fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Progetto culturale-artistico e turistico “Le Torri di Aretusa”: 5 fotografi guardano la Siracusa Medioevale

 

Siracusa 5 agosto 2014 – Il Comune di Siracusa e la Galleria Regionale di Palazzo Bellomo in collaborazione con l’associazione culturale Art in Town e Cultur’Arte presentano un nuovo itinerario culturale nella città di Siracusa.
“Le Torri di Siracusa” è un progetto che rivisita l’architettura medievale della città aretusea, in particolare i palazzi di Ortigia, la Camera Reginale, Palazzo Bellomo, Palazzo Montalto e le torri di avvistamento dei quartieri di Acradina, Tiche, Epipoli e Neapolis.

I dettagli della mostra saranno presentati nella conferenza stampa, che si terrà venerdì 8 agosto alle 11 presso la “Galleria regionale di palazzo Bellomo”di via Capodieci.
Saranno presenti, l’assessore alla Cutltura, turismo e spettacolo, Francesco Italia, i curatori della mostra, Ornella Fazzina, Michele Romano e Luigi Cavarra consigliere della circoscrizione Acradina.

Prevista anche la presenza dei cinque fotografi siracusani (Daniele Aliffi, Michele Battaglia, Tiziana Blanco, Luca Scamporlino e Roberto Zampino) protagonisti del percorso visivo e culturale nella città delle Regine.
L’inaugurazione venerdì 8 agosto 2014 alle 17,00 presso la Sala delle Esposizioni del Museo Bellomo.

La mostra resterà aperta e visitabile gratuitamente fino al 7 settembre 2014.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry