fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 11 maggio 2015 – Aderendo alla richiesta dell’Amministrazione Comunale l’IPA, l’Istituto Agrario rosolinese, ha ridonato un altro albero di carrubo per essere ripiantumato nella stesso posto da dove ignoti lo avevano sdradicato e portato via. 

La pianta, simbolo della città ,era stata piantata presso il parco giochi di viale Rosario Errante lo  sorso  22 aprile nel corso di una iniziativa promossa dall’Amministrazione  Comunale in occasione della celebrazione della giornata della Terra, alla quale avevano aderito le scuole della Città. Per l’occasione appunto  l’istituto agrario di Rosolini aveva donato un albero di carrubo che era stato piantato nel parco giochi come simbolo di quella giornata.

“Un gesto simbolico– afferma il sindaco Calvo -  trasformato da qualche balordo in gesto inqualificabile. Adesso grazie alla disponibilità e sensibilità di dirigenti, docenti e studenti dell’Ipa abbiamo immediatamente posto rimedio nella speranza che la sua ripiantumazione possa costituire un monito per  quanti si rendono protagonisti di simili bravate, per fortuna stigmatizzate dalla cittadinanza,  e allo stesso tempo un invito per tutti a tutelare i beni pubblici che appartengono a tutti noi.  L’albero poi nello specifico,  è il simbolo della natura che per primo ci parla di radicamento, di vita e appartenenza al territorio. Mettere a dimora un nuovo albero è un gesto concreto di vita e di speranza.”


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry