fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 12 settembre 2015 – Il  Sindaco Corrado Calvo ha ricevuto a Palazzo di Città i coniugi  Mario Ernesto Pape e Josefina Ana Trigilia  emigrati in Argentina dove attualmente risiedono nella città di  Viedma (Provincia di Rio Negro). Nel corso dell’incontro i due ospiti hanno  portato il saluto del Sindaco della Città di Vedma, Jose Luis Foulkes, e consegnato al primo cittadino rosolinese una sua lettera attraverso la quale  rivolge il proprio saluto e l’invito di averlo come ospite in un prossimo futuro.  

Il Sindaco da parte sua  ha ringraziato i due ospiti e, tramite loro  ha idealmente voluto abbracciare e ringraziare tutti i rosolinesi emigrati sparsi nel mondo, con particolare riferimento agli emigrati in Argentina, che non hanno dimenticato il loro paese e le loro  radici. 

“Per la città di Rosolini che mi onoro di rappresentare – ha affermato il Sindaco Calvo -   è sempre un grande piacere accogliere i propri figli che sono emigrati da tanto tempo.

Grazie alla loro laboriosità, onestà e intraprendenza hanno saputo integrarsi nelle varie comunità  contribuendo allo stesso tempo a mantenere vivi i sentimenti e le memorie per la loro  Città natia”.  Al termine i coniugi  Pape – Trigilia hanno voluto  ringraziare il Sindaco per l’ospitalità donandogli delle pubblicazioni sulla Città di Viedma, gagliardetti, mentre il Sindaco  Calvo   ha donato loro di una collezione di foto raffiguranti i luoghi e monumenti cittadini ed un attestato a ricordo della loro visita in Città.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry