fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 29 aprile 2015 – Si svolgerà domenica l’ottava edizione dell’evento della carestia del 1646, Santa Lucia delle quaglie.

Per questo, l’associazione culturale "Il Gozzo di Marika" anche quest’anno organizza un evento collaterale alla festa della patrona che si tiene ogni prima domenica di maggio.

“La finalità di questa iniziativa – dice Emanuele Schiavone, presidente dell’associazione "Il Gozzo di Marika" – è quella di mettere in risalto la rievocazione dell’evento storico che ha fatto nascere la festa di Santa Lucia delle quaglie, di legare ancora di più i siracusani alla città ed alla sua storia, di mettere in risalto l’importanza dei rapporti della città con il mare ed infine rivalutare la barca da pesca u “buzzettu siracusanu”. Infatti il corteo sarà composto da figuranti in costume di popolani e di nobili, partirà alle 10 dallo sbarcadero di Santa Lucia con in testa i tamburi di Buccheri e le gaite guidate dal professore Di Nicola. Il corteo sosterà sul ponte Umbertino dove i marinai saliranno sui buzzetti andando fuori dalla darsena, dove ad aspettare ci sarà un veliero carico di grano. Compiuto il travaso dei sacchi, i buzzetti ritorneranno verso il molo e il corteo continuerà il percorso per raggiungere il Duomo aspettando l’uscita della patrona Santa Lucia. Subito dopo, benedetto il pane, questo sarà distribuito a tutti i fedeli. Per questa manifestazione è d’obbligo ringraziare tutti i partecipanti, gli alunni dell’istituto liceo scientifico Einaudi accompagnati dal professore Umberto Garro, la protezione civile R.o.s.s.. e il presidente Carmelo Bianchini che ogni anno ci segue in tutte le iniziative”. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry