fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 24 settembre 2015 – Il Sindaco Corrado Calvo e l’Assessore alla P.I. Luigi Incatasciato comunicano che nella giornata di ieri presso la sede degli uffici del IV Settore del Comune, il Responsabile, dott. Salvatore Covato, ha proceduto, alla presenza della dott.ssa Francesca Vigna  funzionaria   dello stesso Settore, alla visione delle buste inviate dalle ditte che hanno manifestato interesse all’Avviso pubblicato all’Albo Pretorio avente per oggetto la gestione del servizio di refezione scolastica. Due le ditte che hanno risposto all’avviso: 

Ditta “Frasca Alessandro” sas di Rosolini 

Ditta “Eurocarni di Spadaro Giorgio” di Rosolini 

 

Ha proposto la migliore offerta, oltre a quanto richiesto nell’Avviso, la Ditta “Frasca Alessandro” sas di Rosolini  che ha offerto un costo del pasto di € 2,40 per la scuola materna e di € 2,90 per la scuola elementare, nonché l’abbattimento del 50% sul costo per le famiglie meno abbienti.  

Dal’offerta si evince un risparmio  per le famiglie di 40 centesimo a pasto 

La stessa ditta inoltre ha garantito: 

un compenso di €. 500,00 mensili per l’utilizzo dei locali,

la gratuità di n.10 pasti giornalieri per le famiglie disagiate, confermate da documentazione apposita;

la fornitura  al Comune di n. 3 banchi lavoro e un frigo professionale

 

Dall’Assessorato alla P.I. fanno sapere che il servizio dovrebbe prendere il via entro il 15 ottobre.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry