fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pachino, 11 novembre 2016 – Hanno firmato stamattina i Sindaci di Modica e Pachino, Ignazio Abbate e Roberto Bruno, l’ingresso ufficiale del comune aretuseo all’interno della Centrale Unica di Committenza.

È l’ottavo Comune ad entrare dopo Modica, Scicli, Ispica, Pozzallo, Augusta, Noto e Rosolini.

Un’unione sempre più stretta tra il territorio ragusano e quello aretuseo con Modica capofila: “Indubbiamente grazie alla CUC stiamo riuscendo a realizzare quello che in tanti anni le Istituzioni non sono riuscite a fare, cioè saldare sempre di più questi territori confinanti.

Da qualche anno a questa parte si è compreso che solo l’unione può dare risultati positivi per tutti.

Nel caso specifico della CUC diretta da Carmelo Paradiso, i risultati - dichiara il Sindaco Abbate - sotto gli occhi di tutti, considerato il numero elevato di partecipanti alle gare già esperite. Sulla stessa lunghezza d’onda il “collega” di Pachino Roberto Bruno, che esprime “piena soddisfazione nell’aver avviato finalmente la Centrale unica di committenza con la firma congiunta oggi sul protocollo con gli altri comuni. Anche questo risponde alla strategia di una più efficace collaborazione fra i territori, come già proficuamente avviato in altri campi.” Un sentito ringraziamento al sindaco Abbate per averci consentito, grazie a questo ingresso, di non dover più ricorrere all’Urega, avendo ormai un punto di riferimento fisso ed affidabile sul territorio. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry