fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il progetto transfrontaliero Hilftrad sarà presente nei due eventi che si svolgeranno in Tunisia a Maggio

 

Noto, 6 Maggio 2015 – Le abitudini ed il consumo dei prodotti caseari tipici in Tunisia e la certificazione nel settore lattiero caseario.

A maggio sono previsto due momenti importanti del progetto di cooperazione transfrontaliera, “Italia-Tunisia” 2007-2013, Hi.L.F.Trad. (Hilâl sicilo - tunisino della Filiera lattiero - casearia tradizionale attraverso le nuove tecnologie).

Da domani e sino a venerdì 8 maggio i partner tunisini del progetto parteciperanno al Salone dell’agroalimentare di Tunisi, BioExpo, effettuando delle ricerche di mercato. Due studentesse dell’INAT, l’università tunisina, assieme ai collaboratori del GDA di Beja, presenteranno dei questionari con l’obiettivo di ottenere 200 rilievi riguardo le abitudini degli abitanti ed i consumi dei prodotti caseari tipici tunisini. Il secondo momento riguarderà il seminario sulla certificazione del formaggio tunisino, previsto ad Hammamet giovedì 7 maggio e venerdì 8 maggio. Parteciperanno all’ evento Stefania Carpino, responsabile del progetto Hilftrad e dirigente di ricerca del Corfilac, Oreste Gerini, direttore generale della prevenzione e del contrasto alle frodi agroalimentari, del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e
Flavio Berilli, responsabile ufficio VICO I del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali in Italia.

Nella "due giorni" si parlerà dell’esperienza tunisina nel campo della certificazione in ambito lattiero caseario, della qualità dei prodotti, delle DOP, le dominazioni di origine e le indicazioni di provenienza dei prodotti agroalimentari ed anche degli annessi quadri giuridici che ne regolamentano tutti gli aspetti.

Sarà anche un momento di confronto tra l’ esperienza tunisina e quelle europee in materia di certificazione. Un momento specifico sarà riservato al “Siciliano di Beja”, il formaggio, oggetto di studio del progetto Hilftrad. 

Inoltre è previsto per giovedì 7 maggio alle 17.30 un incontro con il sottosegretario di stato, Amel Nafti, al Ministero dell’Agricoltura e Pesca in Tunisia.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry