fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 13 novembre 2015 – Mercoledì 18 novembre alle ore 10,30, nella sala stampa “Archimede” di piazza Minerva 5, si terrà la conferenza stampa di presentazione del progetto di Gianni Virgadaula che torna a Siracusa per girare un docu-film su Gelone.

Saranno presenti l’assessore alla Cultura e al turismo, Francesco Italia, il regista Gianni Virgadaula e alcuni attori del cast.
L'assessore Italia sarà presente anche in qualità di rappresentante della Film Commission Siracusa che metterà a disposizione dell’Istituto culturale di Sicilia per la Cinematografia – Onlus, al fine della realizzazione della pellicola, tutti i servizi previsti in occasione di questi eventi.

Dopo aver raccontato la storia e la vita della Santa Patrona, Lucia, il regista milanese di origini ragusane, Gianni Virgadaula, torna a Siracusa per girare un docu-film su uno dei più grandi personaggi politici della storia antica, Gelone, tiranno di Gela e primo tiranno di Siracusa.

Le scene saranno girate tra Gela, Agrigento e Siracusa.
“Sono particolarmente felice di poter tornare a lavorare a Siracusa dove l’ultima volta mi sono trovato benissimo – ha commentato il regista Virgadaula – Anche in questa occasione ho apprezzato l’immediata disponibilità da parte della Film Commission di Siracusa ad approvare e supportare il mio lavoro che ringrazio sin da ora per la sua preziosa collaborazione”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry