fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 27 luglio 2015 – Il C.O.S.A., “Comitato operativo per il supporto all’attuazione” dopo aver esaminato il Pac, “Piano d’intervento servizi di cura all’infanzia”, ha espresso parere favorevole alla concessione del finanziamento richiesto dai Comuni del Distretto 48, del quale Siracusa è capofila.

Sull’ammontare complessivo del finanziamento, pari a 2.673.725 euro, al Comune di Siracusa spetteranno circa 1.615.000 euro; la restante parte andrà a Buccheri, Buscemi, Canicattini, Cassaro, Ferla, Floridia, Solarino, Palazzolo, Priolo e Sortino.
I fondi serviranno per la gestione degli asili nido comunali, e per la realizzazione di servizi integrativi quali le attività pomeridiane e diurne di laboratori ludico-ricreativi. “L’approvazione di questo finanziamento è un grande risultato per i Comuni del Distretto che potranno garantire maggiori servizi all’infanzia non pesando sulle casse comunali”: lo dichiara l’assessore ai Servizi sociali, Rosalba Scorpo che aggiunge: “Un percorso iniziato dall’ex assessore Schiavo, al quale va il mio personale ringraziamento, per avervi guidata e per il supporto dato nelle fasi finali della programmazione e della presentazione del progetto al Ministero dell’Interno. Un grande lavoro di rete tra tutti i referenti dei diversi Comuni del Distretto, che intendo ringraziare insieme al dirigente Pisana, al capo servizio Zagarella e a tutti i dipendenti comunali coinvolti”. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry