fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 4 novembre 2015 – Venerdì 6 novembre alle ore 17, presso il saloncino del Vescovado in Via Roma, 109 a Ragusa, verrà presentato alla stampa l'avvio dei workshop con i 50 destinatari di Costruiamo Saperi, il progetto della Diocesi di Ragusa in partenariato con Associazione Uniti Senza Frontiere, Confcooperative Sicilia e Associazione Architetti senza Frontiere e avviato con un contributo di Fondazione CON IL SUD.

Il bando di accesso al progetto ha visto la presentazione di settanta domande (di cui 35 donne), in rappresentanza di diciotto nazionalità. 

La commissione di valutatori ha selezionato i cinquanta partecipanti al progetto con cui si attiveranno processi di work experience e accompagnamento all’autoimprenditorialità nei settori  dell’edilizia, dell’artigianato e dell’agricoltura.

I selezionati riceveranno un accompagnamento alla formazione di gruppo e all’autoimprenditorialità durante dei focus group durante i quali si effettuerà una selezione sulla base delle competenze e delle motivazioni: 25 destinatari, tramite work experience, accederanno al percorso di autoimprenditorialità che porterà per almeno 10 di loro alla creazione di due cooperative o aziende e per i restanti 15 all’utilizzo di orti sociali e all’acquisizione di competenze spendibili per l’assunzione in aziende del territorio nell’ottica di favorire le condizioni per un lavoro onesto dal punto di vista retributivo, contributivo e della sicurezza.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry