fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 11 novembre 2014 – Con il corso di Formazione sulla sicurezza, appositamente organizzato dal Comune presso i locali del Centro Polivalente di via Ferreri , hanno preso il via stamane  i sei cantieri di servizi finanziati dalla Regione Siciliana per un spesa complessiva di €. 209.958,20.  

Danno il via al corso, tenuto dall’ing. Giovanni Calvo, lo staff dei Settori Comunali Servizi Sociali e dei Lavori Pubblici  con i loro responsabili dott.ssa Concetta Piazzese e ing. Corrado Mingo. 

Ottanta i soggetti interessati che si occuperanno di piccoli lavori manutentivi e di assistenza/accompagnamento a personale disabili, anziani e minori. 

17 di loro sono impegnati in lavori di tinteggiatura di ringhiere, arredo urbano e spazi pubblicitari in ferro presenti nei parchi e villette del centro urbano; 11 nell’assistenza negli scuolabus; 10 in attività di tipo relazionale, accompagnamento di persone anziane, disabili; 11 in sostegno di vigilanza ed accompagnamento a famiglie e minori in stato di deficit  sociale, culturale ed economico per il recupero dello svantaggio e disagio vissuto;  16 in attività riguardanti la manutenzione ordinaria del verde pubblico; 15 in manutenzione ordinaria e straordinaria dell’area cimiteriale. 

Rosolini così diventa il primo Comune del Distretto Socio-Sanitario n.46 (Avola, Noto, Pachino, Portopalo C.P. e Rosolini)  ad avere avviato  detto importante servizio.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry