fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 23 agosto 2015 – È il primo musical sull’evento di Siracusa del 1953, il primo musical sulla Madonna delle Lacrime. 

Questa sera alle ore 21 sul sagrato della cripta del Santuario della Madonna delle lacrime la prima nazionale. 

«Quelle lacrime umane che sgorgarono dal quadretto in gesso dei coniugi Iannuso rappresentano un prodigio che ha sconvolto la città: l’ha segnata per sempre, e Siracusa è “la città della Madonnina”», dicono a Siracusa. 

“Anche per questo – dicono Luca Stante e Andrea Scorsonelli – la protagonista è una sola: la Madonna. La prima è dedicata a Lei, alla nostra guida, al nostro riferimento. Per noi è stato un atto di devozione”. 

Nei volti di chi sarà in scena, e di chi starà invece dietro le quinte, si percepisce la gioia, si legge l’entusiasmo. Loro sono commossi e sperano di riuscire a trasmettere la stessa fede e devozione al pubblico. 

“L’entusiasmo ha accomunato tutti. Io sono convinto che chiunque verrà resterà impressionato e si commuoverà” dice il regista Enzo Firullo. 

“Lo abbiamo fatto per Lei e sono felice di poterne fare parte” aggiunge Romualdo Trionfante, che interpreta l’anziano devoto. Ruolo impegnativo per Damiano Restuccia e Giulia Parisi, che saranno in scena i coniugi Iannuso: “Non c'è miglior modo di evangelizzare tramite arte della danza, del canto e della recitazione per portare a tutti il messaggio che la Madonnina ha lasciato a Siracusa. Sono convinto che accadrà qualcosa di magico”. 

“Ritengo – aggiunge Giulia – che il musical che darà a tutti la possibilità di essere toccati dall'amorevole abbraccio della nostra Madonnina”.

“Vogliamo trasmettere emozioni – dice Lucia Palmieri, la coscienza – e condividere con gli spettatori la gioia, ma anche il pianto”. 

“Tutto ha avuto inizio da una piccola casa in via degli Orti: questo è uno spettacolo scritto e rappresentato con fede e passione” sostiene Cristiano Sipione, il poeta. All’unisono Agnese Firullo, che sarà Clelia, e Francesco Firullo, il giovane turista: “Il messaggio che vi lasceremo non è nostro, è quello che la Madonnina vuole lasciare a tutti noi”.

“Lacrime d’Amore”, attraverso l’esperienza di conversione di un giovane turista che fatica a credere ma che ascolterà la testimonianza di un anziano devoto, racconta la storia del miracolo del 1953 passando dal coraggio della scelta di Antonina fino alla visita di Giovanni Paolo II, in occasione della consacrazione della Basilica nel 1994. Un evento imperdibile per tutti i fedeli ma anche per tutti gli amanti della città di Siracusa.

 

Autori testi canzoni: Luca Stante - Andrea Scorsonelli

Autore testi dialoghi: Luca Stante

Compositore: Andrea Scorsonelli

Arrangiamenti: Massimiliano Ricciardo

Produzione artistica: Massimiliano Ricciardo

Regia: Enzo Firullo

Aiuto Regia: Elvira Trombatore

Direzione artistica: Andrea Scorsonelli

Resp. distribuzione: Eko Music

Etichetta: Eko Music - Siracusa

Resp. produzione: Loredana Buonanno

Revisione testi: Rita Bonanno

Resp. commerciale: Loredana Buonanno

Grafica: Agnese Firullo

Coreografie: Tatiana Bonnici

Costumi e scenografie: Laboratorio Co.Mi.Ca

 

 

Cantanti:

Giulia Parisi, Damiano Restuccia, Agnese Firullo, Romualdo Trionfante, Cristiano Sipione, Francesco Firullo, Lucia Palmieri, Antonio Bandiera

 

Corpo di ballo:

Laura Bordone, Cristina Gallettini, Chiara Borgh, Alice Trimboli, Morena Bonnici, Erika Savasta, Salvo Serafia e Scherol Giovannella 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry