fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Emigrati argentini  di origine rosolinese,  provenienti da Santa Fé,  città gemellata con Rosolini dal 1994, ricevuto a Palazzo di Città 

 

Rosolini, 19 settembre 2015 – Un gruppo di emigrati argenti  di origine rosolinese,  provenienti dal Santa Fé, città gemellata con Rosolini dal 1994 è stato ricevuto ieri pomeriggio a Palazzo di Città dal Sindaco Corrado Calvo e da Amministratori Comunali.  

La delegazione era composta da 15 persone facenti parte tutti dell’Associazione Siciliana di Santa Fé,  lo storico sodalizio formatosi per il sostegno degli emigranti siciliani ed in particolare rosolinesi in quella Città. Un incontro cordiale nel corso del quale gli ospiti hanno portato il saluto delle Autorità del luogo e soprattutto  della folta comunità di  rosolinesi di Santa Fé,  che, nonostante per molti di loro siano trascorsi decenni, non hanno mai dimenticato la loro terra natia.  

Salutando gli ospiti  il Sindaco Calvo  li ha ringraziato per la visita sottolineando il profondo legame che unisce la comunità rosolinese di Santa Fè e Rosolini  come testimonia il gemellaggio sottoscritto nel 1994. 

“I  rosolinesi in Santa Fè- ha detto il Sindaco – rappresentano ormai una parte fondamentale della realtà sociale, politica ed economica di quella città in cui vivono e grazie  al  frutto della loro laboriosità e dei propri valori, hanno contribuito al progresso di questa, conquistando stima e rispetto da parte di tutti. Di tutto questo ne siamo orgogliosi  e pertanto, a  Voi e quanti risiedono in Santa Fé e nelle altre città argentine,  esprimo, anche a nome mio personale, della Giunta Comunale, che presiedo e di tutta la collettività rosolinese,  apprezzamento e gratitudine per il coraggio, la tenacia e la laboriosità che  vi ha sempre contraddistinto”  

Al termine il tradizionale scambio di doni.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry