fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Melilli, 4 marzo 2015 – Sabato 7 marzo, alle ore 10,30, ci sarà il taglio del nastro inaugurale del Parco Giochi realizzato all’interno della nuova villetta comunale di Melilli centro,  di recente ultimazione. Un’ area accuratamente attrezzata che darà a tutti i bambini la possibilità di usufruire di momenti di svago da condividere con altri coetanei.  “L’intervento di restyling, riferisce il Presidente della IV Commissione Consiliare Nuccio Ribera,  che ha seguito l’iter amministrativo impegnandosi  personalmente per curare l’intero progetto,   ha portato il parco ad avere più verde e visibilità. 

I piccoli visitatori, avranno modo di trascorrere le belle giornate all’aperto, tra corse,  giochi e divertimenti.”

“Nuovo arredo urbano, commenta il Sindaco F.F. Corrado Mascali.  Il parco rappresenta un’ulteriore spazio dedicato ai più piccoli, ma che è usufruibile  anche dagli anziani e dalle famiglie che amano la passeggiata.”

Alla cerimonia di apertura, oltre al Sindaco F.F. Mascali e al Consigliere Ribera, interverranno le locali Autorità Civili, il Dirigente Scolastico di Melilli  Prof. Angela Fontana, e circa 400 bambini. Benedirà l’area il Sacerdote Don Giuseppe Blandino, parroco della Basilica di San Sebastiano. 

L’evento sarà allietato dalla performance di  artisti di strada che, con musiche e una montagna di pop con, divertiranno grandi e piccini.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry