fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 7 agosto 2014 – La Cattedrale San Giovanni Battista è lieta di comunicare che presso il centro estivo "V. Bachelet", in Via Portovenere ang. Via Donnalucata a Marina di Ragusa, questo fine settimana si terranno alcuni eventi e momenti aggregativi. 

Venerdì 8 Agosto, alle ore 21.30, ci sarà la presentazione della Silloge in dialetto di Giovanna Vindigni "Ru macci i carrua", e Sabato 9 Agosto, alle ore 19, un workshop sulle politiche giovanili curato dai giovani del progetto "Muoviti Sicilia" provenienti dalla Sicilia occidentale.

 

Il Centro Bachelet rappresenta un punto di aggregazione e riferimento per tutti, specie i giovani. 

Fino al 20 Agosto 2014 si terrà il GREST per bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni; dal 27 Luglio ogni domenica si celebra la S. Messa nel cortile alle ore 20,30, vi sono anche a disposizione aree ricreative, di ritrovo e condivisione, un campetto di calcio, un palco per dare vita a rappresentazioni teatrali e piccole manifestazioni. Aperto tutto il giorno, dalla mattina alla sera, disponibile a tutti.

 

Per informazioni sulla struttura, le sue caratteristiche e possibilità, l'adesione al grest o l'organizzazione di momenti ricreativi, è possibile contattare Faustino Rizzo al 339 4080022, o consultare il sito web della struttura: http://centroestivobachel.wix.com/marinadiragusa.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry