fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 29 maggio 2015 – Il Sindaco Corrado Calvo  in occasione della ricorrenza del 2 giugno 2015  “Festa della Repubblica” ha inviato un messaggio a docenti e studenti di tutti gli Istituti scolastici cittadini. Ecco il testo del messaggio:

“Cari docenti e cari studenti, in prossimità della celebrazione  della Festa della Repubblica mi pare doveroso ricordare e condividere con voi tutti il significato di questa ricorrenza: il 02 giugno del 1946 si tenne il referendum istituzionale, indetto a suffragio universale, con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale  forma di governo, monarchia o repubblica, dare al paese, in seguito alla caduta del fascismo. 

L’Italia, dopo 85 anni, divenne così Repubblica, e i monarchi di casa Savoia esiliati. Il 2 giugno celebriamo dunque la nascita della nostra nazione con la Costituzione della Repubblica Italiana e dopo 69 dalla nascita della Repubblica, nonostante i problemi socio-economici in cui il nostro paese versa, l’Italia è ancora uno stato democratico, i cui valori devono essere salvaguardati soprattutto attraverso la tutela della nostra costituzione. 

Viviamo dunque in un paese libero, democratico, repubblicano la cui validità è fondata sul lavoro e sull’impegno di ognuno di noi alla cosa pubblica. Essere cittadini di una nazione democratica, infatti, consiste nella partecipazione di tutti noi alla vita politica della nazione e  più in piccolo ma  più da vicino alla vita sociale e politica della comunità in cui viviamo e sperimentiamo il nostro essere cittadini liberi e democratici. E in questo contesto vorrei richiamare l’attenzione al ruolo e alla responsabilità della scuola e dei docenti nella formazione del cittadino libero e democratico. 

Nell’età moderna il compito della scuola si è ridotto alla mera trasmissione del sapere enciclopedico, intesa come istituzione deputata esclusivamente alla trasmissione di contenuti. Ma non dimentichiamo che l’uomo non nasce tale e la sua umanizzazione si realizza mediante l’educazione, da intendere come l’esperienza attraverso la quale egli si appropria della cultura che gli uomini hanno creato, non solo acquisendo conoscenze e abilità, ma anche e soprattutto sviluppando modi di essere atteggiamenti e valori. 

E’ compito dei genitori ma soprattutto della scuola, degli insegnanti quello di formare il cittadino che agisce e pensa di far qualcosa per il bene comune, colui che crede che risolvendo il suo problema può anche dare un contributo alla società. Basterebbe sentirsi responsabili in prima persona, essere quel mattone che insieme ad altri può favorire la costruzione di un edificio collettivo a vantaggio di tutti. Non posso che rinnovare in quest’occasione l’invito a rendervi tutti cittadini attivi e partecipi e ribadire il nostro impegno responsabile per favorire la crescita della nostra Rosolini affinché ogni cittadino venga messo  nelle condizioni di poter esercitare i propri diritti e di poter affermare se stesso nella comunità in cui vive ”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry