fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 14 gennaio 2016 – Come ogni anno dal 18 al 25 Gennaio si celebra la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani che quest’anno ha come tema: “Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio” (1 Pietro 2,9).

“La proposta di preghiera e di riflessione ci arriva dalla Lettonia – dice padre Salvatore Converso, direttore dell’Ufficio diocesano Ecumenismo e Dialogo -  e ci porta a cogliere il rapporto fra Battesimo - annuncio e chiamata comune a tutti i battezzati di annunziare le opere meravigliose del Signore. Uniamo tutti  le voci nella lode a Dio per invocare l’unità dei cristiani  nel  mondo e in particolare nel territorio in cui viviamo”. 

Gli incontri ecumenici di preghiera, nella diocesi di Ragusa, si svolgeranno  secondo questo calendario:

- presso la Chiesa Pentecostale Parola della Grazia  presso l’Aeroporto di Comiso il 18 gennaio alle ore 19.30                

- presso la Chiesa SS. Rosario di Vittoria (via F.lli Briganti) il 2O gennaio alle ore 19.30     

 

Ricordiamo, inoltre, che il 17 gennaio 2016 è la XX giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo fra Cattolici ed Ebrei che quest’anno ha come tema il testo di Esodo 20, 1.17: «Dio allora pronunciò tutte queste parole: “Non desidererai la casa del tuo prossimo. Non desidererai la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo né la sua schiava, né il suo bue né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo”».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry