme crescita degli interessi maturati per la mancata transazione.

In apertura dei lavori il saluto e gli auguri del Presidente Antonio Sullo ai nuovi assessori, e il ringraziamento agli uscenti. Era poi intervenuto il consigliere Castagnino per comunicare il mancato inserimento dei Comuni del Distretto Socio Sanitario 48 nella graduatoria per l’accesso ai fondi Pac, il Piano d’azione e Coesione. “Se confermato- ha detto Castagnino-“questo che farebbe mancare a Siracusa i finanziamenti, pari a tre milioni di euro, destinati agli anziani e ai minori”. Prima di entrare nel vivo dei lavori, debutto in aula per gli assessori Gianluca Scrofani e Antonio Grasso. Il primo ha comunicato all’aula, come suo primo atto, l’istituzione di una task force “per il monitoraggio del pagamento dei nostri fornitori per mantenere l’Amministrazione al passo con i tempi previsti dalla legge”. Scrofani ha poi parlato della necessità di ridurre le spese della politica e della volontà di investire i risparmi sui servizi.

Grasso ha invece auspicato un miglioramento della dinamica dei rapporti tra Giunta e Consiglio, visto che questa attività rientra tra le sue deleghe; ed accennato alla volontà dell’Amministrazione di rivedere le politiche sul decentramento.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry