fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 23 gennaio 2015 – I nuovi stili di vita possono diventare gli strumenti che la gente comune ha nelle proprie mani per poter cambiare la vita quotidiana e per poter influire sui cambiamenti strutturali?
È possibile un nuovo rapporto tra le persone, con la natura, con le cose?
È possibile che, al di là del credo religioso, la famiglia umana possa condividere ed agire concordemente?
Per trattare questi temi abbiamo organizzato il convegno “È TEMPO DI NUOVI STILI, nel quotidiano personale e sociale” che si terrà venerdì 23 gennaio dalle 19.00 alle 21.00 presso il Piccolo Teatro della Badìa, a Ragusa (corso Italia, 107).
Ne discuteranno don Adriano Sella (della diocesi di Padova), Coordinatore nazionale della Rete Interdiocesana Nuovi Stili di Vita, Renato Meli (direttore dell’Ufficio pastorale sociale e lavoro), Maurizio Nicastro (operatore culturale), Carmela Dipasquale (imprenditrice), la famiglia Virgadaula. Modererà Emanuele Occhipinti (segretario dell’Ufficio pastorale sociale e lavoro).
Seguirà dibattito.
Saluto finale del Vescovo, mons. Paolo Urso.

Il convegno è organizzato dagli Uffici diocesani: Ufficio catechistico, Ufficio pastorale familiare, Ufficio pastorale della cultura, Ufficio pastorale missionaria, Caritas, Ufficio di pastorale giovanile, Consulta delle aggregazioni laicali, Insegnanti di religione cattolica, Ufficio pastorale sociale e lavoro.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry