fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 14 febbraio 2015 – Domani, domenica 15 Febbraio 2015, il Vescovo monsignor Paolo Urso, il direttore dell’Ufficio Missionario padre Giovanni Battaglia, il direttore dell’Ufficio IRC professor Giuseppe Cugno Garrano ed una delegazione formata da due docenti di Religione (Lucia Licitra e Gianni Nannara) e due giovani laici (Maria Frasca ed Emanuele Cavallo), partiranno per l’Africa  per inaugurare le due aule che sono state costruite con l’aiuto della Diocesi di Ragusa, a completamento di un College di Scuola Secondaria in Uganda, nella Diocesi di Kotido.

È la conclusione di un percorso di solidarietà iniziato all’inizio dell’a.s. 2013/14, che ha visto coinvolte molte scuole della provincia, coordinate dall’Ufficio per l’IRC della Diocesi di Ragusa.

Tutto è iniziato nel mese di luglio 2013, quando il professor Giuseppe Cugno Garrano ha incontrato  il Vescovo della Diocesi di Kotido monsignor Giuseppe Filippi, durante la sua momentanea presenza a Trento dove trascorreva le vacanze con la sua famiglia.

Il Vescovo Filippi ha fatto presente al professore l’esigenza del completamento della scuola secondaria “Giovanni Paolo II” con altre due aule, per ottenere il necessario riconoscimento da parte dello Stato dell’Uganda.

Tanti i docenti di religione che hanno portato avanti le iniziative di raccolta dei fondi, tramite manifestazioni varie che hanno coinvolto gli alunni e le loro famiglie. Gli studenti hanno risposto con passione e grande senso di solidarietà verso i più bisognosi.

L’Ufficio per l’IRC, mediante il Progetto “AIUTIAMOLI A CRESCERE – Per lo sviluppo dei popoli africani”, aveva già portato a termine nel 2013, la costruzione di una Scuola Primaria in Camerun, nello sperduto Villaggio di Doudja a maggioranza musulmana. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry