Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Bollettino del Sudest

Grid List

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 2 settembre 2015 – È stato aggiudicato questa mattina in via definitiva, il bando relativo all'affidamento del primo stralcio funzionale per la riqualificazione energetica degli impianti di illuminazione cittadina con apparecchi led stradali. Aggiudicataria dell'opera, l'associazione temporanea d'impresa, che vede come capofila l'Ellepi S.r.l di Ragusa.

L'intervento, inserito peraltro all'interno del Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile dell'Ente, prevede la sostituzione delle lampade a vapori di mercurio, attualmente installate, con apparecchi Led di ultima generazione, caratterizzati da potenze ridotte di oltre il 60%, elevate efficienze luminose e ridotti oneri di manutenzione.

La sostituzione, consentirà un risparmio per casse del Comune, secondo le stime, di circa 220 mila euro l'anno, e riguarderà, in termini numerici, la sostituzione complessiva di circa 1400 corpi illuminanti, dislocati in oltre 40 arterie cittadine, tra cui via Risorgimento, via Paestum, via Archimede, via Colajanni, via Mongibello, via della Costituzione, via La Pira e via Forlanini. Secondo quanto previsto nel bando, i lavori si concluderanno entro 5 mesi dalla consegna.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 2 settembre 2015 – Prende il via nel suggestivo scenario dell’Anfiteatro Raganzino di Pozzallo una manifestazione di grande richiamo turistico culturale e forte coinvolgimento cittadino, occasione di riscoperta del nostro territorio e dei suoi tesori, ma anche occasione di incontro con la cultura popolare delle varie regioni del mondo. 

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Pozzallo in collaborazione con l’Associazione ANTHEA di Siracusa organizzano la prima edizione del festival “L’INVISIBILE Storie di Mondi e di Umanità”. 

 

La manifestazione si propone di raccontare attraverso IL VIAGGIO storie dense di umanità e diversità in un linguaggio magico tra teatro e musica che rappresenta lo scontro/incontro di culture e civiltà del Mediterraneo.

Questi i contenuti che meglio aderiscono al luogo/racconto di Pozzallo, emblema e testimone di un’epoca di migranti, tanto ricco di storia da non poter ridurre a “cronaca” la storia del mar mediterraneo, oggi scenario di una umanità in fuga. Il festival si propone di coinvolgere in un autentico happening teatrale e musicale le culture dell’area del mediterraneo, con artisti accuratamente scelti relativamente al loro valore artistico e alla loro appartenenza "etnica", che  rappresentano alcuni dei generi e stili  espressi dalle popolazioni che si affacciano su mediterraneo.

Il periodo scelto per la realizzazione dell’importante evento culturale, dal 10 al 13 settembre, si pone l’obiettivo di destagionalizzare il flusso turistico che affolla la nostra cittadina nei mesi di luglio e agosto e nel contempo attrarre un target di visitatore sempre più orientato verso la cultura e le meraviglie naturalistiche dei nostri luoghi.

 

Programma

GIOVEDÌ 10 SETTEMBRE CONCERTO

MARIO INCUDINE  “ANIME MIGRANTI”

VENERDÌ 11 SETTEMBRE TEATRI DI PIETRA 2015 

ARGONAUTI: GIASONE E MEDEA di AURELIO GATTI

SABATO 12 SETTEMBRE  CONCERTO

APTAL “ IL MEDITERRANEO PERDUTO” 

 

DOMENICA 13 SETTEMBRE TEATRI DI PIETRA 2015

TEMPESTA di AURELIO GATTI     

Organizzazione a cura dell’Associazione Culturale ANTHEA – SR

Direzione Artistica Antonio Paguni

 

La manifestazione sarà realizzata presso l’Anfiteatro Ranganzino. Inizio spettacoli ore 21,30 

Per info e prenotazioni contattare l’Ufficio Cultura del Comune di Pozzallo tel. 0932 794111 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 2 settembre 2015 – Sopralluogo del Sindaco Corrado Calvo, congiuntamente al Dirigente Andrea Macauda, docenti responsabili e  tecnici  della Provincia Regionale, presso la sede del Liceo Scientifico “Archimede” di via Sipione (1° Istituto Superiore). 

Un sopralluogo effettuato  su espresso invito dello stesso primo cittadino,  al fine di verificare lo stato dell’edificio e degli ambienti didattici con particolare riferimento alla palestra.  “L’iniziativa  - dice il Sindaco Calvo - mira a prendere visione direttamente delle esigenze di manutenzione e sistemazione delle strutture scolastiche cittadine e occasione di ascolto della componente scolastica, cioè di coloro, come dirigenti e docenti,  che quotidianamente vivono la scuola e ne conoscono i problemi.  

L’amministrazione darà priorità a quegli interventi in grado di incrementare gli standard di sicurezza e di vivibilità degli ambienti scolastici.. Il sopralluogo  odierno, presso la sede del Liceo Scientifico, ha interessato in particolare la palestra scolastica.

Il nostro obiettivo è quello di migliorarne la fruibilità con interventi mirati ad eliminare quelle criticità generate dal tempo  e permettere così il regolare svolgimento delle attività sportive non solo per gli studenti ma anche per quelle società sportive che hanno avanzato richiesta di utilizzo dopo la temporanea chiusura del Palasport “G. Tricomi” danneggiato seriamente  dall’evento  calamitoso verificatosi alla  fine dello scorso  mese  di luglio”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 2 settembre 2015 – Nei primo otto mesi dell’anno in corso sono state conferite oltre 540 tonnellate di rifiuti presso il  Centro Comunale di Raccolta di via Paestum, in quello di contrada  Palazzo a Marina di Ragusa e nell' ecostazione di Ibla. 

Lo ha reso noto l’assessorato comunale all’Ambiente con un resoconto  dettagliato che riporta l’aumento di oltre 70 tonnellate di rifiuti nel periodo maggio-agosto rispetto ai  primi quattro mesi dell'anno, mentre è quadruplicata la quantità di rifiuti conferiti rispetto ai dati dell’ultimo quadrimestre 2014, periodo di attivazione del sistema. 

“Sono più di 100.000 i conferimenti complessivi registrati nei tre centri attivi nel territorio urbano, con oltre 1,5 milioni di punti accumulati dagli utenti coinvolti –specifica l’assessore all’Ambiente Antonio Zanotto  -  

L'elenco dettagliato dei rifiuti conferiti, inoltre, mostra come siano oltre 215 le tonnellate di carta e cartone conferite nei primi 8 mesi del 2015, 106 le tonnellate di vetro, quasi 50 tonnellate di rifiuti biodegradabili da cucine e mense ed infine 19 tonnellate di abbigliamento vario. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pachino, 2 settembre 2015 – Pro Loco Marzamemi informa che nei giorni 5 e 6 Settembre 2015, presso Marzamemi, ci sarà il 1° Festival del Pesce Azzurro ideato e organizzato dall'associazione.

L'evento è stato pensato per valorizzare la storia e la cultura della pesca del borgo di Marzamemi in prospettiva di sviluppo turistico locale il quale, sta alla base degli obiettivi delle Pro Loco Marzamemi. Il pesce azzurro e l'economia della pesca, in questo caso, rappresentano l'autenticità del luogo con la quale si punta a far diventare il festival una delle attrazioni del territorio.

Il pesce azzurro verrà esaltato e reso importante nelle due giornate di sabato 5 e domenica 6 nelle quali ospiteremo i visitatori e turisti per assistere ad un importante convegno "Il Pesce Azzurro: da pane dei pescatori a principe della tavola" la storia della pesca e le tecniche di pesca del pesce azzurro saranno raccontate dalla famiglia Di Mercurio che vanta una straordinaria esperienza, si parlerà di nutrizione con la dott.ssa Stefania Arfò e di Ristorazione con lo Chef di fama internazionale Giuseppe Argentino che coordinerà insieme a Sicilia da Gustare il concorso per chef "Cuciniamo Azzurro".

Non mancheranno mostre e momenti musicali per accompagnare la degustazione del pesce azzurro.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Allegati:
Scarica questo file (Locandina-Programma.jpg)Programma[Programma]103 kB

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Melilli, 2 settembre 2015 – Dopo la nomina  dei nuovi  Assessori avvenuta lo scorso 13 agosto,  non è tardata da parte del Sindaco Pippo Cannata quella riguardante il Vice Sindaco,  nella persona dell’Assessore  Dott. Vincenzo Magnano,  nonché la determinazione di assegnare le relative rubriche ai componenti la Giunta Municipale. 

Gli atti sono stati formalizzati stamattina. 

A Magnano, oltre alla nomina di Vice, sono state assegnate le rubriche “Bilancio-Personale-Sanità”.

All’Assessore Stefania Ruffino sono state attribuite le rubriche “Legalità-Pubblica Istruzione-Cultura-Pari Opportunità” e all’Assessore Daniela Ternullo sono state delegate le funzioni relative alle rubriche “Sport, turismo, spettacolo-Sviluppo Economico-Artigianato-“Attività commerciali”.

La Giunta riferisce che ogni singolo Assessore ha scelto con ampia autonomia le materie di cui occuparsi e spera “di continuare a lavorare in sinergia per il benessere della Cittadinanza, confrontandosi democraticamente  su tutti gli argomenti”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 1 settembre ‘15 – Approvate le aliquote Imu e Tasi, con qualche modifica rispetto alle proposte della Giunta. Ci sono volute quasi sette ore di confronto, non senza molti momenti di tensione tra maggioranza e opposizione, affinché il consiglio comunale, nel corso della notte, esitasse i due provvedimenti che aprono la strada alla formalizzazione della proposta di bilancio preventivo 2015, che deve essere approvato entro il 30 settembre.

Confrontate con le decisioni della Giunta, le delibere dell'Assise dovrebbero comportare minori entrate dell'Imu, a vantaggio delle attività economiche e degli studi professionali che pagheranno il 7,6 per mille invece del 9, mentre è stato chiarito che il balzello viene applicato alle abitazioni principali, nella misura del 4 per mille, solo quando queste sono di lusso, cioè accatastate come A/1, A/8 e A/9. Per la Tasi, la proposta iniziale di incremento al 3 per mille del tributo sull'abitazione principale è stata contenuta al 2,7, ma è stata inserita una nuova aliquota del 3 per mille sugli immobili per attività economiche, formalmente “fabbricati strumentali utilizzati in via esclusiva per l'esercizio dell'arte o dell'impresa commerciale”.

Tutte le modifiche sono frutto di due emendamenti, gli unici approvati, presentati dalla maggioranza. L'Imu base resta al 10,6 per mille e al 9,6 per i terreni agricoli. Per le abitazioni principali di lusso, e relative pertinenze, è prevista una detrazione di 200 euro.

La nuova Tasi, nella misura del 2,7 per mille sulla prima casa, prevede due detrazioni: una di 30 euro, per ogni figlio a carico a partire dal terzo, e una in base alla rendita catastale secondo il seguente schema: 100 euro con rendita fino a 300 euro; 70 con rendita fino a 400; 50 euro fino a 500; nessuna detrazione per rendita superiore a 500. Resta immutata la Tasi dell'1 per mille sui fabbricati rurali a scopo strumentale. Tutte le modifiche vanno conteggiate nel saldo che deve essere versato entro il 16 dicembre.

Dopo un munito di raccoglimento per i migranti che giornalmente muoiono in mare, proposta del gruppo Area democratica e illustrata da Cosimo Burti, Cetty Vinci e Salvatore Castagnino hanno dato il via al dibattito sui provvedimenti tributari lamentando il non soddisfacimento della loro richiesta, avanzata nella seduta di giovedì scorso, di allegare alle proposte sulle aliquote i rispettivi regolamenti così da poterli adeguare agli emendamenti presentati.

Sempre riferendosi alla seduta di giovedì, Simona Princiotta ha ricordato che era stata chiesta la presenza in aula della Giunta e dei revisori dei conti per un'ampia condivisione dei provvedimenti in votazione, evidenziando la presenza del solo assessore al Bilancio, Gianluca Scrofani.

Salvo Sorbello ha stigmatizzato le assenze del sindaco e quella del suo vice, considerandole “un'offesa alla città” vista l'importanza delle proposte. E Castagnino, intervenendo subito dopo, ha chiesto il rinvio della seduta a una data da stabilire in base alle esigenze del sindaco. La proposta, messa ai voti dal presidente Leone Sullo, è stata respinta con 20 no, 2 astensioni e 1 sì.

La relazione sui due provvedimenti tributati è stata pronunciata dall'assessore Scrofani, che ha tracciato un bilancio delle politiche adottate per contenere la spesa e per scrivere un bilancio 2015 rispondente alla reale situazione dell'Ente. Ha evidenziato i 4,7 milioni di minori trasferimenti da Stato e Regione rispetto al 2014 (da 30 milioni a 9,7 da parte dello Stato dal 2011 al 2015; da 10 a 7,3 milioni dalla Regione nello stesso arco di tempo); ha parlato degli appalti messi a gara per mettere fine al sistema delle proroghe; di una maggiore capacità del Comune di riscuotere i tributi, in particolare la Tasi che ha fatto registrare 800mila euro in più rispetto al passato. Altri punti sottolineati: i tagli alle spese della politica con la riforma delle commissioni consiliari; un risparmio di 500mila euro sul personale comunale; il mancato pagamento delle utenze del palazzo di giustizia a partire dal oggi.

Nello specifico, sull'Imu è diventata motivo di polemica la formulazione dell'aliquota sull'abitazione principale. Castagnino ha rilevato che tale previsione era fuori dalla legge poiché l'Imu non è prevista per la prima casa, contestando anche il parere espresso dai revisori dei conti e chiedendo che fosse inviato alla procura della Corte dei conti. Dalla maggioranza, Cosimo Burti, illustrando l'emendamento che ha ridotto dal 9 al 7,6 per mille l'Imu sui fabbricati commerciali e gli studi professionali, ha replicato che la legge in realtà è stata rispettata poiché il la tariffa introdotta si riferisce agli immobili di lusso (accatastate come A/1, A/8 e A/9). Un argomento, questo, che è stato meglio esplicitato dal direttore generale, Vincenzo Migliore: l'Imu, ha detto, è materia sottoposta a riserva di legge nazionale, che ne esclude l'applicazione sulla prima casa.

Una spiegazione che non ha impedito Sorbello e Princiotta di puntare il dito rispetto sugli errori commessi, anche in passato, dalla burocrazia, errori, ha detto Fabio Rodante, dei quali anche i consiglieri comunali sono responsabili perché non riescono a cambiare questo stato di cose. Rodante, inoltre, ha accusato la maggioranza di non cercare, nelle commissioni, la concertazione con l'opposizione.

Sul complesso del provvedimento, a parte Gaetano Firenze che ha annunciato l'astensione, dalla maggioranza (Carmen Castelluccio e Alfredo Foti) hanno evidenziato che con gli emendamenti proposti, rispetto alle decisioni della Giunta, si riduce l'aliquota per gli immobili economici e commerciali, quindi delle imprese, e per gli studi professionali. Contrari dai banchi dell'opposizione: Massimo Milazzo, Vinci e Castagnino hanno evidenziato, anticipando il resto del dibattito, che la riduzione sarebbe stata assorbita da altri aumenti previste nella Tasi per le stesse tipologie di edifici.

Alla fine, la proposta delle aliquote Imu, dopo l'approvazione dell'emendamento della maggioranza, è passata con 21 sì, 5 no e 1 astensione; a maggioranza è passata anche l'immediata esecutività.

Il dibattito sulle aliquote Tasi, il tributo sulla prima casa che va a finanziare i servizi indivisibili, è stato incentrato sulla decisione della Giunta di proporre un aumento dello 0,7 per mille (dal 2,3 al 3), decisione fortemente criticata dalla minoranza e che la maggioranza consiliare ha deciso di modificare con un emendamento. Il primo a prendere la parola è stato Burti, che ha spiegato l'aumento con i tagli nei trasferimenti da Stato e Regioni, annunciando poi presentazione della modifica alla proposta per limitarla al 2,7 per mille.

Pronta la replica di Castagnino, per il quale la sostanza del provvedimento è un amento del balzello a fronte di servizi che restano scadenti, specie per i cittadini meno fortunati. Poi, dito puntato contro le spese per consulenti e contro i pareri contabili dati agli emendamenti, ritenuti superficiali.

Dalla maggioranza, Antonio Moscuzza ha evidenziato che tutti i comuni sono in difficoltà e tutti sono costretti a ritoccare i tributi per evitare “il rischio di fare macelleria sociale”, argomenti questi ripresi anche da Francesco Pappalardo.

Con un bilancio impegnato per 9 dodicesimi, ha detto Tanino Firenze, sarebbe stato meglio avere in aula il sindaco per chiarire le scelte fatte, mentre si rende necessario trovare fondi per investimenti. Firenze ha annu0nciato l'astensione anche su provvedimento della Tasi.

Dall'opposizione, Cetty Vinci ha lamentato i parere contabili negativi dati agli emendamenti a favore delle fasce deboli, dicendo che sarebbero stato meglio approfondirli, argomento questo al quale ha risposto il ragioniere generale, Giorgio Giannì, dicendo che le finanze dell'Ente e le nuove regole contabili impedisco anche il più piccolo scostamento rispetto alle previsioni di spesa per i servizi.

Altro motivo di scontro è stato l'introduzione della Tasi al 3 per mille sugli immobili strumentali, criticata dall'opposizione per le ricadute sull'economia e perché vanificherebbe il taglio operato sull'Imu aggravando la pressione fiscale. La maggioranza ha replicato che il balzello è interamente deducibile dalla dichiarazione dei redditi.

Dopo l'approvazione dell'emendamento della maggioranza, le aliquote Tasi sono state approvate con 20 sì, 3 no e un'astensione; con lo stesso esito è passata l'immediata esecutività del provvedimento.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Expo dei Territori, presentato il “Sudest wine fest”. Antico mercato 4/6 settembre

 

Siracusa, 2 settembre 2015 – Gli assessori alle Attività produttive, Teresa Gasbarro, e alla Cultura, Francesco Italia, ed il presidente della “Strada del vino e dei sapori del Val di Noto”, Sebastiano Gulino, hanno presentato oggi alla stampa il “Sudest wine fest”, vetrina delle eccellenze enogastronomiche delle province di Siracusa, Catania e Ragusa.

La manifestazione, giunta alla seconda edizione, è promossa dal ministero per i Beni e le attività culturali e si terrà all’Antico mercato di Ortigia dal 4 al 6 settembre. Protagonisti assoluti delle tre giornate siracusane saranno il vino, l’olio, ed i prodotti tipici del territorio che costituiscono la base dell’enogastronomia del sud est.

Non solo degustazioni ma spazio anche agli aspetti commerciali e salutistici, agli aspetti benefici della dieta mediterranea, agli incontri tra operatori economici. Previsto anche un cartellone di concerti jazz, curati dal maestro Rino Cirinnà, oggi presente in sala stampa, ed un’esibizione del Teatro dell’opera dei pupi.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ulteriori due tappe sono previste presso Expo, dopo la presenza a fine giugno

Numerosi gli appuntamenti previsti nell’agenda dei dirigenti del Consorzio di Tutela pachinese per valorizzare le peculiarità del prodotto

 

Pachino, 1 settembre 2015 – Fiere, esposizioni, eventi dal nord all’estremo sud della Penisola: continua senza soste l’attività di promozione e valorizzazione del Consorzio di Tutela Pomodoro di Pachino IGP, che anticipa i principali appuntamenti della stagione autunnale dove l’oro rosso del sud est sarà tra i protagonisti. Dopo il successo di pubblico della VII edizione della Festa del Pomodoro, tenutasi a Marzamemi tra il 4 e il 9 agosto e la cui prossima edizione, nel 2016, si svolgerà con ogni probabilità presso una diversa location, si sta già lavorando agli eventi che vedranno il Consorzio protagonista nei prossimi mesi.

Già nel prossimo fine settimana, dal 5 al 6 settembre, il Pomodoro di Pachino IGP sarà tra gli sponsor del I Festival del Pesce Azzurro, evento organizzato dalla ProLoco locale a Marzamemi.

A seguire, dal 16 al 17 settembre, il Consorzio sarà presente nuovamente all’Expo di Milano (dopo la partecipazione di fine giugno) grazie stavolta alla collaborazione con UnionCamere, esponendo le proprie eccellenze all’interno di Padiglione Italia.

Dal 23 al 25 settembre sarà la volta invece di MacFrut, importante fiera di settore, che quest’anno si svolgerà per la prima volta presso l’Expo Centre di Rimini in collaborazione con Gambero Rosso.

Ad ottobre invece, tra il 16 e il 18, il Consorzio tornerà ad Expo Milano dove esporrà presso il Cluster Biomediterraneo, gestito dalla Regione Sicilia.

“Si tratta di una serie fitta di incontri e appuntamenti – ha dichiarato il Direttore Salvatore Chiaramida – avente un denominatore comune unitario: far conoscere e valorizzare sempre più le caratteristiche organolettiche del vero Pomodoro di Pachino IGP rispetto alle altre produzioni.”

Sul fronte istituzionale, invece, il 9 settembre il Consorzio sarà al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali  a Roma per verificare l’iter di modifica del disciplinare di produzione e, nello stesso tempo,  partecipare all’incontro organizzato dal Ministero per costituire il Tavolo Permanente tra le Associazioni della Grande Distribuzione Organizzata e le Associazioni dei Consorzi di Tutela.

“Siamo onorati di far parte di questo Tavolo – ha dichiarato il Presidente Sebastiano Fortunato – che testimonia l’importanza che il nostro prodotto ha raggiunto grazie alla continua attività che il Consorzio svolge quotidianamente”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ferla (Siracusa), 2 settembre 2015 – Due catanesi avevano rubato una Fiat Uno nel centro di Sortino, ma sono stati scoperti dal proprietario che chiama i carabinieri, i quali dopo un inseguimento per le strade dei monti iblei, li arrestano. L’episodio è accaduto alle prime luci dell’alba sulla provinciale Sortino – Ferla, alle porte della cittadina montana. 

I due ladri C.G., 24 anni e N.O., di 18 entrambi Catanesi, nullafacenti, pregiudicati, nella notte tra martedì e mercoledì sono arrivati a Sortino con l’intendo di mettere a segno un furto. I due ladri hanno individuato una Fiat Uno parcheggiata all’ingresso di Sortino e dopo aver forzato lo sportello si sono impossessati dell’utilitaria. 

I rumori sono stati sentiti dal proprietario, il quale dopo aver notato che i due ladri si stavano dirigendo in direzione di Ferla ha fatto scattare l’allarme al “112” dei Carabinieri.  

A quel punto l’operatore del “112” smistava la comunicazione ai Carabinieri  di Sortino e Ferla, i quali in un servizio di controllo del territorio coordinato dal Comando Provinciale e dal Comando Compagnia, intercettavano l’automobile con i due ladri a bordo sulla Provinciale per Ferla.

I  posti di controllo posti immediatamente in essere al fine di bloccare  i due  malfattori, inducevano i due giovani, oramai sentitisi braccati ad accelerare e tentare di sfuggire ai Militari. Ne scaturiva un inseguimento per le strade Provinciale dei Monti Iblei. 

I due ladri per sfuggire alla cattura a forte velocità perdevano il controllo del mezzo, finendo fuori carreggiata e contro un muretto di cinta. I due giovani venivano bloccati e  arrestati per furto aggravato continuato in concorso. Gli arrestati, nella mattinata odierna, verranno tradotti presso il Tribunale di Siracusa per il rito direttissimo. 

I Carabinieri stanno accertando al fine di appurare il coinvolgimento e la presenza di altri complici che fungevano da staffetta per portare a segno il furto e accertare se l’autovettura potesse servire per portare a segno furti con la “spaccata” ai danni di esercizi commerciali della zona montana.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rosolini, 2 settembre 2015 – Ieri i militari della Stazione Carabinieri di Rosolini hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato V.V., avolese classe 1975 già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia. 

I carabinieri, impiegati in un servizio di perlustrazione finalizzato alla prevenzione dei reati con particolare riguardo al fenomeno degli abigeati e dei furti nei terreni agricoli, transitando lungo la S.P. 17, hanno notato una utilitaria ferma sul ciglio della strada in prossimità di un fondo agricolo privo di recinzione ed interamente coltivato a mandorleto. 

I Carabinieri, in considerazione della posizione poco consona del veicolo, ritenendo che lo stesso non appartenesse al proprietario del fondo agricolo, hanno effettuato un’ispezione all’interno del terreno notando, in un punto interno poco visibile dalla strada, un uomo a torso nudo che, avvalendosi di un bastone, stava raccogliendo mandorle da un albero. Prontamente bloccato dagli operanti, l’uomo veniva trovato in possesso di un sacco di juta con all’interno circa 50 kg di mandorle già raccolte e pronte per essere portate via. 

Le mandorle sono state immediatamente restituite al legittimo proprietario. L’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso la propria abitazione al regime degli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del rito direttissimo presso il tribunale di Siracusa. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 2 settembre 2015 – I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Siracusa hanno deferito in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio un 40enne siracusano, gravato da precedenti di polizia non specifici, sorpreso in via Aldo Carratore con alcune dosi di cocaina. 

I militari, recatisi in zona per effettuare alcuni controlli a soggetti trattenuti agli arresti domiciliari, hanno notato l’uomo intento a confabulare con un’altra persona; alla vista dei militari, l’acquirente si è dato a repentina fuga mentre il denunciato ha gettato immediatamente a terra tre involucri in cellophane contenenti, complessivamente, un grammo di cocaina. All’uomo i Carabinieri hanno anche sequestrato la somma contante di 90 euro in banconote di diverso taglio, verosimile provento dello smercio illegale.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 2 settembre 2015 – I Carabinieri della Stazione di Siracusa Ortigia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare emessa dal Tribunale di Siracusa nei confronti di P.S., siracusano, 25enne, con precedenti di polizia, già sottoposto all’obbligo di presentazione alla p.g. ed all’obbligo di dimora. 

Il provvedimento scaturisce dalle risultanze investigative ottenute dai militari dell’Arma che nel tempo hanno documentato reiterate violazioni agli obblighi imposti all’uomo, nonché accertato la sua responsabilità su reati verificatisi in Ortigia in materia di stupefacenti e furti. In particolare, i Carabinieri hanno deferito in due occasioni l’arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed acclarato la sua partecipazione al furto di un ciclomotore, in concorso con un soggetto pregiudicato. 

Questi fatti, verificatisi negli ultimi mesi, hanno evidenziato l’abitualità a delinquere del reo nonostante gli obblighi impostigli, non sufficienti ad impedire al giovane di continuare a commettere reati.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 2 settembre 2015 – All’alba di questa mattina diverse pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Siracusa, unitamente a personale della locale Polizia Municipale, hanno effettuato un servizio mirato ad individuare strutture abbandonate e zone della città adibite in via temporanea a bivacco da parte di persone irregolari o senza fissa dimora. 

Le attività sono scaturite, d’intesa con l’Assessorato all’Ambiente, anche a seguito di molteplici segnalazioni e richieste di intervento pervenute al 112 o direttamente presso le Stazioni Carabinieri. 

Gli operanti hanno controllato gli edifici dell’ex Carcere Borbonico, dell’ex Tribunale e dell’ex Motel Agip. Inoltre, sono stati verificati alcuni luoghi ed edifici saltuariamente utilizzati come ricovero nell’area della Stazione Ferroviaria e del deposito dei vagoni, di partenza dei pullman, oltre alle Grotte della Balza Acradina ed il Foro Siracusano. 

All’interno dell’ex Tribunale sono stati individuati due stranieri di nazionalità marocchina che vivevano in alloggiamenti di fortuna in pessime condizioni igienico sanitarie. Sono stati accompagnati presso gli uffici del Comando Provinciale dei Carabinieri di Siracusa dove, una volta rifocillati ed assistiti, sono state avviate le verifiche sulla regolarità della loro posizione sul territorio nazionale e quelle in ordine ad eventuali responsabilità penali per l’invasione di immobili. 

Anche una cavità della Balza è stata adibita a ricovero di fortuna ed utilizzata da due cittadini polacchi, che vi dimorano con due cani. La grotta verrà bonificata dalla notevole sporcizia presente e per gli occupanti, in attesa di una soluzione definitiva, sarà reperita una più idonea sistemazione limitatamente ai prossimi giorni. Come detto, nell’ambito del controllo sono emerse a fattor comune sugli obiettivi, diverse situazioni di degrado igienico con cumuli di rifiuti di ogni genere e materassi, il tutto rimosso da una squadra dell’I.G.M. che ha partecipato al servizio in questione. Inoltre, all’interno dell’ex Palazzo di Giustizia, nei vari piani sono state rinvenute centinaia di biglietti gratta e vinci di verosimile provenienza furtiva. Le attività di controllo proseguiranno anche nei prossimi giorni. 

Al riguardo, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Siracusa, Colonnello Luigi Grasso, ha detto: «Le situazioni di degrado ambientale possono costituire il prodromo di svariate forme di illegalità. Riteniamo indispensabile proseguire d’intesa con il Comune di Siracusa in attività di prevenzione come quelle di questa mattina anche per assicurare assistenza a persone che individuano come dormitori strutture o zone improvvisate mettendo a rischio la loro stessa incolumità e salute».

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cassibile (Siracusa), 1 settembre 2015 – Alle ore 9 di oggi i Carabinieri della Stazione di Cassibile sono intervenuti presso la locale filiale della Banca Agricola Popolare di Ragusa per una rapina effettuata da due soggetti. I militari sono giunti sul posto dietro richiesta telefonica del personale della Banca, effettuata ovviamente quando i due autori si erano già dati alla fuga a bordo di un autovettura di colore nero. 

La dinamica della rapina è la seguente: un primo soggetto, a volto scoperto, di età apparente 30 anni circa, è entrato nella filiale prendendo posto insieme agli altri clienti in quel momento presenti, aspettando l’altro complice, il quale dopo circa un minuto entrava a volto scoperto ed armato di taglierino, anch’egli di età compresa tra i 30 e i 35 anni. Una vola dentro dietro minaccia, hanno intimidito i cassieri ed i clienti presenti, facendosi consegnare il denaro in quel momento presente nelle casse, circa 5.000,00 euro. 

Al termine dell’azione delittuosa, si sono dati a rapida fuga a bordo di un autovettura, alla cui guida, verosimilmente, si trovava un terzo soggetto. Immediata l’attività di indagine e ricerca dei rapinatori, sinora con esito negativo. Al vaglio dei militari dell’Arma le immagini del sistema di videosorveglianza della banca. Inoltre presente anche personale specializzato dell’aliquota operativa della Compagnia Carabinieri di Siracusa per i rilievi tecnici all’interno dell’Istituto di Credito. 

Fortunatamente, eccetto lo spavento, nessuno dei dipendenti e dei clienti presenti al momento della rapina è rimasto ferito o ha subito violenza. Anche le loro dichiarazioni si stanno rivelando utili per le indagini in corso.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 1 settembre 2015 – I Carabinieri della Stazione di Priolo Gargallo hanno denunciato in stato di libertà due uomini del posto, entrambi gravati da precedenti di polizia, per ricettazione. 

Al termine di una serie di perquisizioni domiciliari condotte su diversi obiettivi per intensificare il controllo del territorio priolese in termini preventivi, i Carabinieri hanno rinvenuto nell’abitazione di uno dei denunciati le targhe anteriore e posteriore di una vettura, non oggetto di furto, che risulta intestata ad una donna residente a Misterbianco (Catania), una pistola giocattolo fedele riproduzione di un’arma semiautomatica, priva del tappo rosso, un contratto di assicurazione R.C. relativo ad un ciclomotore intestato ad altra persona, non meglio generalizzata, un telefono cellulare, una centralina per auto, tutto materiale del quale il soggetto non ha saputo fornire valida giustificazione circa la provenienza e le ragioni del possesso. 

Inoltre, all’interno dell’autovettura a lui in uso, i militari hanno sequestrato un bastone in legno, di 110 cm. di lunghezza, nodoso. 

Nell’abitazione del secondo uomo sono stati rinvenuti circa 150 kg. di matasse di cavi in rame completi di guaina, una pistola giocattolo priva del tappo rosso, una pistola lanciarazzi calibro 6, non funzionante. 

Indagini in corso da parte dei militari della Stazione Carabinieri di Priolo Gargallo per risalire alla provenienza del materiale sottoposto a sequestro.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 1 settembre 2015 – I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Siracusa hanno tratto in arresto, nella flagranza dei reati di evasione, resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale, B.D., 34enne siracusano, pregiudicato, attualmente sottoposto da maggio alla detenzione domiciliare per violazioni agli obblighi impostigli dalla sorveglianza speciale. 

L’uomo è stato riconosciuto dai militari mentre si trovava all’esterno della propria abitazione intento a litigare animatamente con un’altra persona. Alla vista degli operanti, entrambi sono fuggiti. 

B.D. è stato però bloccato e, in quella circostanza, in evidente stato di agitazione psicomotoria, ha iniziato a dimenarsi per divincolarsi rivolgendo nei confronti dei carabinieri minacce di morte. 

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato nuovamente sottoposto alla medesima misura restrittiva presso la sua abitazione.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa Ibla, 1 settembre 2015 – I carabinieri di Ragusa hanno arrestato due fratelli per furto aggravato in abitazione.

Domenica a Ragusa Ibla si sentivano continui colpi di martello: lavori di edilizia nei pressi di piazza della Repubblica, in un’abitazione di Salita Commendatore, bella scalinata di palazzi e case antichi con al centro la chiesa barocca di Santa Maria dell’Itria.

Ua donna allarmata (lavori di domenica?) ha chiamato il 112 e una pattuglia radiomobile è intervenuta sul posto, entrando in casa, e trovando due “vecchie conoscenze” dei militari dell’Arma, i fratelli A. e A. S., pregiudicati, uno sorvegliato speciale e l’altro ex, noti anche per tale tipo di “lavori”.

I due sono stati bloccati e caricati in auto. La casa si presenta come un campo di battaglia con mobili spostati (peraltro all’appello pare ne manchino un paio) e piastrelle divelte a colpi di scalpello in tutta la casa. Circa 200 lastre di 45X45 erano già state staccate e accatastate per essere portate via, probabilmente la notte successiva approfittando del buio.

Il valore della merce, senza considerare il valore del danno all’immobile e ai soldi che ci vorranno per lastricare nuovamente le stanze, sarebbe stato notevole, la pietra pece nuova, diventata molto rara, costa intorno ai cento euro a metro quadro, e quella antica – come nel caso di specie – è dagli appassionati pagata a peso d’oro per abbellire le abitazioni nuove o ristrutturate. Con i 40 metri quadri già pronti alla vendita i due criminali avrebbero fruttato almeno 4.000 euro.

Le piastrelle sono state direttamente rese alla proprietaria.

I due tipi, accompagnati in caserma e dichiarati in arresto per furto aggravato in abitazione in concorso, dopo i rilievi foto-segnaletici sono stati sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione del magistrato inquirente.

Purtroppo le molte case antiche non abitate sono facile preda dei ladri che portano via tutto, dai mobili alle travi da soffitto, dalle piastrelle agli infissi in pietra delle porte, senza parlare di scalini e caminetti. 

In genere queste cose finiscono in un mercato illecito di antiquariato costringendo i carabinieri dei nuclei tutela patrimonio culturale a sforzi notevoli tra mercatini dell’antiquariato e botteghe di restauratori alla ricerca di materiali trafugati.

Fortunatamente, anche questa volta, la sinergia tra un cittadino coscienzioso, un operatore 112 intelligente e una pattuglia veloce e determinata, hanno permesso ai carabinieri di stroncare l’ennesimo furto flagrante.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Distretto socio sanitario 46: Riaperti i termini per la presentazione delle richieste per il sostegno economico di cui all’art.1 punto b) dell’allegato al D.A. n.899/2012 per i nuovi soggetti affetti da Sclerosi laterale Amiotrofica (SLA)

 

Martedì, 1 settembre 2015 – Il Distretto socio sanitario 46 costituito dai Comuni di  Noto (comune capofila), Avola, Pachino, Portopalo C.P. e Rosolini, rende noto che l’Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro con Decreto n.384/serv. 5 del 24.02.2015, ha riaperto i termini per la presentazione delle richieste per il sostegno economico di cui all’art.1 punto b) dell’allegato al D.A. n.899/2012 per i nuovi soggetti affetti da Sclerosi laterale Amiotrofica (SLA) che non hanno mai inoltrato istanza negli anni precedenti. 

Le richieste dovranno essere presentate dal familiare del soggetto affetto da SLA presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di residenza, entro giorno 30 settembre  2015 .

 

Alle richieste bisogna allegare: 

Certificazione rilasciata dal medico curante che ne attesti la diagnosi;

Certificazione dei Centri di Riferimento Regionali che documenti la diagnosi e certifichi  lo stadio della malattia;

Stato di famiglia

 

Per ulteriori informazioni gli interessati potranno rivolgersi presso l’ Ufficio Servizi Sociali del Comune sito in  Via Tobruk – tel 0931 500680/500685.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 20 agosto 2015 – L’Azienda sanitaria  ha dato  l’avvio a due importanti Progetti: “Implementazione del Piano di indirizzo per la riabilitazione” e “Percorso assistenziale per soggetti affetti da disturbo dell’apprendimento – DSA.” Entrambi i Progetti fanno  parte  delle Linee progettuali del Piano Sanitario Nazionale.

 

Due Progetti che rispondano all’articolato  della  nuova legge dello Stato – “Disposizioni in materia di diagnosi, cure e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie”, approvata qualche giorno fa, con la quale si  forniranno  le prime risposte grazie all’inserimento nei livelli essenziali di assistenza dei trattamenti per l' autismo. Una conquista di civiltà perché oltre al miglioramento delle condizioni di vita, guarda all’inserimento nella vita sociale delle persone con disturbi dello spettro autistico.

L’Asp di Ragusa con la realizzazione dei  due “Interventi” riconosce l’importanza di avviare percorsi riabilitativi/abilitativi precoci attuando tutte quelle procedure necessarie a ridurre le difficoltà della condizione. 

Dice il dr. Giuseppe Morando, direttore dell’U.O.C. di Neuropsichiatria infantile dell’Asp e Referente dei Progetti, «Il riconoscimento precoce di una condizione di rischio per lo sviluppo di un disturbo dell’apprendimento consente sia di avviare un intervento precoce, sia di evitare l’insorgenza di problemi psicologici che si associano al disturbo specifico di lettura, quali bassa autostima, scarsa motivazione, senso di rassegnazione e depressione».

Il Progetto rivolto al contrasto della dislessia sarà realizzato dal  1 settembre 2015 e si concluderà il 31 agosto 2016, l’altro “Percorso assistenziale per soggetti affetti da disturbo dell’apprendimento – DSA” che vede impegnate le tre Neuropsichiatrie infantili dell’Asp: NPI di Ragusa, Modica e Vittoria,  e il Centro Autismo di Ragusa, prenderà il via il 1 novembre 2015 ed avrà la durata di un anno.

 

I Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) sono disabilità di origine neurobiologica che limitano le abilità di lettura (dislessia), scrittura (disortografia e disgrafia) e calcolo (discalculia), con ricadute sulle attività che necessitano della padronanza di queste abilità e non sono dovuti a deficit intellettivi, sensoriali e/o neurologici o a condizioni di svantaggio socioculturale.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 18 agosto 2015 – Il Distretto di Vittoria -  presidio ospedaliero “Riccardo Guzzardi” ha il suo referente per l’attività di procurement di organi, si tratta del dr. Sebastiano Tiralongo, dirigente medico in servizio presso la U.O.C. di Anestesia e Rianimazione del medesimo presidio.

Un’individuazione che si aggiunge a quella della delibera n. 2250/2013,   di istituzione  dell’Ufficio di Coordinamento Locale Trapianti, di cui al  Decreto Assessoriale  n. 14945/2011 dell’Assessorato regionale della Salute,   che prevedeva la responsabilità funzionale ed organizzativa al Coordinatore Locale dei Trapianti, al  dr. Santo Milardi, dirigente medico dell’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale “Maggiore” di Modica. Nello stesso provvedimento si individuava, altresì,  quale referente  per il distretto di Ragusa – P.O. “Civile-Maria Paterno’ Arezzo”, il dr. Luigi Rabito, direttore dell’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione dello stesso presidio. 

 

I trapianti rivestono una funzione ad alta valenza sociale, infatti, tale pratica può garantire prospettive di vita e recupero della salute a un gran numero di persone, riducendo anche i costi economici e sociali derivanti dalle più comuni insufficienze terminali di organo.

Il Progetto regionale “Donazioni e Trapianti”, a cura dell’Assessorato regionale alla Salute,  ha lo scopo di colmare il  gap residuo che separa la Regione siciliana da quelle virtuose per volumi di trapianto  di organi tessuti, promuovendo interventi finalizzati ad assicurare un costante impulso alle donazione ed al trapianto di organi nella Sicilia. 

Il Progetto prevede, quindi,  il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati al processo di procurement e di trapianto ed ha come obiettivi definiti l’incremento della donazione organi e tessuti e il miglioramento della qualità del processo di donazione di organi e la riduzione del tasso di opposizione alla donazione degli organi. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L’assessore Floridia: «Entro dicembre mediazione linguistica e card ticket»

 

Modica, 12 agosto 2015 – La prima notizia della ripresa delle attività è stata quella del bando con scadenza 11 settembre dedicato ai Lavori di Utilità Collettiva (LUC) della durata di 3 mesi nei Comuni di Modica, Ispica, Pozzallo e Scicli. E non a caso. “Bisogna dare risposte concrete a bisogni veri, e la necessità di occasioni lavorative, anche minime, rappresenta un’emergenza indiscutibile, con cui gli amministratori di questi territori fanno i conti giorno dopo giorno, al di là delle singole deleghe di cui sono portatori”, spiega infatti Rita Floridia, assessore ai servizi sociali di Modica, Comune capofila del Distretto sociosanitario 45. 

 

La sospensione di nove mesi, giorno più giorno meno, delle attività del Distretto, causata da intoppi burocratici che avevano bloccato il trasferimento dei fondi dalla Regione, ha “ovviamente” inciso negativamente sulla qualità della vita dei cittadini interessati, tuttavia, “pur dovendo ricordare quanto si siano spesi i responsabili del Dss  in termini di perseveranza, attenzione, consapevolezza, responsabilità, per far sì che si potesse finalmente riprendere a lavorare, nel rispetto dei diritti dei cittadini e degli stessi operatori, oggi non è il caso di recriminare. Oggi c’è da mettere in campo tutto ciò che si deve per recuperare velocemente il tempo trascorso”. 

Ed ecco, dunque, i programmi a breve. In autunno partiranno i progetti di mediazione linguistica, per facilitare la comunicazione fra persone e gruppi che vengono da altre nazioni e continenti e servizi. “Si tratta di progetti innovativi che trasformano in fatti una idea di civiltà, integrata, solidale, dialogante, oggi particolarmente importante di fronte all’acuirsi del fenomeno dell’immigrazione che è sotto gli occhi di tutti”.

Entro dicembre sono inoltre assicurati i servizi detti Card Ticket, che sostengono le famiglie più disagiate nell’acquisto di generi di prima necessità. E mentre “si sta correndo perché tutte le altre azioni previste siano tempestivamente attivate”, per le persone diversamente abili e i loro familiari, il Comune capofila aveva già fatto la scelta di mantenere in essere l’educativa territoriale, con ciò dando riprova di quanto considerasse “ineludibile la responsabilità di intervenire con sostegni concreti al fianco di coloro che hanno necessità particolari e vivono disagi specifici”. Non da ultimo, è ripresa anche l’attività di comunicazione del Distretto, compresi newsletter e profilo web (www.dss45.it), allo scopo di tenere informata su opportunità, servizi, bandi e scadenze l’intera popolazione. 

 

Tuttavia, la ripresa delle attività del Distretto è soprattutto l’occasione per ricordarne l’importanza soprattutto sotto il profilo della capacità di programmazione. 

“Il Distretto opera con una dimensione sovracomunale che è indispensabile non solo per rendere particolarmente efficaci gli interventi su intere categorie ma anche per far cogliere appieno i fenomeni sociali, le istanze, le consapevolezze, i bisogni. Ed è per questo sguardo sufficientemente allargato e approfondito che il Distretto rappresenta una sorta di ‘casa’ della civiltà dei diritti e della cultura del servizio pubblico alla quale va riconosciuto il merito, oltre che delle singole azioni portate avanti, anche della capacità di prevedere e preordinare le attività che serviranno in futuro. Mentre si lavora a ritmo intenso per realizzare i progetti già approvati e per ottenere l’approvazione dei progetti previsti per l’ultimo anno della triennalità in corso, infatti, si sta già prendendo nota di alcune iniziative da proporre per la successiva triennalità, dal 2017 in poi, come, per esempio, il servizio di mediazione familiare. A fronte dell’incremento delle separazioni e dei divorzi, consapevoli degli effetti che queste vicende hanno soprattutto sui figli, auspichiamo che nella prossima triennalità possano rientrare interventi  di mediazione sulla coppia genitoriale affinché sia supportata nell’educazione e nella cura dei figli”. 

 

Per informazioni: Maria Ausilia Scucces, Gruppo Piano Distretto Sociosanitario 45  - Tel +39 335 7878829.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il termine per partecipare al bando scade l’11 settembre. 159 i beneficiari che potranno lavorare per un trimestre

 

Ragusa, 7 agosto 2015 – Scade l’11 settembre 2015 il termine per presentare la domanda di partecipazione al bando dedicato ai Lavori di Utilità Collettiva (LUC) della durata di 3 mesi nei Comuni di Modica, Ispica, Pozzallo e Scicli. L’iniziativa, realizzata dal Distretto socio-sanitario 45, mira a favorire l’aiuto economico per le persone disoccupate che vivono in uno stato di disagio familiare, facendole lavorare nel Comune di residenza per un periodo di tre mesi.

Il bando è rivolto ai componenti di famiglie in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) pari o inferiore al minimo vitale determinato dall’Inps, che abbiano la residenza nel Comune in cui presentano richiesta di partecipazione da almeno tre anni, che siano in possesso di permesso dì soggiorno di durata non inferiore a un anno e che non siano seguiti presso centri o strutture di accoglienza la cui retta è a carico totale o parziale del Comune di appartenenza.

Per partecipare ai LUC è necessario presentare istanza presso l’ufficio Servizi Sociali del Comune di residenza, corredata da copia del documento d’identità e del modello Isee o della dichiarazione sostitutiva unica rilasciata da un ente abilitato, riferita al beneficiario e a tutti i componenti del nucleo familiare. Il bando completo e l’istanza di partecipazione si possono ritirare presso i Servizi Sociali dei Comuni di Modica, Ispica, Pozzallo e Scicli oppure è possibile consultarli e scaricarli tramite il sito internet del Distretto socio-sanitario 45 (www.dss45.it). 

Dopo l’11 settembre, la commissione del Distretto formata da quattro assistenti sociali, uno per ogni ente comunale, valuterà le istanze ricevute e stilerà una graduatoria per ciascun Comune, valutando una serie di criteri che vanno dal reddito alla tipologia del nucleo familiare (presenza di figli minorenni o maggiorenni, nuclei monogenitoriali, donne sole, abitazione di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari o del Comune o ancora in locazione da privati, presenza di soggetti in esecuzione penale).

 

Il Comune di Modica potrà avviare all’attività progettuale 76 utenti, il Comune di Scicli 36, il Comune di Pozzallo 26 e il Comune di Ispica 21. Chi si posizionerà nei primi 80 posti in graduatoria potrà svolgere i lavori di utilità collettiva dal mese di ottobre a dicembre 2015. I successivi 76 dal mese di gennaio a marzo 2016.

 

“Siamo molto contenti del lavoro svolto – sottolinea l’assessore ai servizi sociali del Comune di Modica Rita Floridia – Questo bando consentirà a un buon numero di persone provenienti da contesti familiari in difficoltà di poter svolgere un lavoro utile per la collettività. Con questa iniziativa abbiamo cercato di dare una risposta, nel nostro piccolo e per quello che possiamo, alle tante richieste di lavoro che riceviamo giornalmente, a fronte dell’alto tasso di disoccupazione”.

 

 

 

Per maggiori informazioni:

Maria Ausilia Scucces, Gruppo Piano Distretto Sociosanitario 45  - Tel +39 335 7878829.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 29 luglio 2015 – L’Azienda Sanitaria di Ragusa apre, nell’U.O.C. di Pediatria del P.O. “Maria Paternò Aezzo” l’ambulatorio pediatrico per l’assistenza alle persone con diabete in età pediatrica, in ottemperanza a quanto stabilito dal Decreto Assessoriale del 9/08/2013.

Il Decreto dell’Assessore alla Salute  prevede l’articolazione territoriale dell’assistenza specialistica diabetologica pediatrica  in quattro  Centri di Riferimento Regionale  – CRR- ( Palermo, Messina, Catania e Caltanissetta)  e in tre  Centri Satelliti (Palermo Az. ospedali riuniti Cervello-Villa Sofia, Trapani Azienda sanitaria provinciale e Ragusa Azienda Sanitaria provinciale)  – ambulatoriali – infatti, l’Asp ha sottoscritto una convenzione con l’Azienda Ospedaliera di Catania “Vittoria Emanuele”, delibera n. 10510/2015.

«Una risposta concreta – ha affermato il direttore generale, dr. Maurizio Aricò, alla domanda di assistenza sanitaria per le persone con diabete in età pediatrica e che prevede, altresì la formazione del personale dell’U.O. di Pediatria di Ragusa.»

L’ambulatorio   si avvarrà della collaborazione specialistica della prof.ssa Donatella Lo Presti, professore aggregato e dirigente medico dell’U.O.C. di Clinica pediatrica del “Vittorio Emanuele” e del personale medico ed infermieristico dell’Azienda sanitaria di Ragusa. Le prestazioni della prof.ssa Lo Presti, verranno garantite con cadenza quindicinale.   

L’attuale modello assistenziale prevede la gestione clinica specialista del diabete mellito in età evolutiva presso Servizi di Diabetologica pediatrica (Legge 115/1987, art. 5; Piano per la malattia diabetica). Bambini e adolescenti (0-18 aa.) devono essere seguiti in ambiente pediatrico dedicato e specializzato (legge 176/1991 “Convenzione di New York sui diritti del fanciullo”). Inoltre devono essere curati in ospedale soltanto nel caso in cui l’assistenza di cui hanno bisogno non possa essere fornita a pari livello a domicilio o presso ambulatori o in day service.

Bisogna garantire adeguata assistenza al bambino con malattie croniche e disabilitanti, accentuando la tendenza alla deospedalizzazione con adeguati piani di assistenza sul territorio. Ciò può realizzarsi attraverso la strutturazione di funzioni specialistiche per la prevenzione, la diagnosi e la cura del diabete in età evolutiva che si caratterizzino come unità diagnostico-terapeutiche integrate ospedale-territorio, con l’obiettivo di minimizzare la quota di accessi ospedalieri impropri e di favorire le dimissioni precoci e protette in integrazione con il livello assistenziale territoriale nel caso in cui sia necessario ricorrere al ricovero ospedaliero.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 26 luglio 2015 – Nuovo direttivo e nuovo presidente per ARI Ragusa, l’associazione dei radioamatori.

Si è tenuto oggi il referendum per il rinnovo degli organi direttivi (Comitato Direttivo e Collegio dei Sindaci).

Il nuovo presidente, dr. Salvo Micciché IT9CLU, ha voluto ringraziare il past president Ing. Salvatore Branca IT9IPG (ora vice presidente) per l’impegno profuso per due mandati e per l’entusiasmo con cui ha guidato l’associazione in tanti anni. Vecchio e nuovo presidente hanno rivolto elogi anche all’ex segretario Maurizio Pisana e ai consiglieri non rieletti.

Dopo le operazioni di voto (avvenute in parte nei giorni precedenti con l’invio per posta di schede votate e in parte questa mattina sino a mezzogiorno) sono risultati eletti, per il Comitato Direttivo Enzo Licitra IT9DQC (Segretario, Acate), Salvo Micciché IT9CLU (Presidente, Ragusa - Scicli), Salvatore Branca IT9IPG (vice presidente, Pozzallo), Massimiliano Leggio IT9AJI (Ragusa), Giuseppe Fede IT9KFA (Vittoria), Carlo Di Raimondo IT9GUF (Modica) e Gianfranco Salice IT9OUY (Ragusa).

Il Collegio dei Sindaci è formato da Corrado Terranova IT9ZEO (Modica), Carmelo Ortisi IT9BEC (Modica) e Salvatore Giummarra IT9XGU (Chiaramonte Gulfi - Ragusa).

A  breve avverrà il passaggio delle consegne.

«Un’elezione nel segno della continuità e dell’innovazione –ha detto Salvo Micciché–. Il presidente Branca ha guidato ARI in anni difficili, con l’intermezzo di un commissariamento che ha danneggiato la sezione e che ora, per fortuna, è stato superato: si va avanti su ciò che si è costruito e su nuove basi, con nuove leve, nuovi soci, nuovi obiettivi. La radio è ancora, non ostante l’era dei cellulari e di Internet, il mezzo di comunicazione principe nelle emergenze, e per fini istituzionali e sociali: il primo “wireless” della storia, grazie a Guglielmo Marconi. A noi il compito di farle onore, a Ragusa, come in Italia e nel Mondo. Ringrazio tutti i soci che hanno avuto fiducia in noi, e in particolare in me; spero di essere all'altezza del compito».

ARI fa parte dell’associazione nazionale con sede a Milano, che già fu “Associazione radiotecnica italiana”, ente morale che si rifarà a Guglielmo Marconi e che si occupa di associare gli amatori della radio (sia “OM” cui sono affidate bande di frequenze su cui trasmettere -pervio esame, concessione di una patente di radiooperatore e un nominativo ministeriale, con varie tecniche: fonia, telegrafia, digitale…, sia “SWL”, radioascoltatori, “BCL”, broadcast listeners, scienziati e sperimentatori vari, autocostruttori) e di fornire assistenza nelle emergenze, collaborando con le Prefetture e gli enti governativi.

 

ARI Ragusa ha sede nella S.P. 25, altezza Contrada Renna, dopo Poggio del Sole, e fa parte del Comitato regionale ARI Sicilia.

Info: http://www.ariragusa.it

 

 

 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 luglio 2015 – Estate significa bel tempo e vacanze, ma, spesso, anche mal d’orecchio. È soprattutto durante il periodo estivo, infatti, che le otiti esterne mostrano un significativo aumento di incidenza. 

Nella maggior parte dei casi si tratta di infiammazioni acute che interessano diffusamente il rivestimento cutaneo del condotto uditivo sostenute da germi normalmente presenti nell’orecchio esterno e favorite, tra l’altro, dai micro traumatismi locali (uso improprio di cotton-fioc o di altri “arnesi” di piacevole grattamento: forcine per capelli, fiammiferi, cappucci di penna) e dall’introduzione e ristagno nel condotto di acqua spesso poco pulita (mari, laghi, fiumi e soprattutto piscine).

Non a caso, l’otite esterna batterica diffusa è un’affezione più frequente nei climi caldo-umidi e poiché il nuoto predispone l’orecchio a questa malattia essa viene spesso chiamata “l’otite del nuotatore”.  Nella fase iniziale i sintomi riferiti dal paziente sono il prurito o una vaga sensazione di fastidio e di orecchio chiuso, sintomi che rapidamente cedono il posto a un dolore violento e ad un evidente abbassamento della funzione uditiva dal lato colpito. L’otalgia (dolore all’orecchio) è violenta e lancinante, irradiata verso la tempia e la mandibola e accentuata dalla pressione sui tessuti intorno all’orecchio e dalla trazione sul padiglione. 

La sua particolare intensità è dovuta alla intima aderenza della pelle sui tessuti sottostanti. Anche la semplice masticazione o il semplice atto del parlare accentuano notevolmente la sintomatologia dolorosa. L’abbassamento della funzione uditiva (ipoacusia) è consequenziale ad un insieme di fattori che tendono a restringere o addirittura a chiudere il condotto uditivo esterno: edema della cute e ristagno di secrezione nel condotto. Non è infrequente, inoltre, un interessamento della membrana timpanica. All’esame obiettivo si può rilevare una secrezione biancastra (sierosa) i giallognola (purulenta), più o meno abbondante, che fuoriesce dall’orecchio. 

L’otoscopia (esame del condotto e della membrana timpanica mediante strumentazione idonea, otoscopio portatile o microscopio) è la procedura che permette al medico di fare diagnosi di otite esterna e, eseguita nella fase iniziale, dovrà essere praticata con la massima delicatezza data l’estrema sensibilità della cute che è infiammata e fortemente aderente ai piani sottostanti. Nelle fasi avanzate il restringimento del condotto è tale da rendere impossibile l’introduzione dell’otoscopio e persino delle gocce auricolari prescritte a scopo terapeutico. 

Per quanto riguarda il trattamento, la sintomatologia dolorosa va combattuta, almeno per i primi giorni, con l’uso di sostanze analgesiche per via sistemica. La pulizia accurata del condotto, con asportazione dei detriti epidermici, cerume e secrezioni patologiche è un punto estremamente importante non solo per la diagnosi, ma, soprattutto anche per la terapia. Essa, infatti, eseguita da parte dello specialista con una porta cotone sterile o, meglio, con un’aspirazione controllata al microscopio otoiatrico, permette l’introduzione di garza orlata auricolare o di cilindretti di materiale spugnoso a espansione che, oltre a mantenere aperto il condotto e drenare le secrezioni servono a favorire la penetrazione il più profondamente possibile delle gocce otologiche. L’applicazione di tali gocce auricolari costituite in genere da una soluzione associata di cortisone e di antibiotici a largo spettro, va ripetuta 2-3 volte al giorno. Nelle forme con febbre e notevole tumefazione dei tessuti molli del condotto uditivo esterno, del padiglione auricolare e della zona periauricolare è consigliato l’uso di antibiotici per via generale.

Infine, per quanto riguarda le recidive bisogna cercar di eliminare tutte le possibili cause di traumatismi del condotto, ma anche con questo il problema è di difficile soluzione nei climi caldo-umidi e per i nuotatori. Per questi ultimi si raccomanderà di lavare sistematicamente dopo ogni bagno le orecchie durante la doccia e di asciugare bene alla fine della stessa o di instillare in esse alcune gocce di una soluzione di acido borico al 2% e poi, …benvenuta estate.               

 

Dr. Enzo Calabrese 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Laboratori creativi per diversamente abili a Pozzallo

CONCLUSE CON SUCCESSO LE ATTIVITA’ LABORATORIALI DEL PROGETTO “UN MARE D’AMBIENTE” NEL CENTRO DIURNO PER DISABILI

 

Pozzallo, 21 luglio 2015 – Il progetto “Un Mare d’Ambiente, realizzato dall’Associazione Legambiente “Il Carrubo” di Ragusa in collaborazione con Comune di Pozzallo, e supportato dal Ministero della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, non ferma le sue attività neanche durante la stagione estiva.

Il progetto, che prevedeva in una prima fase laboratori creativi per la realizzazione di oggetti da materiali di scarto negli Istituti Scolastici cittadini, ha avuto la sua evoluzione in incontri presso il Centro Diurno per Disabili di Pozzallo.
Le attività sono state adattate per essere consone a persone con disabilità psichica e fisica.

Per ogni singolo utente sono stati apportati programmi specifici tenendo conto della personalità e del grado di handicap in relazione alle singole esigenze.
Le attività sono svolte in gruppo, anche se ogni persona è stata dedita alla realizzazione di opere individuali, quali portafoto, portapenne fiori e vasi, tutti rigorosamente realizzati in materiale riciclato.

“Queste esperienze servono a capire meglio l’altro in senso lato, accogliere e valorizzare le differenze e rendere la nostra comunità più ricca, aperta e dinamica”, commenta Annalisa Figura, operatrice di Legambiente.
Le attività portate avanti nel Centro Diurno, hanno infatti dato vita ad uno spazio di aggregazione e di socializzazione basato sul tema del riciclo creativo. La promozione di percorsi personalizzati per lo sviluppo delle potenzialità individuali hanno permesso di sviluppare capacità creative e comunicative e nello stesso tempo offrire momenti collettivi di gioco e divertimento agli ospiti del Centro.

“Spesso creatività e disagio psichico si intersecano, sviluppando propensioni immaginative di grande originalità e forza”, commenta a margine degli incontri il Presidente di Legambiente Antonino Duchi. “L’ obiettivo delle nostre attività è quello di acquisire conoscenze e trasmetterle, e comprendere che la diversità non è un fattore negativo, ma a volte può anche essere un tramite per espandere creatività e intelligenze”. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 30 agosto 2015 – Continua il successo della mostra di Piero Guccione a Scicli: la sera di Sabato 29 l’On. Stefania Prestigiacomo, più volte ministro, ha visitato al Brancati la personale del Maestro, dichiarando: “Sono ammirata per la vivacità turistica e culturale di Scicli, dimostrata anche da questa splendida mostra. Complimenti a voi e agli sciclitani tutti!

L'ex ministro è stata accolta dal direttore de Il Giornale di Scicli, prof. Franco Causarano.

 

La mostra rimarrà aperta fino all’8 Settembre.  Orari di apertura: 9.30–13, 16–24; ingresso gratuito.

 

s.m.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Per promuovere il concorso nei mesi scorsi la Presidenza del Consiglio Comunale e l'Assessorato ai servizi sociali organizzarono un incontro con i detenuti e le scuole

 

Ragusa, 27 agosto 2015 – Giuseppe Fontana, detenuto presso la Casa circondariale di Ragusa, che ha partecipato al Premio letterario “Goliarda Sapienza” risulta essere tra i finalisti  del suddetto concorso nazionale. 

Nei mesi scorsi, su iniziativa della Presidenza del Consiglio Comunale e dell'Assessorato ai servizi sociali, presso la Casa Circondariale di Ragusa e nelle scuole della città furono promossi degli incontri, con  la presenza dei giornalisti, rivolti ai detenuti ed agli studenti per presentare il Premio letterario nazionale “Goliarda Sapienza”.

Per l'occasione intervennero a Ragusa la giornalista e scrittrice, Antonella Bolelli, fondatrice del Premio e lo scrittore Federico Moccia. 

La giornalista Antonella Bolelli sarà domani a Ragusa ed accompagnata dal Presidente del Consiglio Comunale, incontrerà Giuseppe Fontana. 

“Rientrare tra i finalisti del premio - dichiara il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Iacono - costituisce un eccellente risultato per l'autore ed anche per gli operatori dell'Istituto di Pena di Ragusa la cui attività di sostegno ha contribuito a stimolare  il desiderio di raccontarsi con sincerità attraverso uno scritto”. 

A Giuseppe Fontana, come a tutti gli altri finalisti del concorso, è stato abbinato un tutor d'eccezione quale è lo scrittore Federico Moccia. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pachino, 26 agosto 2015 – Un anno sociale all'insegna di importanti traguardi ma anche di nuove sfide. È il bilancio tracciato da Giovanni Firera presidente dell'Associazione culturale “Vitaliano Brancati”, nel corso dell’annuale riunione dei soci fondatori tenutasi nei giorni scorsi presso il ristorante “Il Palmento”.

All'incontro ha preso parte anche Antonia Brancati, figlia di Vitaliano e di Anna Proclemer.

Nel ripercorrere un anno di attività organizzativa, il presidente Firera ha ricordato il Premio internazionale di Giornalismo intitolato allo scrittore pachinese, giunto alla sua quinta edizione, assegnato lo scorso maggio nell'ex Palmento Di Rudinì a giornalisti del calibro di Massimo Giletti volto noto de “L'Arena” di RAI Uno, Corradino Mineo oggi senatore della Repubblica, Tonia Cartolano inviata di punta di Sky TG24, Ettore Boffano vicedirettore de Il Fatto Quotidiano.

Ma anche la presentazione dell’ultimo libro dell'astronauta Maurizio Cheli, tenutasi nella splendida ed esclusiva location di Palazzo Reale a Torino e che ha fatto registrare un largo successo di pubblico. A suggellare un'intensa stagione di successi è arrivato anche il Premio Portopalo Più a Sud di Tunisi, assegnato a Firera per il suo impegno nel campo della comunicazione istituzionale, ma anche per le attività di promozione culturale svolte attraverso l'Associazione.

Molte, inoltre, le novità prospettate nel corso della serata, come la costituzione di un Centro Studi e Ricerche di Archeologia, per valorizzare i tesori del territorio di Pachino, il cui coordinamento sarà affidato a Guido Rabito, appassionato di storia locale e artefice di studi e ricerche sull'origine della città; un settore Studi di Enogastronomia e Agroalimentare, affidato a Sebastiano Barone, ex sindaco di Pachino ed esperto in materia; infine un settore Teatrale, affidato allo scrittore e saggista Corrado Di Pietro.

Tra i progetti in cantiere, anche una serie di iniziative ad hoc per promuovere nelle scuole la figura e l'opera di Vitaliano Brancati. Intanto, fin dalle prossime settimane il direttivo si metterà a lavoro per organizzare la sesta edizione del Premio di Giornalismo, per il quale si pensa già a nomi importanti del panorama nazionale.

«L’Associazione culturale “Vitaliano Brancati” - ha dichiarato Firera - vuole dimostrare che volere è potere. La crescita di una società passa, per forza di cose, principalmente dalla crescita culturale dei suoi cittadini, e soprattutto dei suoi giovani, a cui bisogna indicare la via da seguire». 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Scicli, 25 agosto 2015 – Si sta rivelando l’evento dell’Estate sciclitana la mostra del Maestro Piero Guccione, “Amori”, che si tiene presso il Circolo “Brancati” di Scicli (via Mormino Penna): infatti in due settimane l’antologica è stata visitata da oltre 11.000 persone, rimaste incantate dalla “stanza della bellezza” offerta (e mai offerta fu migliore…) dalla Città di Scicli a uno dei suoi figli più illustri; i sessanta pastelli di Guccione regalano visioni ed emozioni ai visitatori.

Fino all’8 Settembre un ambiente del “Brancati” rimarrà abbellito come una stanza di una casa, così come erano le pinacoteche dell’Ottocento.

Ci piace qui sottolineare che per tutta la giornata c’è un flusso continuo di visitatori che raggiunge l’acme fra le 21 e le 24: i futuri amministratori della nostra città ci riflettano: nella città di Montalbano e dell’UNESCO vengono turisti colti, che già conoscono le capitali europee - oltre che Firenze Venezia Palermo Pisa Siena Siracusa Cefalù Taormina Agrigento Siviglia Cordova Porto Cascais… -   quindi l’ulteriore sviluppo del turismo sciclitano dovrà tener conto degli eventi culturali di qualità.    

La città di Piero conclude così le manifestazioni per gli ottant’anni del Maestro, dopo le mostre di Vicenza, Ragusa e Modica, 

La personale è stata voluta dal “Brancati”, di cui Guccione è stato il primo presidente nel 1980, e propone opere finora sconosciute ai più, pensieri creati dal Maestro come gesti affettuosi in primo luogo per la sua compagna Sonia Alvarez e per i tanti amici: si tratta di fiori, di d’après, di mari, di omaggi alla sua città e ai suoi simboli. Scrive Paolo Nifosì: sono “opere inedite, viste per la prima volta, a cominciare dal ritratto frontale di Sonia solenne e malinconico, carico di pensieri e di incertezze (…). Inoltre vi sono pastelli dedicati ai tanti amici (in un pastello si legge:” essere felici con i propri “amici” in armonia col mondo e raggiungere la felicità…) a cui ha fatto omaggio in occasione di un compleanno, di un onomastico, di una cena, di un evento particolare” 

Insomma, un Guccione intimo e segreto che per la prima volta si ha la possibilità di fruire. L’esposizione di opere a Scicli ha un significato particolare per la partecipazione emotiva che si avverte nella resa spesso immediata, altre volte macerata e sofferta, frutto d’intensità, di tensione e di sensibilità per gli accadimenti spesso piacevoli, e qualche volta drammatici, della vita.

La mostra ha come sponsor la BAPR, il Comune, la Confeserfidi, Cora Banche, le Generali, il Millennium, Nivera, la Ronda, il Rotary, Vacanze Unesco.

 

Giuseppe Pitrolo

 

Orari di apertura: 9.30–13, 16–24: tutti i giorni fino all’8 Settembre; ingresso gratuito

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 23 agosto 2015 – La galleria d'arte Koiné Scicli rende omaggio al Maestro Piero Guccione con una piccola mostra antologica di pastelli risalenti a diversi periodi della sua carriera artistica a sottolineare il grande contributo che l'artista ha dato all'arte contemporanea e alla terra in cui è nato. 

I suoi paesaggi, come ricerca di sé e del senso della vita, emergono sulla tela con linee di colore soffuse e infinite, il mare e il cielo come metafora dell'armonia dell'universo stupiscono per la loro luce, per le pennellate e i segni sempre più evanescenti, per i colori azzurri, verdi, gialli contrapposti talvolta al nero, al buio dell’anima, alle pulsioni non espresse, alla finitezza dell’Uomo. 

Per Guccione, il simbolo della caducità della vita è un fiore meraviglioso che colora i nostri giardini, l’ibiscus, di una bellezza intensa ma fugace, l’incanto di un giorno destinato a svanire al calar del sole. 

L’artista ama l’ibiscus, ne è quasi ossessionato, l’ha rappresentato decine di volte negli ultimi anni perché sintetizza il senso delle nostre vite, vissute con affanno verso una felicità irraggiungibile, per la delusione della fine repentina del percorso, ma memori della bellezza e dell'intensità dei colori e della luce dell’Universo.


Mavì Marino

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 19 agosto 2015 – La Galleria d'arte Koiné Scicli vi invita Domenica 23 Agosto 2015 alle 21.00 a partecipare alla presentazione del progetto di cooperazione internazionale del Centro Comunitario Tierra Roja Cuxtitali. 

L'organizzazione non governativa e senza fine di lucro è situata nella periferia urbana di San Cristobal de Las Casas, città del Chiapas, nelle montagne del sud-est messicano.

Nella piccola scuola che è stata costruita si ricevono bambine, bambini e donne, di origine indigena o provenienti da famiglie con scarse risorse economiche, che non hanno accesso al sistema educativo e alla maggior parte dei servizi e diritti di base. L'obiettivo delle attività formative e creative è insegnare a leggere e a scrivere, conoscere le basi della matematica, esprimere le proprie capacità comunicative e creative e creare un ambiente di convivenza sano, in un contesto di conflitti sociali e razziali. 

Il Centro Comunitario Tierra Roja Cuxtitali vuole garantire il diritto a un'educazione e a una vita senza discriminazioni e contribuire ad aumentare le opportunità di integrazione per un futuro dignitoso e più giusto.

Dopo la breve presentazione si aprirà uno spazio di dialogo e dibattito. 

 

Domenica 23 agosto alle 21 alla Galleria d'arte Koiné Scicli in Via Mormino Penna 40.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

IL 23 A PALAZZO GAROFALO L'INAUGURAZIONE DELLA SESTA EDIZIONE


Ragusa, 19 agosto 2015 – Per il sesto anno consecutivo, all'interno degli eventi culturali della Festa di San Giovanni Battista, si terrà "Artisti iblei per San Giovanni" collettiva di pittura all'interno della quale espongono diversi pittori della nostra provincia. La mostra ha da sempre la direzione artistica del Prof. Michele Digrandi che, ogni anno, ha ricercato sul territorio numerose eccellenze artistiche ed anche alcuni giovani esordienti.

"Sembra che il tempo sia velocemente passato da quando nel 2010 l’amatissimo don Carmelo Tidona e lo scoppiettante, competente e molto entusiasta gruppo dei Giovani del comitato dei festeggiamenti, mi hanno affidato questo piacevole e, sotto certi versi, arduo e in qualche caso complicato compito", dice il prof. Michele Digrandi.

"Ho cercato, sin dal primo momento, di invitare alcuni degli artisti più validi e conosciuti di Ragusa e altri meno noti che magari non avevano avuto la possibilità di avere l’opportunità di essere conosciuti dal grande pubblico ma che hanno dimostrato di possedere delle buone qualità grafico-pittoriche. 

Anche quest'anno, come ampiamente spiegato nel corso di ogni edizione attraverso la stampa e le parole dette durante l'inaugurazione, l'esposizione ha l'obiettivo di mettere in evidenza - utilizzando tecniche e temi cari ad ogni artista – la ragusanità nell'arte.

"Durante le precedenti edizioni" dice Michele Digrandi, "ho cercato di invitare artisti non soltanto ragusani, che si sono ispirati quasi sempre agli aspetti del nostro territorio utilizzando il loro modo di sentire e di fare arte, ispirandosi dalle varie correnti artistiche del ‘900 dal figurativo fino all’informale. Ad esempio nel mio caso - come ho già fatto nelle precedenti edizioni - cercherò di pre-sentare delle opere dedicate a tematiche nostrane, già affrontate da me all’inizio degli anni ’80 e che purtroppo sono ancora attuali, come la lotta contro la Mafia e l’inquinamento marino, fluviale e terrestre (del resto anche Papa Francesco in varie occasioni ha tuonato contro i corrotti e i mafiosi, e recente-mente ha detto “Dobbiamo custodire queste cose che Dio ci ha dato: Il creato è per noi affinché ne profit-tiamo bene; non sfruttarlo, ma custodirlo, perché Dio perdona sempre, noi uomini perdoniamo alcune volte, ma il creato non perdona mai e se tu non lo custodisci lui ti distruggerà”).  


Quest’anno esporranno Manuela Arrabito, Anna Bufardeci, Michele Digrandi, Giuseppe Distefano, Elena Giampiccolo, Roberto Ingallinera, Fabrizio Occhipinti e Giuseppe Ottaviano. La mostra, insieme a tutti gli altri eventi culturali che come sempre si terranno presso le sale espositive di Palazzo Garofalo (Corso Italia 87) sarà inaugurata il 23 Agosto alle ore 18 e sarà visitabile fino al 30.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un percorso articolato in quaranta opere di grandi dimensioni che rappresentano la grazia e l'armonia dei "Tuffatori", indagano la magia nascosta nei "Volti" e mostrano l'unicità enigmatica dei "Gemelli". A Noto con "Dasein", termine preso in prestito dalla filosofia tedesca (Heidegger), Sergio Fiorentino racconta il suo "esserci" nel senso spaziale e temporale, il suo tentativo in divenire di analizzare il presente

 

Noto (Siracusa), 18 luglio 2015 - Sono i vari percorsi che si intrecciano nell'esistenza, la materia con cui sono fatti i sogni, i riferimenti del percorso artistico ed estetico di Sergio Fiorentino (Catania, 1973). Dopo la formazione accademica intreccia le più interessanti ricerche del design e della decorazione del XX secolo, per approdare ad un nuovo itinerario espressivo che lo porta nuovamente a dipingere e scolpire dal 2011 e ad esporre in varie mostre personali e collettive in sedi pubbliche e private. Per il progetto espositivo di "Dasein", a cura di Alberto Mattia Martini, la scelta è caduta su quaranta dipinti di grande formato dei tre cicli di "Tuffatori", "Volti" e "Gemelli", partendo dalle suggestioni della filosofia tedesca che molto ha dibattuto sul significato stesso di "Dasein". Ma, lontano da inutili sofismi, quella di Fiorentino è una scelta pienamente estetica, fatta di pura bellezza, di una bellezza del nostro tempo e fuori da esso. 

«Un realismo il suo, anzi un iperrealismo – ha scritto Anna Maria Ruta – che si applica soprattutto ai volti, in cui Sergio rivela la conoscenza e l’approfondimento di certa iper-ritrattistica contemporanea, che spazia su varie direzioni figurative e che attrae soprattutto molta giovane pittura di oggi. Il volto dettagliatamente zoomato  diventa sua icona privilegiata: una sequenza di volti si squaderna nelle sue tele con un segno moderno, che evoca tuttavia stilemi classici per una predilezione plastica, per una volumetria carnosa, che echeggia la forma essenziale della scultura antica. I suoi volti sembrano manipolati dalla mano anziché dal pennello, come fossero di terracotta, di marmo, vere sculture dipinte. E non sono volti disumanizzati: sia che siano alla lontana espressionisti sia che siano più realistici appaiono subito emblema di una riconquista dell’uomo, di sé. Hanno quasi tutti gli occhi chiusi questi personaggi, occhi chiusi alla realtà degenerata, che si rifiutano di vedere, a cui hanno voltato le spalle, ma non definitivamente, perché vogliono mutarla questa realtà, non ignorarla o azzerarla: una denuncia silente e carica di attesa».

La mostra è organizzata dalla Galleria "Arionte Arte Contemporana" di Catania che da anni promuove l'attività di Fiorentino, mentre "Dietro Le Quinte Arte" pubblicherà il catalogo dell'esposizione che si completa con una serie di dipinti disponibili

presso "Studio Barnum contemporary" in via Silvio Spaventa, 4, Noto.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 18 agosto 2015 – Diventa anche un percorso d’arte, in questi giorni, Scicli e il suo centro storico.

Tante possibilità di accedere a collezioni d’arte sacra, mostre d’arte contemporanea, chiese e palazzi, grazie all’apertura straordinaria fino a mezzanotte dei siti che ospitano le collezioni o le rassegne. Boom di visite al Museo del Campanile, dove si può vedere la mostra di icone russe tra 600 e 800.

Una vera sorpresa in un luogo originale che fa godere di una vista bellissima sul quartiere di Santa Maria La Nova. Ma la sorpresa più bella è la tela “Giuditta e Oloferne”, recentemente restaurata, adesso in mostra nella Chiesa della Consolazione. Sta diventando una visita cult.

Per le mostre segnaliamo, oltre agli “Amori” di Guccione al Brancati che ha toccato quota 6.000 presenze in una settimana, la piccola ma significativa personale di Carmelo Candiano allo Spazio Mavie, la sorprendente mostra di opere di Taormina alla Quam, la collezione di abiti femminili tra 800 e 900 al Museo del Costume.

A Palazzo Bonelli colpiscono gli affreschi di Raffaele Scalia dei primi del 900. A Santa Teresa gli Ex Voto della Croce tra 400 e 600.  

Andar per mostre, di sera a Scicli, aiuta a star bene e a scoprire cosa è la bellezza.

 

Il Giornale di Scicli

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 11 settembre alle ore 17, a Scicli, nel “giardino dei sensi” de  "Gli Aromi" (Contrada Santa Rosalia) Licia Granello presenterà il suo ultimo libro "I Sapori d'Italia".

 

Un antologia culturale fatta di tempo, di incontri e di memorie.

Adagio e umilmente, apre le porte dell'anima  di ognuno, ne  raccoglie  suoni, forme e colori  e ci consegna l'immagine di quella bellezza che sono giunti a comprendere, sono: "L'Eccellenza" dell'agroalimentare italiano.

 

Ingresso riservato ai giornalisti. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 23 agosto 2015 – Nell’ambito del Salone dell’editoria gastronomica, attualmente attivo al Convento della Croce, lunedì 24 agosto alle ore 20  sarà presentato il libretto “Un Vescovo, un Avvocato, unoSpettatore silente” di Carola Parano, docente di diritto dell’alimentazione internazionale.

L’appuntamento vedra la conduzione di Salvatore Nocera attore e musicista, che reciterà alcuni passi della stessa pubblicazione.

Il Salone dell’editoria è organizzato nell’ambito del l’Expo milanese,  a cura della Sovrintendenza ai Beni Culturali di Ragusa. Sta registrando un lusinghiero successo, soprattutto per il sito che ospita la rassegna, la “Croce”, che a Scicli rappresenta una struttura monumentale di grande fascino e di importanza storica.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 17 agosto 2015 –

«Ancora una settimana di appuntamenti con i libri», scrive Il Giornale di Scicli:

Giorno 18 a Palazzo Busacca si presenta l’opera d’esordio del giornalista Mariano Campo “Con l’inchiostro dei vostri occhi”. Ne parelranno, oltre all’autore, la prof. Serena Scionti e il pittore Giovanni Scarpata-Giosca alle ore 21.30.

Poi, alle ore 22.00 della stessa serata alla Libreria Don Chisciotte, “Insoliti sospetti”, un giallo di Salvo Toscano, edito da New Compton.

Il 19 agosto alle 21.30 a Marsa Siklà di Sampieri un nuovo libro di Amy Pollicino “Quasi morta, il segreto della felicità”. L’incontro con l’autrice nell’arena teatrale del villaggio turistico.

Giorno 20 agosto il nuovo libro dell’ex parlamentare Fabio Granata. L’autore ne parlerà con lo scrittore  e gionalista Pierangelo Buttafuoco, alle ore 21.30 presso il Cortile dell’opera Pia Carpentieri.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Carlo Ottaviano, Carmelo Arezzo e Giovanna Licitra converseranno in occasione della presentazione della pubblicazione Il SOLE IN CUCINA  “I PRODOTTI  IBLEI NELLA DIETA MEDITERRANEA: STORIA, TRADIZIONE E SCIENZA”, edito dalla Camera di Commercio di Ragusa: Domenica 16 agosto 2015, ore 19,00 presso Terrazza Stazione Marittima Porto Turistico di Marina di Ragusa

***
Nell’ambito di una serie di azioni progettuali mirate alla valorizzazione dei prodotti della Dieta Mediterranea, la Camera di Commercio di Ragusa ha ritenuto di particolare importanza la realizzazione di questa pubblicazione.
Il volume  ha individuato e descritto le caratteristiche fondamentali di alcuni prodotti di notevole rilevanza tra quelli che sono alla base della Dieta Mediterranea e particolarmente diffusi nel  nostro territorio, e precisamente: olio, vino, formaggio, dolceria, grano, carrubo, pomodoro, ortaggi, legumi, carni rosse, pesce, erbe spontanee e aromi, illustrando, anche attraverso immagini di particolare forza espressiva, le principali caratteristiche dei prodotti in questione, indicandone le origini, le peculiarità e l’importanza delle loro proprietà nutrizionali, nonché i legami con le tradizioni gastronomiche del territorio ibleo.
La sezione conclusiva del volume è poi dedicata ad alcune ricette gastronomiche tradizionali, proposte da alcuni tra i migliori chef che lavorano sul territorio e che esprimono caratteri e gusti più strettamente legati alla Dieta Mediterranea.
Lo scopo finale di questa pubblicazione è la promozione dell’enogastronomia tipica degli iblei, connessa alla Dieta Mediterranea, e di riflesso la promozione del turismo nei nostri territori, anche in occasione di EXPO 2015. 
Il progetto “Expo del cibo e del turismo iblei”, è apparso l’occasione migliore per tenere questa conversazione sulla cultura alimentare “e non solo”, dei nostri territori.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 11 agosto 2015 – In Italia se cercate prosecco dovete andare in Veneto, e se volete piastrelle dovete recarvi a Sassuolo, ma se cercate scrittori dovete venire in Sicilia! Da Verga Pirandello Brancati Vittorini Quasimodo Tomasi a Sciascia Consolo D’Arrigo Pizzuto Bufalino Camilleri (per non dire di Collura Grasso La Spina Piazzese De Vita Alajmo Attanasio Cacopardo Agnello-HornbyCalaciura Seminerio Perroni Scalia Costa Savatteri Seminara Torregrossa Vasta Falzone Ottaviano…) la nostra isola ha regalato e regala alla letteratura sempre nuovi autori, originali e vari: ora è la volta della giovane e brava Cristina Càssar Scàlia, che Mercoledì 12 Agosto alle 21.30 dialogherà con Giuseppe Pitrolo nel cortile del Carpentieri (via Mormina Penna 38, Scicli; l’ingresso è gratuito) sul romanzo “Le stanze dello scirocco” (Sperling & Kupfer), libro che rinnova la grande tradizione narrativa siciliana.  

L’incontro fa parte delle “Conversazioni a Scicli”, gli appuntamenti organizzati dal “Brancati” per l’Estate 2015.

 

Cristina Cassar Scalia è nata nel 1977 a Noto. Medico chirurgo specialista in oftalmologia, vive e lavora a Catania.

Il suo primo romanzo, La seconda estate (2014), è ambientato a Capri, è stato insignito del Premio Internazionale Capalbio ed è stato tradotto in Francia.

Per Le stanze dello scirocco (2015) l'autrice ha scelto come teatro la sua terra, la Sicilia: è il 1968 quando il notaio Saglimbeni decide di tornare in Sicilia con la famiglia, dopo una lunga assenza. Vittoria, la figlia più giovane, indipendente e contestatrice ma legata al padre, non ha potuto che assecondare il suo desiderio e trasferirsi in quella terra sconosciuta che da sempre lui le ha insegnato ad amare. Per Vicki, cresciuta a Roma e appassionata di fotografia e di auto da corsa, a Montuoro, l'impatto con una società conservatrice, ai suoi occhi maschilista, formale e schiava dei pregiudizi, è destabilizzante. In mezzo a tante conoscenze, saranno poche vere amicizie ad aiutarla a inserirsi nella realtà del paese. Quello di Diego Ranieri è un nome ricorrente negli ambienti a lei più vicini, un volto conosciuto che all'improvviso entra con prepotenza nella sua vita; ombroso e sfuggente, ancorato a una mentalità assai diversa dalla sua ma capace di legarla a sé come nessun altro, Diego porta i segni di un passato doloroso da cui stenta ad affrancarsi, e con cui lei dovrà fare presto i conti.

Divisa tra sentimento e orgoglio, Vicki trova nella facoltà di Architettura di Palermo, in piena occupazione, un rifugio in cui sentirsi meno estranea. Armata di macchina fotografica, inizia a scoprire la città, a conoscerne la bellezza enigmatica e i lati oscuri, fino a rimanerne stregata. E proprio per le strade di Palermo la sua storia s'intreccerà con quella, drammatica, di zia Rosetta, la cui apparenza mai lascerebbe intuire cosa nasconde il suo passato. Due donne unite dal coraggio con cui affrontano le prove che la vita ha loro riservato.

Sullo sfondo di palazzi nobiliari barocchi e aspri paesaggi di campagna delimitati da muretti a secco, le vicende di due famiglie colte in un importante momento storico – il 1968 - ci conducono attraverso una Sicilia indolente e sensuale, al cui fascino è impossibile sottrarsi e che l’autrice ha ricostruito con cura e passione.

Alla fine della serata sarà possibile gustare le specialità culinarie offerte da Km 0.

 

Intanto, presso la  sede del “Brancati” (via Mormino Penna) si può visitare la mostra “Amori”, del maestro Piero Guccione. 

 

Giuseppe Pitrolo

 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Si presenta sabato 25 luglio 2015 alle ore 19,30 al Museo Tempo di Canicattini Bagni il libro dell’ex ministro Annamaria Cancellieri 

 

Canicattini Bagni, 23 luglio 2015 – Riapre  i battenti e ritorna alle attività culturali, dopo una breve pausa dovuta a lavori per la sistemazione dei locali, il Museo Civico TEMPO di via XX Settembre 132 a Canicattini Bagni. 

Il primo appuntamento è per Sabato 25 Luglio 2015 alle ore 19:30 con la presentazione del libro dell’ex Ministro dell’Interno del governo Monti  e della Giustizia del governo Letta, Annamaria Cancellieri, “Una vita bellissima" (Mondadori Electa, 2015). 

Al centro del lavoro letterario del Prefetto Cancellieri c’è un tema caro al Museo TEMPO (Museo del Tessuto, dell’Emigrazione e della Medicina Popolare), ovvero l’emigrazione, esperienza questa caratterizzante per la vita dell'autrice e della sua famiglia.

Arriva dunque anche a Canicattini Bagni il libro di Annamaria Cancellieri, le cui presentazioni stanno facendo il giro della penisola, a cura del Museo TEMPO in collaborazione con l’Amministrazione comunale e l’Ufficio Cultura del Comune, e dopo i saluti del Sindaco Paolo Amenta,  l’autrice ne parlerà in un dialogo con il Vice Presidente del Museo, Tanino Golino, e con la storica Pina Cataldo, con la lettura di alcuni brani da parte dell’attrice Elisa Golino.

 «Con positività - spiega la stessa autrice - ho voluto trasmettere un messaggio di ottimismo a tanti giovani scoraggiati dalla crisi, convinta come sono che la vita sia un dono di inestimabile valore».

Il vissuto di Annamaria Cancellieri racconta una storia di emigrazione, quella del padre e del nonno, entrambi infatti lavoravano nella Libia italiana,  a Tripoli,  l’uno come ingegnere e l’altro come funzionario dello Stato.

L’autrice ripercorre così le tappe della sua vita e della sua professione, attraverso il ruolo chiave che ebbero il padre e il nonno. Riporta la vicenda di giovanissima donna al concorso per consigliere di Prefettura raccontando la sua tenacia e il suo coraggio dinanzi a tanti impedimenti “perché un Prefetto donna non si è mai visto”. 

È questo il suo momento e l’inizio del cursus honorum che la porterà in molte città italiane, da Nord a Sud, fino a raggiungere i vertici della Pubblica Amministrazione: Prefetto, Commissario straordinario, poi Ministro dell’Interno e Ministro della Giustizia. 

La narrazione racconta tutte le tappe, da quelle più dolorose, come l’episodio relativo alla telefonata su Giulia Ligresti, alla quale concesse gli arresti domiciliari, a quelle più vivide, come i continui contatti con i cittadini e la candidatura alla Presidenza della Repubblica, da parte di Mario Monti, nel 2013. 

Impegno sociale vissuto con alto senso dello Stato e rispetto civile, profondamente legato a un vissuto intimo, come moglie, madre e nonna. 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nuovo contratto editoriale per Marinella Tumino la scrittrice ragusana che vanta già due pubblicazioni con un saggio ed un romanzo. A settembre la presentazione dell’opera “Trame d’inchiostro” edita da Kimerik al Buk-Festival di Catania

 

Ragusa, 23 luglio 2015 –  La scrittrice ragusana Marinella Tumino firma il suo terzo contratto editoriale con la raccolta di racconti e poesie “Trame d’inchiostro”. 

L’opera è stata accettata con entusiasmo dalla casa editrice siciliana Kimerik che, ormai da qualche tempo, ha spiccato il volo anche sul piano internazionale.  

La raccolta gode di un’ampia ed originale  prefazione curata dalla giornalista Giovannella Galliano (tra l’altro una delle migliori firme di #Ondaiblea) che ha immaginato i vari racconti come “partoriti” dalla visione di alcune foto di un vecchio album fotografico. 

Anche le poesie annesse all’opera nascono da un’immagine, questa volta un quadro famoso che ne ha ispirato la composizione. I quadri fanno parte anch’essi del corredo grafico  di “Trame d’inchiostro”.

 

 Marinella Tumino è già nota come autrice del saggio storico “Quel treno per la Polonia”, edito dalla casa editrice OperaincertaLibri (2011) e del romanzo “Frammenti d’anima”, pubblicato da Giovane Holden Edizioni - Gruppo Feltrinelli (2014). 

Nata e cresciuta a Ragusa, l’autrice è docente di Materie Letterarie presso l’ istituto tecnico industriale (ex) Majorana di Ragusa e  cura con totale devozione la sua più grande passione, la scrittura.

«Mi piace scrivere e dar vita a solchi d’inchiostro -ci dice l’autrice- è proprio nei solchi inchiostrati che si percepiscono le emozioni, si sente il battito della mano che si muove sul foglio, seguendo mente e cuore. 

Con quest’ultima opera ho pensato di dare la giusta collocazione ai miei racconti. Alcuni di essi, partecipando a concorsi letterari, sono stati premiati e pubblicati in antologie da varie case editrici tra cui la stessa Kimerik».

 

 La scrittura di Marinella Tumino è immediata e fresca, piacevole per contenuti e scorrevole nella forma descrittiva. 

I suoi sono racconti che parlano di situazioni in cui molti potrebbero  riconoscere la propria storia. Alcune sono storie vere vissute dalla scrittrice come “A piccoli passi”, lettera a mio figlio” , altre nascono dalla sua fervida immaginazione, che è tipica delle donne. 

Sono quasi tutte donne le protagoniste di questi racconti: la donna immigrata, la donna nonna del dopoguerra, la donna degli anni ’60, quella in cerca di avventure ma anche in cerca di amore, quella che si affida ai ricordi  di un amore mai dimenticato e quella che soffre in silenzio, quella che rimane una  grande amica , quella che lotta per la sua famiglia, insomma  tutte quelle donne che amano anche se  in modo diverso l’una dall’altra: “Il tempo e le cose spesso sfuggono di mano. 

Ci sono cose che non avranno mai senso perché non sarà possibile scoprirlo, ci sono cose che devono rimanere così, senza tante spiegazioni; devono rimanere degli urli silenziosi nel cuore…” [Da La Soffitta incantata, ndr]

  Sottile e sognante la poesia, un affresco importante nella vita dell’autrice che non poteva fare a meno di far conoscere al suo affezionato pubblico di lettori…

 

L’opera che molto probabilmente manterrà il titolo scelto dall’autrice “Trame d’inchiostro”, vedrà la luce in settembre e, quasi sicuramente, sarà in occasione del BUK-FESTIVAL di Catania e  verrà presentata al pubblico sia in versione cartacea che in e-book.

 

Salvo Micciché

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Attesa a Modica, per questo fine-settimana, la presentazione del libro di Fabio Granata Meglio un Giorno. La destra antimafia e la bandiera di Paolo Borsellino

 

Modica, 23 luglio 2015 – La Fondazione Giovan Pietro Grimaldi è lieta di patrocinare ed ospitare le riflessioni e i ricordi disincantati all’origine e a margine di Meglio un Giorno. La destra antimafia e la bandiera di Paolo Borsellino, Eclettica Edizioni, terza pubblicazione di Fabio Granata.

Già parlamentare nazionale, vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia, vicepresidente della Regione Siciliana, assessore ai Beni Culturali, al Turismo e alla Pubblica Istruzione, attualmente guida di Green Italia, del distretto politico-culturale del Sud- Est e della rivista di politiche culturali Le Sicilie, quali che siano i suoi ruoli, le sue battaglie, i suoi progetti, Fabio Granata è sempre salpato dalla Sicilia e alla Sicilia approdato, forte della fede che questa terra irta di contraddizioni diventerà un giorno, nonostante tutto, Bellissima.

Meglio un Giorno. La destra antimafia e la bandiera di Paolo Borsellino è l’album di famiglia della Destra antimafia di quest’ultimo ventennio, di quanti ne hanno percorso la via assieme all’autore e di quanti l’hanno invece abbandonata, di lirici racconti e amare prese di coscienza, di passioni e furori e sconfitte e vittorie nel nome della bandiera ideale di Paolo Borsellino e dell’imprescindibile motto che scuoteva gli animi dei ragazzi di quel tragico 1992: “Meglio un giorno da Borsellino che cento anni da Ciancimino”.

La presentazione del libro si terrà sabato 25 Luglio, alle ore 18:30 nella sala-conferenze di Palazzo Grimaldi, nel centro storico di Modica. Oltre a Fabio Granata, saranno presenti il professor Uccio Barone, storico e presidente della Fondazione Grimaldi e la giornalista ed amica Flavia Perina, la cui esperienza politica, spesso vicina a quella dell’autore, saprà arricchire la serata di elementi preziosi ed appassionanti.

Ingresso libero.

 

Eleonora Aimone

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 16 luglio 2015 – Partono Domenica 19 Luglio le “Conversazioni a Scicli”, gli incontri organizzati dal “Brancati”: infatti alle 19.30 Giuseppe Pitrolo dialogherà nel cortile del Carpentieri (via Mormina Penna; l’ingresso è gratuito) con Paolo Di Stefano sui suoi ultimi libri: “Giallo d’Avola” (Sellerio) e “Ogni altra vita. Storia di italiani non illustri” (Il Saggiatore).

 

Con La catastròfa (Sellerio 2011, Premio Volponi) ha raccontato la tragedia dell’8 agosto 1956, quando in miniera a Marcinelle morirono, tra i molti altri, 136 minatori italiani. 

Di Giallo d'Avola (Sellerio 2013, Premio Sebastiano Addamo, Premio Viareggio-Rèpaci e Premio Comisso) Aldo Busi ha scritto: è “un grande romanzo, di genere, ma come considero di genere I promessi sposi, Il Gattopardo, o I Viceré... Se fosse stato pubblicato nei primi anni Sessanta non meriterebbe meno considerazione de Il fu Mattia Pascal e si potrebbe gridare al capolavoro”.

 

“Ogni altra vita” racconta tante”storie di italiani non illustri”, partendo da quella dello sciclitano Adriano Arrabito (nato nel 1896), che esordì nella vita facendo Gesù Bambino in un presepe vivente, ma poi si dovette arrangiare in mille modi, finché non si inventò un prospero commercio di uova. Una vita di miseria, di fatica immane, di preghiera e di affetti intensissimi, soprattutto per la sua “adurata mamma” Ninetta, per la moglie Maria, per i sette figli, che sarebbero diventati otto nel ’43. “Una vita di dolore, ma anche di gioia indicibile e di orgoglio che toccano il culmine allorché il primogenito, Emanuele, ottiene la laurea a Messina: un traguardo sociale. Ciò che colpisce sono la dolcezza e la serenità con cui Arrabito racconta il male di vivere, le tragedie private e quelle della storia. È un uomo buono e onesto, in cui si riassumono i grandi valori del passato (e chissà quanto del presente): famiglia, lavoro, fede”… Insomma, un coro di voci diverse che raccontano il secolo lungo degli italiani non illustri.

Le “conversazioni” continueranno ad Agosto: Giovedì 6 alle 21.30 sarà la volta del giornalista di “Repubblica” Salvo Palazzolo, che col PM Nino Di Matteo ha scritto “Collusi. Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia” (Rizzoli). Mercoledì 12 Agosto alle 21.30 si concluderà con la scrittrice Cristina Cassar Scalia, per discutere del romanzo “Le stanze dello scirocco” (Sperling & Kupfer). 

 

Giuseppe Pitrolo

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 1 settembre 2015 – Il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, presiederà la celebrazione eucaristica nell'ultimo giorno dei festeggiamenti per il 62° anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa. 

Una celebrazione nel corso della quale si ricorderà anche il 60° anniversario dell’ordinazione sacerdotale di monsignor Giuseppe Costanzo, arcivescovo emerito dell’arcidiocesi di Siracusa.
Domenica il segretario generale della CEI, Nunzio Galantino, ha chiesto che "come quello della Madonna, anche il nostro pianto non provenga da un animo disperato, ma pieno di speranza. Gli eventi di queste settimane riempiono il nostro cuore di lacrime, se pensiamo alle tante persone che abbandonano i loro cari e la loro terra, in cerca di un futuro più dignitoso; ai tanti individui sfruttati e calpestati nella loro dignità; alla superficialità nel trattare l’essere umano, che diviene uno strumento per il proprio piacere o per il potere; ai tanti giovani che sprecano la loro vita con gli eccessi dell’alcol e della droga”. 

Ieri celebrazione dell'arcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, concelebrata dai giovani sacerdoti di Sicilia. Alle ore 19.00 presiederà mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Mariadi Leuca. 

La celebrazione di oggi, 1 settembre, sarà trasmessa in diretta sull'emittente televisiva TELEPACE (canale 515).
Il segnale sarà ripetuto a livello locale anche dall'emittente Video66. Altre emittenti che volessero trasmettere la diretta possono comunicarlo a questo Ufficio che domani diffonderà l'elenco completo delle trasmissioni.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

L'Amministrazione Comunale assegna un contributo economico alla Parrocchia gemella di Butembo-Beni del Congo, per la costruzione di 20 banchi per una classe della scuola elementare “Holelè Wasungu”, nel Villaggio di Manguredjipa 

 

Rosolini, 1 settembre 2015 – Accogliendo favorevolmente la richiesta formulata da don Bruno Carbone, Parroco della Comunità di  Parrocchie Chiesa Madre e SS. Crocifisso di Rosolini,  l’Amministrazione Comunale ha concesso un contributo di cento euro per  il completamento in loco di   20 banchi per una classe della scuola elementare “Holelè Wasungu”, nel Villaggio di Manguredjipa della Repubblica Democratica del Congo. 

“Ci è sembrata – afferma il Sindaco  Calvo -  meritevole di accoglimento la richiesta del Parroco in quanto di permette di contribuire in modo fattivo a realizzare il  micro progetto iniziato lo scorso anno da questa Amministrazione teso a dotare la scuola elementare “Holelè Wasungu”, nel Villaggio di Manguredjipa della Diocesi di Butembo – Beni , dell’arredo necessario.  Non va dimenticato che in detta Diocesi vive ed opera a Padre Roberto Masinda, al quale nel 2010 il Consiglio Comunale conferì  la cittadinanza onoraria, per  il suo impegno civile e religioso, soprattutto verso i più bisognosi e in modo particolare con i più giovani, nel corso della sua attività pastorale  a Rosolini quale vice parroco della Chiesa del SS. Crocifisso.  Riteniamo – conclude Calvo - che ogni azione di solidarietà, piccola o grande, sia indispensabile per un senso di fratellanza, per sostenere chi lotta giorno per giorno contro la povertà, la fame , la miseria e le malattie ”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il coraggio di Giovanni esempio di vita per i nostri tempi. Si conclude la festa 2015 del Patrono di Ragusa. Una immensa partecipazione di fedeli alle celebrazioni e alla composta processione di ieri. Il segno della festa: una casa di accoglienza per famiglie in difficoltà

 

Ragusa, 30 agosto 2015 – “Il profeta è colui che difronte alle difficoltà non ha paura, è consapevole dei suoi limiti ma sa che il Signore cammina con lui. A noi la paura talvolta ci paralizza ma seguendo l'esempio di Giovanni possiamo vivere le cose in maniera diversa." 

Con questo messaggio il Vescovo di Ragusa Mons. Paolo Urso ha salutato l'immensa folla di fedeli che ha gremito Piazza San Giovanni ieri sera, 29 Agosto, al termine della lunga processione solenne che ha attraversato il centro storico con migliaia di ceri accesi. 

Una vita, quella di Giovanni, che può essere di esempio per più motivi, come spiegato da Simone Digrandi che, dopo il Vescovo, ha portato il breve saluto del Comitato Festeggiamenti: "Tutti manifestiamo desiderio di legalità in questi tempi. Giovanni ha avuto il coraggio di andare dai potenti e dire 'non ti è lecito', ovvero 'non lo puoi fare, non è legale'! se avessimo il coraggio di dirlo a chiunque sbaglia e mette in atto comportamenti illegali, anche a noi stessi, le cose potrebbero cambiare". Ma è stato il Parroco della Cattedrale, Don Gino Alessi, che nel suo intervento ha comunicato alla piazza che la Festa di San Giovanni Battista 2015 avrebbe lasciato un segno, con un progetto di carità importante per tutta la città di Ragusa. 

Dopo aver infatti ringraziato il Comune e gli sponsor per il sostegno, i Portatori e il Comitato per l'impegno profuso, le parrocchie che hanno vissuto gli importanti momenti di comunione durante le processioni del 27 e del 28 e tutti i fedeli - la cui presenza e partecipazione alla festa dimostra il desiderio di ognuno di loro di crescere ogni giorno nella vita di fede - ha annunciato che entro il mese di settembre in Via XXIV Maggio 72 (in fondo al Corso Italia) verrà aperta la "Dimora di Giovanni Battista" a cura dei volontari del centro ascolto Caritas della Cattedrale e della San Vincenzo parrocchiale in collaborazione con la Caritas diocesana: un luogo che ospiterà temporaneamente piccoli nuclei familiari in difficoltà e che sarà aperta tutto l'anno.

Con queste parole, il festoso e partecipato rientro del Simulacro del Patrono in Cattedrale, e i fuochi pirotecnici di mezzanotte, si è conclusa una giornata vissuta prima di tutto nella fede e nella devozione: si stimano infatti oltre diecimila presenze in Chiesa durante le otto celebrazioni eucaristiche, e a conferma di questo il fatto che il Parroco e numerosi sacerdoti in mattinata hanno confessato per più di quattro ore consecutive e, tenendo conto della quantità di particole utilizzate, circa cinquemila fedeli hanno fatto la Comunione. Migliaia i ceri accesi durante la lunga processione, gestita nell'ordine dai volontari del "piano sicurezza" e che, differentemente dallo scorso anno grazie alla rimozione della parte della fiera che insisteva sul Ponte di Via Roma e Viale Tenente Lena, non ha conosciuto criticità rilevanti. Rimane comunque necessario che i fedeli ascoltino in maniera tassativa le indicazioni dei volontari onde evitare piccoli stacchi.

Questa sera, alle 19.30, si terrà la Messa di ringraziamento e conclusiva dei festeggiamenti, con la partecipazione di alcune comunità che venerano il Battista e con la lettura dei messaggi delle comunità invitate che non potranno essere presenti per problemi logistici: si chiuderà così una festa 2015 caratterizzata da tanta partecipazione, ordine, attenzione all'arte e ai talenti locali (molto visitate le 4 esposizioni di Palazzo Garofalo e tantissima gente durante la serata di Sangiovart il 28 Agosto) da una forte presenza sui social network (registrate tantissime condivisioni delle foto che il Comitato pubblicava in diretta durante tutti i momenti della festa utilizzando l'hashtag #patronuviva2015) e da novità pastorali che sembrano essere state buone dato il coinvolgimento di fedeli e periferie; è chiaro che ogni anno la Cattedrale e il Comitato sono disponibili a ricevere qualsiasi proposta su luoghi e momenti in cui essere presenti con il simulacro del Patrono - e che a loro bisogna rivolgersi per fare proposte - ma deve essere altrettanto chiaro che, data la complessità delle tre processioni, ogni anno è necessario fare scelte determinate per ottimizzare la presenza del Patrono nei luoghi e il coinvolgimento dei fedeli.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 28 agosto 2015 – La veglia mariana notturna animata dai gruppi del Santuario sarà l’ultimo momento che precederà domani il via alle celebrazioni per il 62esimo anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa. 

Veglia dalle ore 21 alle ore 24, poi fino alle ore 6, il Santuario resterà aperto per la preghiera personale.
Alle 6 sarà celebrata l’Eucarestia in Basilica.

Domani, giornata della testimonianza e del volontariato, alle ore 8.00 nell’Oratorio di via degli Orti celebrazione eucaristica presieduta da Mons. Salvatore Pappalardo, arcivescovo di Siracusa. 

Alle ore 12, in Santuario, celebrazione eucaristica in suffragio dei coniugi Antonina e Angelo Iannuso. 

Alle ore 18.00 in via degli Orti, raduno dei fedeli delle comunità parrocchiali del Vicariato di Palazzolo e processione con il Reliquiario verso il Santuario dove alle ore 19.00 Mons. Guy André Marie De Kérimel, Vescovo di Grenoble-Vienne, presiederà la solenne concelebrazione eucaristica. Saranno presenti le dame, i barellieri e gli amici dell’Unitalsi e il gruppo diocesano Movimento Apostolico Ciechi. 

Alle ore 21.30 raduno ai piedi della scalinata della Basilica a partire dalle 21.00 per «Pedalando nella storia con Maria».

Intanto a causa di una prolungata laringite la cantante Antonella Ruggiero rinvia il concerto-preghiera Mater Lacrimarum, in collaborazione con Francesco Buzzurro previsto per domenica 30 Agosto sul sagrato del Santuario.
L’artista, scusandosi per l’imprevisto inatteso e da lei certamente non voluto, ha dichiarato: “Non potrò essere con voi domenica sera a causa di una laringite non ancora risolta come speravo. Ci vedremo comunque il 10 settembre in questo bellissimo Santuario, insieme a Francesco Buzzurro e con il programma stabilito. Mando un saluto a tutti voi e a prestissimo nella città di Siracusa».
Pertanto Mater Lacrimarum dà appuntamento a giovedì 10 settembre ore 21 sul sagrato del Santuario per vivere insieme una serata di intensa spiritualità mariana.

E ieri sera sulla scalinata del Santuario della Madonna delle Lacrime ha avuto luogo “Piantidiversi” - Il silenzio delle lacrime nel suono delle parole. Le donne della Misericordia. Una serata tra riflessioni, arte e testimonianze che ha affrontato il pianto nelle sue “diversità”, i diversi pianti, così come i pianti di/nei versi della Sacra Scrittura e nella letteratura. Pianti diversi, giunta quest’anno alla terza edizione, è una produzione della Kairos.
Protagoniste le donne della misericordia, che attraverso i loro racconti di dolore e riconciliazione, hanno dispiegato il segno delle lacrime di Maria nel senso della misericordia di Dio.

L’ascolto della lettura di alcuni brani e delle melodie mediterranee hanno favorito l’interiorizzazione delle parole in pianto che queste madri, ad immagine della Madre, ci hanno consegnato. Due i dialoghi in scena: il rettore don Luca Saraceno ha posto delle domande a Carolina Porcaro, di Monza, che ha perdonato l'assassino del figlio Lorenzo, ucciso da un coetaneo dell'Ecuador. La donna ha letto le parole scritte per i funerali del figlio nel 2011.

Don Luca ha rivolto domande sul senso del perdono e sulla forza di perdonare. Il giornalista Gaspare Urso ha dialogato con la collega Laura Battaglia, che si occupa soprattutto di esteri ed ha raccontato quando e come ha incontrato la misericordia ed il suo rapporto personale con le lacrime. La struttura drammaturgica ha visto la presenza di alcuni testimoni: la voce e la musica di Elisa Nocita e le voce recitante di Giorgia D’Acquisto, e le performance di Daniela Campione.

 

Nei giorni 29 agosto - 1 settembre in Cripta verrà ripetutamente proiettato il documentario della lacrimazione.
Nei giorni 29 agosto–1 settembre l’Oratorio resterà aperto: 7.30-12.30; 15.00-18,30; 20,30-22,00.
Fino al 31 agosto il Santuario resterà aperto dalle ore 7.00 alle ore 24.00.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Verso il clou dei festeggiamenti patronali di San Giovanni Battista. Domani, 29 agosto, la giornata più attesa dalla devozione dei ragusani. stasera la terza edizione di Sangiovart Music Contest: la festa diventa palcoscenico per i talenti iblei

Ragusa, 28 agosto 2015 – La festa del Patrono della Città e della Diocesi di Ragusa si appresta a vivere i momenti culminanti di giorni intensi, speciali, pieni di partecipazione e devozione.

Dopo la prima processione di ieri che ha raggiunto la Parrocchia del Preziosissimo Sangue per poi rientrare in Cattedrale - secondo la nuova concezione logistica che può considerarsi ottimale a fronte della notevole partecipazione di fedeli, del rispetto delle tempistiche, della sostenibilità del percorso - oggi pomeriggio alle 17.30 partirà la seconda: raggiungerà la Parrocchia di San Pier Giuliano Eymard, dove verrà celebrata la Santa Messa, e vedrà anche in questo caso la presenza dell'Arca Santa insieme al Simulacro del Patrono.

Al rientro della processione, intorno alle 20,30, verranno celebrati i Primi Vespri della solennità del Martirio di San Giovanni Battista.

 

Domani, 29 Agosto, la giornata più importante ed intensa dei festeggiamenti, durante la quale la Chiesa Cattedrale vedrà un notevole afflusso di migliaia di fedeli: le SS. Messe verranno celebrate alle ore 07.00 - 08.00 - 09.00 - 10.00 - 11.00 - 12.15 - 17.30. alle 11.00 si celebrerà il Solenne Pontificale presieduto dal Vescovo di Ragusa S.E. Mons. Paolo Urso con la partecipazione del Capitolo della Cattedrale e delle Autorità civili e militari, mentre la celebrazione delle 17.30 sarà presieduta da Mons. Giambattista Diquattro, Nunzio Apostolico in Bolivia.

Alle 18.30, con l'uscita dell'Arca Santa prenderà il via la Solenne Processione che, con la presenza di migliaia di fedeli con i ceri votivi, percorrerà il centro storico. Successivamente - come sempre con un orario variabile sulla base della quantità di fedeli presenti - uscirà il Simulacro del Patrono, accolto dal lancio di carte multicolori e dai fuochi pirotecnici sparati dal Ponte San Vito. Al rientro della processione il tradizionale messaggio alla città del Vescovo di Ragusa, Mons. Paolo Urso, un breve trattenimento pirotecnico visibile dal Sagrato della Cattedrale, e il festoso rientro del Simulacro in chiesa, a cui seguirà la Santa Messa celebrata dal Parroco Don Girolamo Alessi ed animata dalla corale dei giovani della Cattedrale. Contemporaneamente, in Piazza San Giovanni un breve intrattenimento a cura del Corpo Bandistico "Alessandro Scarlatti" di Chiaramonte Gulfi diretto dal Maestro Sebastiano Gurrieri. il tutto in attesa dei tradizionali fuochi pirotecnici di mezzanotte sul Ponte San Vito, a cura della ditta "Zio Piro Fireworks" di Gianni Vaccalluzzo da Belpasso (Catania).

 

Questa sera, come già ampiamente annunciato in questi mesi, per il terzo anno consecutivo Piazza San Giovanni diventerà palcoscenico per i talenti locali e non solo, con la terza edizione della finale di Sangiovart Music Contest: a partire dalle 21.00 si esibiranno tutti i cantanti e le band in corsa per vincere l'edizione annuale del Contest organizzato e ideato dalla Shine Records e dal Comitato Festeggiamenti, con il contributo del Comune di Ragusa. Tra gli ospiti, il Maestro Roberto Cacciapaglia, che oltre ad essere presidente della giuria tecnica omaggerà Ragusa con alcuni suoi brani, la nota band iblea Onorata Società, la Compagnia teatrale GODOT, Progetto Danza e molti altri. 

 

Domani 29 Agosto le quattro esposizioni di Palazzo Garofalo saranno visitabili fino alle ore 23.00

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Giarratana (Ragusa), 24 agosto 2015 – Oggi, 24 agosto, a Giarratana si è svolta la tradizionale “Sciuta” [uscita, ndr] di San Bartolomeo Apostolo che, come ogni anno, si è consumata oggi, 24 agosto, a Giarratana. 

A mezzogiorno il simulacro del Patrono è “venuto giù” dopo l’uscita dalla chiesa di San Bartolomeo con un fragore di mortaretti e un diluvio di “nzaireddi” [bigliettini votivi, ndr], caratteristiche strisce in carta di vari colori, con il rosso a predominare. 

Giarratana si è fermata e si è concentrata dinanzi all’edificio di culto che ospita il Patrono. 

La “Sciuta” è stata preceduta dal rullare dei tamburi di Giarratana. Poi la processione ha preso il via seguendo il tradizionale percorso cittadino caratterizzato, tra l’altro, dalla visita della chiesa di Sant’Antonio Abate. 

La seconda processione si terrà stasera a partire dalle 21.

La messa di questa mattina è stata presieduta, alla presenza del parroco, don Riccardo Bocchieri, e di don Pippo Occhipinti, dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso che ha voluto sottolineare come quello di oggi sia un momento bello per la comunità di Giarratana, “perché rappresenta – ha detto il vescovo – una occasione di grande aggregazione, di grande festa, di grande gioia. Non ci può essere felicità in uno e tristezza nell’altro. Ecco perché nei momenti di festa dobbiamo stimolare il senso della solidarietà e della vicinanza nei confronti di tutti. Dobbiamo chiederci se noi siamo veramente persone in cui non c’è falsità. Perché quando Gesù incontra Natanaele, che la tradizione dice essere lo stesso Bartolomeo, afferma: “Ecco un uomo in cui non c’è falsità”. Se noi vogliamo essere devoti di San Bartolomeo, dobbiamo essere uomini e donne senza falsità”. 

Alla cerimonia religiosa di questa mattina erano presenti le autorità: il sindaco Lino Giaquinta, i componenti della Giunta municipale, i consiglieri comunali, il vicesindaco di Monterosso, Pasquale Castello, e il vicesindaco di Chiaramonte Gulfi, Laura Turcis. 

Nel pomeriggio, dopo la sfilata del corpo bandistico delle 17, si terrà, alle 18, sul sagrato, la tradizionale “Cena” di San Bartolomeo. Quindi, alle 20, la solenne celebrazione eucaristica in Chiesa madre tenuta dal parroco don Riccardo Bocchieri. 

Alle 21, proprio da qui prenderà il via la processione vespertina con il simulacro del santo patrono. Quest’ultimo arriverà in chiesa intorno alle 23 dove si terrà, sul sagrato, il solenne panegirico. 

Alle 23,30 il rientro e la riposizione del simulacro del Santo Patrono nella cappella dell’altare maggiore. 

A mezzanotte e mezza gli spettacoli pirotecnici a cura della ditta “Zio Piro” di Gianni Vaccalluzzo da Belpasso.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 23 agosto 2015 – È il primo musical sull’evento di Siracusa del 1953, il primo musical sulla Madonna delle Lacrime. 

Questa sera alle ore 21 sul sagrato della cripta del Santuario della Madonna delle lacrime la prima nazionale. 

«Quelle lacrime umane che sgorgarono dal quadretto in gesso dei coniugi Iannuso rappresentano un prodigio che ha sconvolto la città: l’ha segnata per sempre, e Siracusa è “la città della Madonnina”», dicono a Siracusa. 

“Anche per questo – dicono Luca Stante e Andrea Scorsonelli – la protagonista è una sola: la Madonna. La prima è dedicata a Lei, alla nostra guida, al nostro riferimento. Per noi è stato un atto di devozione”. 

Nei volti di chi sarà in scena, e di chi starà invece dietro le quinte, si percepisce la gioia, si legge l’entusiasmo. Loro sono commossi e sperano di riuscire a trasmettere la stessa fede e devozione al pubblico. 

“L’entusiasmo ha accomunato tutti. Io sono convinto che chiunque verrà resterà impressionato e si commuoverà” dice il regista Enzo Firullo. 

“Lo abbiamo fatto per Lei e sono felice di poterne fare parte” aggiunge Romualdo Trionfante, che interpreta l’anziano devoto. Ruolo impegnativo per Damiano Restuccia e Giulia Parisi, che saranno in scena i coniugi Iannuso: “Non c'è miglior modo di evangelizzare tramite arte della danza, del canto e della recitazione per portare a tutti il messaggio che la Madonnina ha lasciato a Siracusa. Sono convinto che accadrà qualcosa di magico”. 

“Ritengo – aggiunge Giulia – che il musical che darà a tutti la possibilità di essere toccati dall'amorevole abbraccio della nostra Madonnina”.

“Vogliamo trasmettere emozioni – dice Lucia Palmieri, la coscienza – e condividere con gli spettatori la gioia, ma anche il pianto”. 

“Tutto ha avuto inizio da una piccola casa in via degli Orti: questo è uno spettacolo scritto e rappresentato con fede e passione” sostiene Cristiano Sipione, il poeta. All’unisono Agnese Firullo, che sarà Clelia, e Francesco Firullo, il giovane turista: “Il messaggio che vi lasceremo non è nostro, è quello che la Madonnina vuole lasciare a tutti noi”.

“Lacrime d’Amore”, attraverso l’esperienza di conversione di un giovane turista che fatica a credere ma che ascolterà la testimonianza di un anziano devoto, racconta la storia del miracolo del 1953 passando dal coraggio della scelta di Antonina fino alla visita di Giovanni Paolo II, in occasione della consacrazione della Basilica nel 1994. Un evento imperdibile per tutti i fedeli ma anche per tutti gli amanti della città di Siracusa.

 

Autori testi canzoni: Luca Stante - Andrea Scorsonelli

Autore testi dialoghi: Luca Stante

Compositore: Andrea Scorsonelli

Arrangiamenti: Massimiliano Ricciardo

Produzione artistica: Massimiliano Ricciardo

Regia: Enzo Firullo

Aiuto Regia: Elvira Trombatore

Direzione artistica: Andrea Scorsonelli

Resp. distribuzione: Eko Music

Etichetta: Eko Music - Siracusa

Resp. produzione: Loredana Buonanno

Revisione testi: Rita Bonanno

Resp. commerciale: Loredana Buonanno

Grafica: Agnese Firullo

Coreografie: Tatiana Bonnici

Costumi e scenografie: Laboratorio Co.Mi.Ca

 

 

Cantanti:

Giulia Parisi, Damiano Restuccia, Agnese Firullo, Romualdo Trionfante, Cristiano Sipione, Francesco Firullo, Lucia Palmieri, Antonio Bandiera

 

Corpo di ballo:

Laura Bordone, Cristina Gallettini, Chiara Borgh, Alice Trimboli, Morena Bonnici, Erika Savasta, Salvo Serafia e Scherol Giovannella 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Domenica, 22 agosto 2015 – Al via da oggi alle ore 21, con la serata "Maria incontra Siracusa", i festeggiamenti per il 62° anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa. 

Dal 29 agosto al 1 settembre  si ricorderà il prodigio del 1953, quando un quadretto di gesso, raffigurante il cuore immacolato di Maria, posto come capezzale di un letto matrimoniale, nella casa di una giovane coppia di sposi, Angelo Iannuso e Antonina Giusto, in via degli Orti di S. Giorgio ha versato lacrime umane.

Stasera testimonianze in arte sul sagrato della Chiesa Cattedrale in piazza Duomo. Sono intervenuti Mariella Nava e Fabio Salvatore. Ha presentato il giornalista di TV 2000, Fabio Bolzetta.

Domani, domenica 23 agosto, alle ore 18.15, in Basilica preghiera del Rosario; alle ore 19.00 celebrazione eucaristica con la benedizione del cotone. Alle ore 21.00 «Lacrime d’amore. L’evento di Siracusa del 1953», il primo Musical sulla Madonna delle Lacrime. 

Sul palco allestito sul sagrato della cripta della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime, il debutto del musical. 

L’età media dei protagonisti è piuttosto bassa. La maggior parte sono giovani del Santuario che si sono messi in gioco, accompagnati dalla preghiera, per rendere in un musical l’evento del 1953.

Lo hanno fatto come un servizio verso il Santuario, come un atto di amore nei confronti della Madonna. 

Lo fanno gratuitamente perché vogliono diffondere il messaggio delle lacrime soprattutto tra i loro coetanei. Ed è per questo motivo che hanno scelto una forma d’arte diversa. “Lacrime d’Amore”, attraverso l’esperienza di conversione di un giovane turista che fatica a credere ma che ascolterà la testimonianza di un anziano devoto, racconta la storia del miracolo del 1953 passando dal coraggio della scelta di Antonina fino alla visita di Giovanni Paolo II nel 1994.

Lunedì 24 agosto, alle ore 21.00 «Veglia sotto le Stelle» – Ricordi, racconti e raccordi in uno dei luoghi della nostra memoria (piazza Euripide) e martedì sempre alle ore 21.00 «Il paese delle lacrime» – Teatro-laboratorio per bambini e famiglie a cura della Kairós di Siracusa (sagrato della Cripta).

Mercoledì 26, sempre alle ore 21.00, «Il Calvario e la Bellezza. L’arte a servizio della fede», presentazione del progetto delle 14 stazioni scultoree della Via Crucis realizzate dagli studenti delle Accademie di Belle Arti di Catania e di Palermo (Centro Convegni – Salone Giovanni Paolo II).

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Marina di Ragusa, 21 agosto 2015 – In occasione dei festeggiamenti in onore di Santa Maria di Portosalvo a Marina di Ragusa, è stata predisposta una lotteria locale per l’estrazione di un premio unico, una crociera di otto giorni per due persone. 

L’estrazione è stata effettuata ieri sera nel salone parrocchiale alla presenza di un incaricato del Comune di Ragusa. Il biglietto vincente è il numero 462

I possessori del tagliando, qualora non l’avessero ancora fatto, possono rivolgersi direttamente alla parrocchia per ottenere il dovuto riscontro ed entrare in possesso del premio. 

Ci si può rivolgere direttamente al parroco, don Mauro Nicosia, o ai componenti del comitato dei festeggiamenti. Anche quest’anno, la festa di Santa Maria di Portosalvo è risultata molto partecipata da devoti e fedeli.

 

Info: 0932.239042.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Asd Città di Scicli: il nuovo assetto societario. Nuovi nomi e novità per il rilancio della squadra cremisi

 

Scicli, 2 settembre 2015 – Continua la marcia di avvicinamento dell’Asd Città di Scicli al campionato regionale di serie C2 di calcio a cinque, fissato per sabato 19 settembre. Sia in campo, agli ordini del nuovo mister Marcelo Mittelman, che fuori.

La società, le cui radici sono fortemente ancorate alla storica esperienza del Pro Scicli (periodo in cui la città di Scicli ha vissuto i fasti della Serie A e di storici traguardi sportivi), è stata per buona parte rinnovata, in un’ottica di maggiore crescita collettiva: da quest’anno, infatti, è presente un vero e proprio consiglio direttivo, organo fino ad ora assente.

 

Salvatore Pisani, Luca Rivillito, Fabrizio Scivoli e Silvio Garofalo sono i nuovi volti della dirigenza, che si occuperanno di tutta la parte logistica, dall’organizzazione di partite casalinghe ed esterne alla cura dei rapporti con la federazione e le amministrazioni.

Salvatore Pisani (“storico” presidente del Donnalucata Calcio per ben 16 anni, con grande esperienza dirigenziale), Luca Rivillito (grande esperienza nel mondo del calcio a cinque, con incarichi federali a livello regionale, già dirigente dell’Iblea 99, del Pro Scicli del Kamarina e dell’Arcobaleno Ispica), Fabrizio Scivoli (vecchia conoscenza del calcio giocato, portiere di diverse squadre tra cui L’UP Scicli e il Donnalucata Calcio), e Silvio Garofalo (anch’egli veterano del calcio giocato amatoriale), si aggiungono a Gaetano Mansueto e Guglielmo Trovato, già presenti durante la scorsa stagione.

Emanuele Re e Simone Giannì saranno i responsabili del settore giovanile, su cui l’ASD Città di Scicli punta e scommette molto, con l’intenzione di far crescere un vivaio di prospettiva. Per quanto riguarda la parte dell’assistenza medica, il referente sarà nuovamente Guglielmo Ferro, figura già presente lo scorso anno.

Ultimo arrivo in casa cremisi è quello di Danilo Bonuomo che, in collaborazione con l’agenzia di viaggi “M'arricriu Agenzia Viaggi", sarà il responsabile dell'organizzazione di eventi legati al mondo del calcio a cinque, soprattutto a scopo benefico.

Quindi una società che ha cambiato radicalmente pelle e che, rinnovandosi e cercando di migliorarsi nei settori in cui era deficitaria, punta a fare le cose per bene, sia in campo che fuori.

 

Luca Rivillito, Silvio Garofalo e Fabrizio Scivoli
Luca Rivillito, Silvio Garofalo e Fabrizio Scivoli

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 31 agosto 2015 – Mercoledì 2 settembre inizia il raduno degli atleti della Ciavorella per avviare il programma didattico formativo della nuova stagione sportiva.

 

Grande attesa per l’apertura della nuova stagione sportiva. L’intero movimento cestistico locale si prepara per affrontare al meglio della condizione i vari campionati agonistici federali ed i tornei e gli eventi relazionali che verranno organizzati in questa stagione sportiva 2015-2016.

A condurre la preparazione tecnico atletica sarà anche per questa stagione lo staff tecnico guidato dal prof. Santo Carestia collaborato dai tecnici prof. Roberto Favacchio e dal coach Alberto Carestia.

Gli impianti sportivi che verranno utilizzati in questa stagione sportiva saranno l’impianto Geodetico di Jungi, la palestra del Liceo Scientifico e la palestra di S. Nicolò.

Anche quest’anno gli obiettivi societari mirano a mantenere quel rapporto sinergico, sportivo e socio-educativo con la città, con le famiglie e con i giovani.

A livello di minibasket l’attività interesserà i gruppi che saranno formati da Pulcini e Gazzelle (classe 2009-2010), dagli Scoiattoli (classe 2007-2008), dagli Aquilotti (classe 2005-2006), dagli Esordienti (classe 2004-2005). Per costoro l’attività federale consisterà in Tornei, Raduni e Campionati non competitivi. 

A livello giovanile l’attività interesserà i gruppi Under 13 (classe 2003-2004), Under 14 (classe 2002-2003), Under 15 (classe 2001-2002), Under 16 (2000-2001) e Under 18 (classe 1998-1999-2000).

Nel settore femminile gli obiettivi societari sono sostanzialmente i seguenti: potenziamento dei vari gruppi, partecipazione a campionati e tornei, sviluppo di una attività relazionale più incisiva e partecipativa.

A livello di campionato maggiore la società parteciperà al campionato di I Divisione maschile che quest’anno sarà caratterizzata come sempre da un nucleo formato da atleti di esperienza integrato dalla presenza di un buon numero di nuovi elementi provenienti dall’ambiente giovanile.   

L’idea educativa, come afferma il presidente dott. Vincenzo Inì, sarà improntata come sempre a valorizzare l’aspetto educativo unitamente a quello sportivo in una progettualità caratterizzata dall’educazione del giovane ai principi di lealtà e correttezza sportiva, al rispetto delle regole, all’amicizia, alla conoscenza dei propri limiti e alla padronanza delle proprie risorse.

 

Giuseppe Carestia

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

A settembre prende il via l’avventura del gruppo femminile della “Fernando Ciavorella”

 

Scicli, 27 agosto 2015 – Dopo l’interessante attività agonistica e relazionale che ha caratterizzato la passata stagione sportiva, il movimento femminile della Ciavorella si prepara ad affrontare con entusiasmo, grinta e passione la nuova stagione sportiva.

Gli obiettivi societari per questa stagione sono sostanzialmente i seguenti: potenziamento dei vari gruppi, partecipazione a campionati e tornei, sviluppo di una attività relazionale più incisiva e partecipativa.

Dal punto di vista strutturale il movimento femminile societario, così come è stato per le passate stagioni, parte da una organizzazione alquanto solida in termini di partecipazione, sempre più consistente, e di impegno sportivo e relazionale. 

Le politiche sportive del movimento locale sono rafforzate, a livello dirigenziale, dalla presenza di due figure femminili: Francesca Cuffaro, guardia della Ciavorella nell’ultimo campionato di serie C, e Andreina Micciché, atleta proveniente dal settore giovanile societario e assistente tecnico. 

Il lavoro della nuova dirigenza, guidata dal presidente dott. Vincenzo Inì, mira a rinsaldare il movimento locale e, a livello regionale, puntare ad una più qualificata attività femminile della società.

Come nelle passate stagioni si punterà moltissimo sulla valorizzazione del settore minibasket e dei gruppi giovanili.

Dal punto di vista sportivo la direzione atletica e tecnica del settore femminile  è stata affidata al prof. Santo Carestia che verrà coadiuvato dal coach Alberto Carestia. 

Per questa stagione l’approccio agonistico con le società femminili della provincia di Ragusa e dell’intera Regione sarà improntato all’insegna della qualità sportiva attraverso una più intensa partecipazione all’attività federale, ai vari tornei e alle iniziative di tipo relazionale.

Il movimento femminile racchiude diversi gruppi che vanno dalle gazzelle alle giovanili. 

L’idea progettuale è di arrivare a realizzare una formazione competitiva da iscrivere al campionato di serie C.

 

Giuseppe Carestia

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 24 agosto 2015 – Allo stadio “Ottaviano” di Ragusa, su un rettangolo di gioco dalle dimensioni piuttosto ridotte, il Palazzolo soffre più del previsto il caldo e dimostra di essere ancora in fase di rodaggio, e il Ragusa preme: con il tecnico Massimo Attardo che, comunque, ha provato varie soluzioni tattiche e che, com’era previsto, ha fatto tantissimi esperimenti, il Ragusa ha superato i gialloverdi per 2 reti a 0 nella seconda amichevole estiva tra le due squadre (la prima, a campi invertiti, aveva visto la formazione palazzolese vincere per 1 a 0).

Molto bene, tra le file del Palazzolo, i difensori Christian Ricca e Danilo Ulma così come Luca Filicetti, mentre è apparso ancora un po’ abulico il reparto avanzato, che, comunque, già giovedì, alle 18,30, avrà modo di migliorarsi e nell’ultima amichevole d’agosto con la Aquile Calatine in programma a Caltagirone per il memorial “Giovanni Bellavia”. 

Bene il Ragusa che ha facile gioco, comunque.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 18 agosto 2015 – 17 agosto 2015: inizia ufficialmente la stagione sportiva 2015/2016 dell’ASD Città di Scicli, che sarà impegnata nel Campionato regionale di C2 di calcio a 5.

Le novità sono tante ed importanti: a partire da un nuovo assetto societario che si sta definendo proprio in questi giorni e che ha come obiettivo principale quello di creare una solida base da cui far decollare tutti i progetti legati alla società. Primo fra tutti, l’obiettivo di formare quanti più giovani possibili e produrre un settore giovanile rilevante e di prospettiva. Senza dimenticare, inoltre, la volontà di aiutare chi ha bisogno, tramite eventi benefici, ed organizzare anche eventi di natura nazionale che possano avvicinare quanta più gente possibile al mondo del calcio a cinque e far diventare Scicli un polo attrattivo in questa direzione.

Altra importante novità, ufficializzata appena qualche settimana fa, è relativa alla figura del nuovo allenatore, ruolo che quest’anno spetterà a Marcelo Mittelman.

Il neo tecnico cremisi, ormai da tanti anni legato a questi colori ed alla città di Scicli anche per motivi che travalicano quelli prettamente sportivi, ha accettato con enorme entusiasmo l’offerta di guidare il Città di Scicli. E, almeno ancora per una stagione, il suo ruolo sarà anche quello di dare una mano in campo alla squadra: quindi un player manager.

“Le mie aspettative sono sempre le stesse con le quali inizio ogni stagione: ossia lavorare tanto e sodo per cercare di dare il massimo in ogni singolo secondo. La squadra la conosco bene e so che può migliorare tanto. Il mio obiettivo è quello che questa squadra migliori il buon campionato fatto la stagione scorsa e che possa togliersi qualche soddisfazione in più. Punteremo a migliorare il 4° posto raggiunto nella passata stagione e far crescere quanti più giovani possibili”. Questo il commento di Mittelman, alla vigilia della preparazione atletica, iniziata lunedì 17 agosto, ed in vista dell’inizio del campionato fissata per sabato 19 settembre.

Per quanto riguarda i nomi dei giocatori, queste saranno settimane fondamentali per strutturare al meglio la rosa che dovrà affrontare il campionato e provare a regalare tante soddisfazioni ad un pubblico competente e sempre molto caldo ed affettuoso come quello di Scicli.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

150 francesi in gara. Premiazione e serata “siciliana”

 

Ragusa, 17 agosto 2015 – Le non favorevoli condizioni meteo di ieri non hanno fermato l’organizzazione del primo trofeo “Vele d’Agosto”, la manifestazione sportiva promossa dal Porto Turistico di Marina di Ragusa, dal Comitato dei Circoli Iblei e dalla Fiv in onore degli oltre 40 equipaggi francesi partecipanti della regata “Route du Jasmin” partita dalla Francia. Marina di Ragusa è stata scelta come tappa finale e il comitato di accoglienza coordinato dallo staff del porto ha voluto pensare ad un fine settimana pieno di iniziative, complici anche le festività ferragostane con annessa processione della Madonna di Portosalvo. 

Il trofeo “Vele d’Agosto” ha tardato ieri la partenza ma si è poi svolto secondo programma trovando l’adesione numerosa di imbarcazioni italiane e francesi. 

Una competizione che ha avuto la giusta dose di agonismo ma soprattutto la socialità che in questi casi è spontanea quando ci si trova dinnanzi agli ospiti stranieri desiderosi di conoscere a fondo la Sicilia. 

Ha trionfato l’imbarcazione “Allegra 2” del Circolo Velico Scirocco di Marina di Ragusa, capitanata da Franco Civello. In classifica sono state numerose le imbarcazioni francesi che, in base alle varie categoria, si sono classificate ai primi posti mancando di poco l’aggiudicazione del trofeo. 

Al rientro nella darsena del porto, gli equipaggi francesi e quelli italiani hanno poi preso parte ad una serata tutta dall’anima siciliana con prodotti tipici e brochure dedicate al territorio, presentati dal marchio d’area “Viaggio negli Iblei” e con una band folkloristica che ha eseguito i brani della tradizione. 

La serata è coincisa con la conclusione della “Route du Jasmin”, giunta alla 24esima edizione e promossa dall’italo-francese Jo Minniti che ha ringraziato tutti per la partecipazione e lo staff del porto (in particolare il presidente Giulio Stanzione e il direttore commerciale Enza Diraimondo) per il calore e l’accoglienza offerta. Non si esclude dunque che la collaborazione sancita al salone nautico di Parigi, dove il Porto Turistico di Marina di Ragusa ha presentato alcune offerte dedicate ai diportisti stranieri, non possa implementarsi ancor di più proseguendo anche per il futuro. I 150 turisti sono rimasti molto entusiasti sia per i servizi e le condizioni di sicurezza del porto che per la bellezza del territorio. In questi giorni hanno visitato i principali centri barocchi e in molti hanno manifestato l’intenzione di tornare per un nuovo periodo di vacanza. 

Ai diportisti è stato donato anche il libro “Il sole in cucina” edito dalla Camera di Commercio e presentato proprio ieri pomeriggio sulla terrazza del mare dove poco dopo si è poi svolta la cerimonia di premiazione del trofeo “Vele d’Agosto” e appunto della “Route du Jasmin”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il team “Coca Cola”, vincitore della categoria Open a Donnalucata, si piazza al secondo posto nella Finale Regionale FISB svoltasi a  Capo d’Orlando domenica 9 agosto

 

Scicli, 14 agosto 2015 – Il team “Coca Cola”, formato dai fratelli Lucio e Fabrizio Lonatica e da Luca Busi, vittorioso nella categoria Open al II Memorial Francesco Ficili di Donnalucata è stato inserito di diritto alla fase Finale Regionale del circuito FISB.

Per la cronaca la FISB a livello nazionale è l’unico partner riconosciuto dalla FIP per la realizzazione dello STREETBALL Italian Tour; mentre a livello globale è l’unica associazione riconosciuta dalla FIBA (International Basketball Federation) e tutti gli eventi FISB sono Endorsed Event valevoli per il ranking mondiale, un modo originale per valorizzare lo sport della pallacanestro amatoriale. 

A Capo d’Orlando il trio sciclitano ha superato, dopo una partita entusiasmante, nella semifinale,  ai tempi supplementari, la vincente del Memorial Enrico Cannadoro svoltosi a Gela (Caltanissetta).

Nella Finalissima, svoltasi a Capo d’Orlando all’interno di una cornice di pubblico da grandi occasioni,  il team “Coca Cola”, vincitore del Memorial Francesco Ficili,  cede, dopo una tiratissima gara, il passo alla formazione vincitrice del 3on3 di Capo d'Orlando formata da tre atleti di Palermo.

Un piazzamento comunque di tutto rispetto a conferma della qualità tecnica ed atletica del Torneo  3 on 3 che si è svolto a Donnalucata, nello spazio interno di via Villa Medici, in occasione del Memorial “Francesco Ficili”.

Il risultato finale, a cui peraltro potrebbe seguire, per la rinunzia della formazione prima classificata, un eventuale ripescaggio per la finale Nazionale che si terrà, il prossimo anno, a Riccione.

L’interessante affermazione del team “Coca Cola” ha entusiasmato sia gli organizzatori del Torneo che la Dirigenza della “Fernando Ciavorella” per il modello del format dato al  II Memorial “Francesco Ficili” edizione 2015.

L’idea, come evidenziato dal presidente della società dott. Vincenzo Inì, è di caratterizzare sempre più l’importante manifestazione estiva di basket dandogli un respiro sempre più ampio rispetto a quello territoriale. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dalla Francia 40 equipaggi

 

Ragusa, 11 agosto 2015 – Entrano nel vivo gli appuntamenti del ricco cartellone estivo “Porto Eventi 2015” promosso dal Porto Turistico di Marina di Ragusa. Manifestazioni di carattere culturale, ricreativo, sportivo e di intrattenimento stanno caratterizzando l’estate 2015 che vedrà proprio in questa settimana alcuni momenti clou. 

C’è grande attesa, a partire dal 13 agosto, per la 24° edizione della “Route du Jasmine”, bellissima e appassionante regata a tappe nel Mediterraneo. 

La partenza è avvenuta nei giorni scorsi dalla città di La Seyne sur Mer in Francia per poi proseguire verso l’Asinara, veleggiando e costeggiando la Sardegna e la Sicilia. Quest’anno è stata scelta proprio Marina di Ragusa come tappa finale. Si tratta di una regata impegnativa, che copre una linea di mare di più di 300 miglia. Circa 40 gli equipaggi stranieri che a bordo delle loro barche a vela arriveranno a Marina di Ragusa e avranno modo di conoscere per la prima volta un territorio che a tutti gli effetti rappresenta la perla del Mediterraneo. L'evento è seguito da numerosi appassionati di vela e può contare su un sito web (www.routedujasmin.org) che, oltre alle informazioni sulla regata, riporta notizie generali sulle località attraversate rappresentando al tempo stesso un rilevante momento di promozione per tutta l’area iblea. 

Nel corso della “tre giorni” di ospitalità della “Route du Jasmin”, il Porto Turistico di Marina di Ragusa in sinergia con i Circoli Velici iblei ha promosso per il 16 agosto la prima edizione del trofeo “Vele d’Agosto” che si svolgerà in mattinata nel tratto antistante la struttura portuale. In serata la fase di premiazione. Tra l’altro i diportisti stranieri attendono di assistere alla tradizionale processione in mare, in programma per il 15 di agosto, in occasione della festa della Madonna di Portosalvo. 

Le iniziative collegate alla “Route du Jasmin” rientrano all’interno del più ampio cartellone estivo quest’anno particolarmente vocato alle attività sportive. Il Porto Turistico di Marina di Ragusa in collaborazione con varie strutture sportive offre infatti a turisti, villeggianti e residenti, la possibilità di frequentare anche per il mese di agosto corsi di joywalk, groupcycling, pilates, body pump, tavola penchenat, pilotine knockout, zumba. Una vasta serie di attività sportive, realizzate con il coordinamento della Fitness Room del porto, che stanno suscitando grande interesse. In programma non manca la degustazione dei prodotti tipici locali prevista per i giorni 11, 19 e 22 agosto. 

Inoltre la Sicilia verrà raccontata al porto turistico attraverso il vino, il prossimo 21 agosto, durante la manifestazione “Bacco in porto”, un wine tasting contestuale ad un dinner buffet, alla presenza dei produttori e guidati nella degustazione dal presidente Ais Sicilia, Camillo Privitera. 

Si proseguirà a fine mese, il 29 e 30 agosto, con gli “Open Sea Days”, le giornate, ormai divenute tradizionali, dedicate agli sport d’acqua che, come lo scorso anno, coinvolgeranno soprattutto i più giovani nelle differenti pratiche sportive legate al mare. 

Lo staff organizzativo del porto turistico, allo scopo di promuovere la nautica da diporto, il turismo nautico, gli sport del mare e di valorizzare il pianeta blu in tutte le sue declinazioni, anche quest’anno ha dunque creato il cartellone “Porto Eventi” offrendo una grande attrattiva per l’unico porto hub della Sicilia, nel cuore del Mediterraneo.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 10 agosto 2015 – Torna, e quest’anno nella tradizionale settimana di Ferragosto, la “Regata dei Quartieri storici”, giunta alla sua nona edizione. L’appuntamento è per domenica 16 agosto, alle 16, con il raduno degli equipaggi nel piazzale antistante la lega navale di Siracusa dove sarà effettuato il sorteggio delle corsie. Alle 17, invece, l’uscita dal porto Lachio, subito dopo la benedizione degli equipaggi.

“Un appuntamento diventato ormai un classico dell’estate siracusana, un evento che l’Amministrazione ha voluto rilanciare negli ultimi due anni facendolo diventare un vero attrattore turistico, senza tuttavia farne perdere il valore storico e culturale. Se agli occhi del visitatore la manifestazione può apparire una semplice competizione sportiva, a ben guardare la “Regata” contiene anche altri valori intrensici, aiuta a riscoprire altri aspetti della città, dopo che dalla sfida tra i rappresentanti dei mestieri e della marineria siracusana si è passati al “tenzone” tra i quartieri storici. Circostanza questa che inserisce Siracusa nel circuito delle città storiche dove annualmente si contende un palio”: lo dichiara il sindaco Giancarlo Garozzo che aggiunge: “Siamo consapevoli del fatto che anche quest’anno la città risponderà con una grande partecipazione, sostenendo con passione, amore ed entusiasmo i gozzi in una competizione dove correttezza e lealtà sportiva sono i valori fondanti”.

“E’ un evento che ricorda la vecchia usanza della marineria siracusana: dopo una battuta di pesca, i vari mestieri si sfidavano in una vera e propria competizione a remi utilizzando i buzzetti siracusani”: lo dichiara il presidente dell’associazione “Il Gozzo di Marika”, Emanuele Schiavone che invita quanti assisteranno alla gara direttamente in acqua a “non creare onde durante la gara e nemmeno ostacoli durante il percorso, perché rischiamo d’interrompere la competizione. I ragazzi che partecipano alla regata sono gli unici testimoni che a distanza di tanti anni utilizzano ancora i remi, va loro il massimo rispetto e tanta gratitudine perché ci permettono di assistere a questo favoloso evento che si svolge ogni anno nel porto di Siracusa”. 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 30 agosto 2015 – Una serata, anzi una notte di grande spettacolo il Taranta Sicily Fest di ieri a Scicli. Stupenda la cornice di via San Bartolomeo, ma è stato l’intero centro storico ad essere stato protagonista di un evento unico e di grande impatto turistico.

La musica dei due importanti gruppi musicali – le Malmaritate e i Calanti – ha coinvolto in maniera quasi irresistibile la grande folla di spettatori.

Non siamo in grado di dare cifre, ma possiamo affermare che almeno settemila persone, ieri, hanno “invaso” la città.

Un’invasione pacifica, festante, che ha messo alla prova la stessa organizzazione urbana e dei servizi, ma da quello che abbiamo visto tutto è andato bene. Merito innanzitutto degli organizzatori e della predisposizione di forze dell’ordine messe in campo, da parte di Comune e Prefettura.

Insomma, ancora un evento che è da promuovere sul piano della qualità e della stessa pianificazione turistica.

 

Il Giornale di Scicli

 

Scicli, 30 agosto 2015 – “Via San Bartolomeo non ci basta più”. Questo il commento di Peppe Stimolo che assieme a Federica Schembri, Giovanni Sudano e Vincenzo Puccia hanno ideato nel 2011 il Taranta Sicily Fest, evento che si svolge a Scicli, giunto quest’anno alla 5’ edizione. Nei primi 3 anni ad ospitare l’evento è stata Villa Penna, poi sostituta a causa dell’alta affluenza di pubblico con Via San Bartolomeo. Ora, anche Via San Bartolomeo non basta più e forse il prossimo anno si cambia ancora location.

Nessuno avrebbe scommesso che a fine Agosto la manifestazione riuscisse a superare come presenze le passate edizioni.

Quest’anno oltre 10.000 le presenze in città, un fiume di gente che partiva da sotto il palco, montato quasi sul Sagrato della Chiesa San Bartolomeo e arrivava in Piazza Italia per allargarsi su Via Nazionale e Corso Garibaldi. Locali strapieni, quasi impossibile riuscire a mangiare qualcosa. Bar in tilt, i frigo non riuscivano più a fornire bevande fresche. Insomma è impossibile raccontare quello che è accaduto a Scicli ieri sera.

Tutti pizzicati, compresi gli artisti che si sono esibiti sul palco: “Avevo sentito parlare di questa manifestazione positivamente, essere però su questo palco, con questo pubblico è stata una esperienza meravigliosa” – ha commentato Valentina Ferraiuolo,  componente delle Malmaritate, il gruppo siciliano che si è esibito prima dei Calanti, gruppo salentino che ha poi fatto ballare sino all’1:30 migliaia di persone.

Ha aperto la serata, presentata per il quarto anno consecutivo da Giovanni Giannone, la vittoriese Sofia Gentile, che ha interpretato il brano che ha portato alla 57esima edizione dello Zecchino d’Oro, La Tarantola.

Si sono lasciati "pizzicare" dalla taranta comitive di giovani arrivati da fuori, e anche meno giovani, famiglie intere, persino bimbi che ballavano sul passeggino.

Scicli aveva bisogno di una serata come questa: “Scicli non è città mafiosa” – ha puntualizzato Federica Schembri (Barocco Eventi).

 

NoveTV

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Chiaramonte Gulfi, 28 agosto 2015 – Anche quest’anno giunge al termine la “Stagione Musicale Estiva 2015” del Prima Fila, storico locale della città di Chiaramonte Gulfi noto per la serie di eventi musicali.

 

Quest’anno la Stagione Musicale Estiva ha visto protagonisti cantanti e band come Davide Di Rosolini (finalista del Musicultura 2015), IO_DRAMA, Joe Billy Band, Kamehameha, Trambusto & Popcorn, VanHobb, Chain of Fools, Strike, Camera a Sud.

Concerto Mercoledì 2 Settembre, dalle ore 22:30, avrà luogo i concerto dei NOTTEFONDA nella piazzetta ante stante l’ingresso del locale, in Corso Umberto, 118.

 

Ci sono i Nottefonda, un trio composto da Peppe Milia (from Tinturia) alla voce e chitarra, Gabriele Russello al basso e Marco Longo alla Batteria.
Loro definiscono la propria musica «Italian Vintage British Rockrage»: un rock genuino con echi surf e ritmi in levare che riprendono sonorità new wave (in stile The Strokes e Franz Ferdinand), senza mai dimenticare le radici del pop italiano anni ’60, ’70 e ’80 (Lucio Battisti, Adriano Celentano e Donatella Rettore su tutti).

La band nasce nel 2008 a Caltanissetta. Fin dall’inizio della carriera i tre musicisti scelgono un biglietto da visita inconfondibile: occhiali da vista, pantaloni a vita alta con svolte sopra la caviglia, camicia a quadri, giacca arancione, cravattini e papillon. Un look nerd in netta contrapposizione con lo stereotipo della rockstar dannata.

Nel 2011 partecipano alla XIII edizione del Lennon Festival e si classificano al terzo posto assoluto ottenendo il premio per il miglio testo, con l’inedito Macerie.

 

La direzione artistica dell’evento è affidata a Gaetano Buscema e ad Eusebio Spagna (titolare del locale).

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 27 agosto 2015 – Raccontarsi i propri sogni ed essere magicamente reali: è accaduto alle tre sorelle protagoniste de “Il marinaio”, dramma statico di Fernando Pessoa, portato in scena ieri sera all'interno dei suggestivi spazi del museo di Kamarina dalla Compagnia G.o.D.o.T. con la regia di Vittorio Bonaccorso. 

Una doppia replica, alle 19 e alle 21,30, che ha particolarmente catturato l’attenzione del pubblico pronto ad apprezzare la straordinaria messa in scena ed interpretazione all'interno di una cornice suggestiva in cui il mare ha fatto da sottofondo al sogno del “marinaio” e alla sua patria perduta. Sulla scena tre figure evanescenti dagli occhi celati, interpretate dall'attrice Federica Bisegna e dalle bravissime allieve-attrici Anita Pomario e Gaia Guglielmino, che nel vegliare una fanciulla morta o forse dormiente, raccontano i loro sogni. 

Un dramma statico non per assenza di azione ma perché è la parola, così come in Shakespeare, e secondo le scelte del regista, che si fa azione immaginata. Un testo che in teatro non si affronta quasi mai, sia per la difficoltà che per la precisione che occorre per affrontare questa tipologia. Un testo che parla del sogno ma non solo: parla dell’umano, in generale. Bonaccorso ha voluto esaltarlo passando dalle figure evanescenti alla gestualità astratta, alla suggestione della scena illuminata da luce fioca e diffusa. Ed è qui che sogno e realtà si scontrano con gli stati d’animo che difficilmente riconoscono il sogno e non riescono a trattenerlo poiché nell’atto di raccontarlo esso svanisce ed il presente è già passato. 

Le tre sorelle non hanno un prima ma neanche un dopo. Proprio come il marinaio, il cui sogno viene raccontato da una delle donne: approdato in un’isola, si costruisce una nuova patria, con un villaggio in cui immagina la sua infanzia e tutta la sua vita, mai vissuta. Universi paralleli che non si incontreranno mai e che finiranno per dissolversi. 

Il marinaio, infatti, costruendosi una nuova patria e una nuova storia del suo vissuto non riuscirà a ricordare quella che è stata la sua vita reale. Non avrà né l’una e né l’altra, alla fine. La storia raccontata con ogni particolare dall'attrice Bisegna che come sempre riesce a coinvolgere con la sua bravura da affabulatrice. Per interpretare questi tre ruoli il regista Vittorio Bonaccorso ha chiesto alle tre attrici di immaginarsi come il personaggio di Ariel ne “La Tempesta”, ovvero prigioniere di un incantesimo incapace di donare la libertà.

“Mettere in scena Il Marinaio - ha detto il regista durante la presentazione - pone la questione dell’interpretazione non dei personaggi ma di uno stato d’animo”.  

Loro, le tre protagoniste, hanno assolto questo compito con grande professionalità e la difficile interpretazione non ha minimamente pesato sulla recitazione. Sono state fantasticamente reali in un sogno. “Siamo contenti - ha detto Federica Bisegna - di aver potuto mettere in scena questo testo. Era un mio desiderio da sempre perché Pessoa è uno dei miei autori del cuore. Sa unire il linguaggio dell'alta poesia alla pura filosofia e sempre con la nota surreale che da sempre ci appartiene e meglio ci identifica.

Mettere in scena Il Marinaio è stato un viaggio emotivamente intensissimo: 56 minuti che ti svuotano e ti proiettano in un'altra dimensione, quella onirica. Poi è stato bello “trascinare” con me due giovanissime e bravissime allieve e capire quanto sia stato importante il lavoro che abbiamo fatto in questi anni, riuscire a portarle a recitare testi di tale spessore ci da enorme soddisfazione”.

 

Intanto stasera alle 21 si torna in scena ancora per “Palchi DiVersi Summer” al cine-teatro Giardino d’Estate” di Casuzze, con la nuova edizione de “Il borghese gentiluomo” proposta dalla Compagnia G.o.D.o.T.

 

Giovannella Galliano

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In apertura omaggio a Hitchcock: La Donna che visse due volte…

 

Ragusa, 13 agosto 2015 – Daniele Ciprì, Alessio Vassallo, Massimo Wertmuller e Carlo Caprioli sono alcuni degli ospiti della settima edizione del "DonnaFugataFilmFestival – l’isola come set", il festival cinematografico che, con un’insolita processione musicale dai ritmi africani, si inaugura domani pomeriggio all'interno del castello di Donnafugata, a Ragusa.

Promosso dal Cinestudio Groucho Max, dalla Fondazione degli Archi e da Archinet, con il patrocinio del Comune di Ragusa e la direzione artistica di Salvatore Schembari, il festival propone quest'anno una serie di film e di personaggi in qualche modo legati alla tema del leone, a partire proprio dal segno zodiacale.

Al suo interno il festival ha varie sezioni e tra queste c’è anche lo “ZodiacFilmFest” che per l’edizione 2015 è appunto dedicato al segno del leone. Le altre sezioni del festival sono dedicate alla Sicilia, alla videoarte, al cibo, alla musica, alla poesia. Domani alle 17 il film dal titolo “Il segno del leone” di Eric Rohmer per la sezione “Leoni d’oro – perle ai cinefili” apre le proiezioni. 

Seguirà per la sezione “La parte del leone”, sarà proiettato il film “Il leone d’inverno” di Anthony Harvey.

Alle 19,30, aspettando il tramonto, sulla terrazza del castello saranno le percussioni africane degli Harmattan a salutare l’arrivo del cielo stellato. Prima però un’insolita processione musicale, dal forte valore evocativo e dal nome simbolico “#lafermovia”, porterà il pubblico dal castello alla vicina stazione ferroviaria di Ginisi con l’obiettivo di denunciare il depotenziamento delle tratte ferroviarie in Sicilia. Saranno alcuni dei poeti protagonisti della successiva “Notte di Zima”, e cioè Annitta Di Mineo, Santina Lazzara, Leonardo Caffo e Sebastiano Adernò, ad enunciare il preambolo a supporto della tesi della “fermovia”, ovvero una ferrovia costruita per far transitare i passeggeri ma nei fatti nata per farli stare fermi. Una “fermovia” che sarà raccontata dal film di Sebastiano Adernò all’interno della sezione “L’isola come set”, aperta alle 21 dal cortometraggio “Corto Transfer” di Alessandro Aiello e Sebastiano Pennisi che mediante le immagini indagano sul disagio psichico. 

In questa sezione anche il mediometraggio “Le O in fuga” di Giuseppe Lunardo, un mashup movie montato con i principali film interpretati dall’attore feticcio della nouvelle vague Jean Pierre Leaud, che dal 1959 al 2011 ha percorso 50 anni di storia del cinema d’essai. A seguire c’è grande attesa per la proiezione del film “La donna che visse due volte” per la regia del re del brivido, Alfred Hitchcock. E’ una copia restaurata che apre il ciclo delle opere dei grandi registi che saranno proiettate durante il festival, da Stanley Kubrick a Sean Penn (alle 21,30 di domani il film “Into the Wild – nelle terre selvagge”), da Win Wenders (alle 23,45 di domani il film “Pina”) a Clint Eastwood, David O. Russell, Martin Scorsese e James Cameron, naturalmente quasi tutti del segno del leone. 

A mezzanotte e mezza, all’arena del castello, prenderà il via la notte di mezza-estate con la musica degli Harmattan e il sax di Davide Peri. Il “DonnaFugataFilmFest” si apre domani 14 agosto e si svilupperà fino al 23 agosto proponendo in totale 93 pellicole. 

La fruizione è libera. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 12 agosto 2015 – Sarà inaugurata venerdì, 14 agosto, presso il Castello di Donnafugata, la VII edizione del DonnaFugataFilmFestival – L'isola come set, nell’ambito dell’ Estate Iblea 2015, organizzata dall’assessorato comunale alla Cultura, retto da Stefania Campo. 

L’apertura sarà all’insegna della multimedialità, con le performances tribali dei Tamburi di Harmattan e quelle poetiche delle Notti di Zima, oltre alla programmazione dei primi corti realizzati da autori siciliani, e alla copia restaurata del classico” La donna che visse due volte” di Alfred Hitchcock. Organizzato dal Cinestudio Groucho Marx e la Fondazione degli Archi,  in collaborazione con la Fondazione Gesualdo Bufalino e Archinet Srl, il festival si snoderà fino a domenica 23 agosto. La sezione più densa di eventi, per il suo peso all’interno del palinsesto,  è lo ZodiacFilmFest.

 

 “E’ un'idea eccentrica per favorire un excursus cinematografico, anche e soprattutto a beneficio delle giovani generazioni,  attraverso l'alfabeto delle stelle - spiega il direttore artistico Salvatore Schembari - Dal 2009, in cui l’incombenza del segno dell’Acquario (come non ricordare l’auspicata Age of Aquarius) forniva ottimi auspici per iniziare questa singolare avventura, si è andati anno dopo anno ad esplorare i vari segni zodiacali, fino ad approdare in questo 2015 al segno del Leone. Nell’ impossibilità di  omaggiare in pochi giorni tutti gli artisti del segno,  facendo ammenda per alcune non irrilevanti omissioni,  metteremo  in evidenza cineasti del calibro di Stanley Kubrick (a cui sarà dedicata un’autentica maratona nella giornata conclusiva di domenica 23, proiettando su tutti gli schermi del festival gran parte della sua filmografia) o Alfred Hitchcock. Proprio al mago del brivido saranno dedicati vari omaggi, da quello iniziale ad alcune incursioni nel suo periodo muto, all’interno di uno segmento composito tutto destinato ai silent movies, dove ci sarà spazio, tra gli altri, per i “leoni” Cecil B. DeMille, Theda Bara, Clara Bow, chiamato ll ruggito del leone-film muti della MGM (e non solo), con proiezioni spesso precedute dal ruggito (silenzioso) del celebre Leo the Lion, voluto dal “leone” Samuel Goldwyn. A seguire, nello stesso schermo dell’Arena del Castello, “Una notte da leoni”, commedie “indimenticabili” in cui sono coinvolti protagonisti del segno, vedi Blake Edwards o John Landis, per sorridere fin quasi alle prime luci dell’alba. Ma ancor prima del tramonto, momento in cui dagli spalti del castello si gode lo spettacolo del sole che va via e un cocktail accompagna la presentazione di libri (protagoniste le autrici Amy Pollicino con “Quasi morta. Il segreto della felicità” e Marilina Giaquinta con “L’amore non sta in piedi”)  o le masterclass degli ospiti della serata, la Sala Bianca ospita le sezioni “Leoni d’oro”, destinata al cinema più strenuamente d’autore, inaugurata “giocoforza” da “Il segno del leone” di Eric Rohmer , e “La parte del leone”, in cui si evidenziano i ruoli affidati ai grandi attori “leoni” (da Peter O’ Toole mattatore nel Leone d’inverno, a Robert De Niro, Dustin Hoffman, Robert Redford, Hilary Swank). 

Non meno complesso il programma serale dell’Arena del Fossato, altro spazio suggestivo all’esterno del Castello di Donnafugata, dove si succederanno la striscia chiamata “La fossa dei leoni”, tutta dedicata a drammatici confronti, e Hic sunt leones, in cui invece i film racconteranno incontri “fatali” , Sean Penn e Madonna (Shangai Surprise), Antonio Banderas e Melanie Griffith (Two Much), o semplicemente incontri proficui tra “leoni”: quello tra Wenders e la Bausch in “Pina”, tra David O’Russell e Jennifer Lawrence (American Hustle), Cameron e Schwarzenegger nel primo “Terminator”, Roman Polanski e il suo sceneggiatore feticcio Gérard Brach in “Repulsion”, Daniele Luchetti e il suo primo produttore Nanni Moretti, poi protagonista nel successivo “Il portaborse”, Sam Mendes e Kevin Spacey in “American Beauty” (un film in cui l’incontro è veramente “fatale”), per finire con Hitchcock, in cui viene tratteggiato il rapporto tra il grande regista inglese e la moglie (anch’essa del segno) Alma Reville, interpretata dall’austera “leonessa” Helen Mirren. Ma il momento clou del DonnaFugata FilmFestival è certamente nel Cortile Grande del Castello, in cui si succederanno numerosi ospiti, presentati da un volto noto al pubblico cinematografico e televisivo, l’attore Claudio Botosso. Dopo la serata inaugurale, sarà l’attore Carlo Caprioli a parlare (anche attraverso i film “Leoni al sole” e “Parigi o cara”) del padre, l’indimenticato attore e regista Vittorio Caprioli , proprio nel giorno della sua nascita (il 15 agosto)  e del suo rapporto professionale e sentimentale (un altro incontro fatale) con la “leonessa” Franca Valeri. Giorno 16 sarà il regista Francesco Calogero a festeggiare il compleanno presentando un breve promoreel del suo nuovo film “Seconda primavera” , in uscita nelle sale italiane a ottobre – oltre alla commedia “Visioni private”, in presenza dell’attore “leone” Antonio Alveario, in evidenza anche nei panni di Totò Riina nel fortunato “La mafia uccide solo d’estate” di Pif. Non solo leoni a profusione, però: lunedì 17 sarà la volta del palermitano Gaetano Di Lorenzo, autore dell’interessante doc “A proposito di Franco” (prodotto dalla Arknoah di Francesco Torre) sul regista siciliano Franco Indovina, scomparso precocemente, nell’ambito della sezione “L’isola come set”, che dà il sottotitolo all’intero festival. Privilegiando il binomio Sicilia & Cinema, dalla sua primitiva storia produttiva fino alla cinematografia contemporanea, con uno sguardo attento e curioso verso le nuove piattaforme delle arti visive nate in Sicilia, la sezione ospiterà alcuni tra i principali filmmaker isolani: tra essi, Alessandro Aiello, Sebastiano Pennisi, Vincenzo Cascone, Alessandro De Filippo, senza dimenticare i protagonisti della Maratona di San Berillo, nella notte del 20 agosto: quattro doc, rispettivamente di Elena Russo, Carlo Lo Giudice, Edoardo Morabito, Maria Arena,  e un film (“Più buio di mezzanotte”, di Sebastiano Riso) per raccontare, da punti di vista molteplici, lo sventramento e la vita tormentata dello storico quartiere di Catania che ispirò la scrittrice Goliarda Sapienza.

Sono siciliani, ma anche “leoni”, i due ospiti di martedì 18: il regista e direttore della fotografia Daniele Ciprì, di cui verrà proiettato “La buca” (protagonisti Sergio Castellitto e Rocco Papaleo, anche loro “leoni”) e l’attore Alessio Vassallo, di casa nel ragusano dopo l’interpretazione di Mimì Augello nel “Giovane Montalbano”, e di recente brillante protagonista del divertente “Fino a qui tutto bene”.  Tutta dedicata alla critica, in particolare, a due grandi critici “leoni”, la serata del 19, con una breve intervista filmata ad Alberto Farassino, e un più lungo doc dedicato al siciliano Lino Micciché dai figli, il regista Francesco e il produttore Andrea, da poco presidente del NuovoImaie (di cui si parlerà nel consueto spazio preserale). Ricordando due critici entrambi grandi estimatori del primo Moretti, sarà inevitabile chiudere la serata con l’esordio del maestro romano con “Io sono un autarchico”  nel giorno del suo 62° compleanno. La serata di venerdì 21 i doc “Il sogno di Medea” di Vincenzo Cascone (dedicato a Giovanni Robustelli) e “Il gesto delle mani” di Francesco Clerici (dedicato a Velasco Vitali) ci ricordano che il DonnaFugataFilmFestival  nasce in una terra di grande vocazione pittorica, il celebrato gruppo di Scicli, a partire da Guccione e Sarnari, fino alle generazioni successive, e affida sempre a importanti artisti i manifesti del Festival: in questa edizione i tre pittori “leoni” Giovanni La Cognata, Arturo Barbante (che presenterà nelle sale del Castello anche la mostra “Re-Cibus”) e Salvo Catania Zingali (con la mostra “Movi(e)motion Cineclub Leone”).  A queste mostre si aggiungeranno “Geografie del cuore” di Fabio Salafia  e “Trasmutazione” di Almacesco. La serata sarà aperta dal doc “Lo stato brado” di Carlo Lo Giudice e chiusa dal poco noto “Hollywood Confidential” del regista e critico “leone” Peter Bogdanovich, a novembre nelle sale italiane con l’ultimo “Tutto può accadere a Broadway”.

Infine, sabato 22 agosto, prima dell’appendice domenicale con la maratona Kubrick, l’ultimo ospite del festival sarà l’attore “leone” Massimo Wertmüller, che presenterà il corto “Ad arte” (da lui anche diretto assieme ad Anna Ferruzzo) prima del film “Esercizi di stile”, quasi un inedito, quattordici episodi ispirati a Queneau, e diretti da vari registi. Assai più che un esercizio di stile si può considerare il film di chiusura “Boyhood”. Ospite del festival di qualche anno fa, il direttore della fotografia Lee Daniel raccontò al pubblico la scommessa del suo amico regista Richard Linklater: girare ogni anno, per dodici anni, alcune scene di un film, accompagnando la crescita di un adolescente (e dei suoi familiari). Finalmente completato, DonnaFugataFilmFestival  mantiene subito la promessa di proiettare il film, sfruttando l’appartenenza di Linklater al segno del leone…”.

Guest director (naturalmente “leone”) del DonnaFugataFilmFestival è il regista Francesco Calogero. 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

20°FESTAL INTERNAZIONALE DEL JAZZ: 12 – 13 – 14 – AGOSTO 2015 ORE 22 PIAZZA XX SETTEMBRE CANICATTINI BAGNI

 

Canicattini Bagni, 11 agosto – Chiusa oggi con il concerto del musicista e cantautore siracusano, Carlo Muratori, la tre giorni della 6° edizione del Festival Etnico, sarà il pianista e trombettista Dino Rubino, ad aprire Mercoledì 12 Agosto 2015 in Piazza XX Settembre il 20° Festival Internazionale del Jazz di Canicattini Bagni.
La presenza di Rubino, come ha reso noto il direttore artistico Rino Cirinnà, è una gradita sorpresa, prima del concerto del sassofonista americano Bobby Watson, a testimonianza dell’affetto che gli artisti che hanno cal- cato il questi anni il palco di Piazza XX Settembre, nutrono per il Festival canicattinese.

Rubino presenterà al piano il suo ultimo lavoro discografico, ROAMING HEART, prodotto da Paolo Fresu per la TUK RECORD
L’appuntamento con i concerti, come sempre, è per le ore 22:00

Mercoledì 12 Agosto
• DINO RUBINO piano solo

ROAMING HEART

• BOBBY WATSON QUARTET Bobby Watson, sax
Andrea Pozza, piano
Curtis Lundy, contrabbasso

Eric kennedy, batteria

Giovedì 13 agosto

• LOGAN RICHARDSON QUARTET Logan Richardson, sax
Salvatore Buonafede, piano
Piero Leveratto, contrabbasso

Roberto Gatto, batteria

Venerdì 14 agosto

• PERISCOPE QUINTET Alessandro Presti, tromba
Rino Cirinnà, sax
Toti Cannistraro, piano

Riccardo lo Bue, contrabbasso Gaetano Presti, batteria.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 1 agosto 2015 – “Il Palco dei talenti in tour” chiude con un bilancio positivo la prima uscita in provincia. Massiccia la partecipazione dei cantanti e delle scuole di danza con una presenza di più di 100 allievi.  

Per il tour estivo è stata scelta la frazione balneare di  Scoglitti la cui serata ha registrato un’affluenza notevole  di villeggianti  ai quali  il sindaco Giuseppe Nicosia, partner dell’evento,  ha portato i saluti dell'Amministrazione. 

Lo spettacolo, presentato da Maurizio Di Mauro, ha visto in apertura la presenza dei Tamburi Imperiali di Comiso che hanno prima sfilato nelle strade adiacenti la piazza  Sorelle Arduino fino ad arrivare sul palco per portare il loro supporto all'intera manifestazione.  

Questa serata ha dato modo agli organizzatori, nonché direttori artisti del Palco dei Talenti, Maurizio Di Mauro e Gabriella Aprile, di completare il resto della premiazione rimasta in sospeso ad aprile al teatro Garibaldi di Modica. Nel settore canto,  a cui hanno partecipato quasi tutti i giovani della prima edizione  del concorso di aprile,  è stato assegnato un premio a Carmelo Emmolo che si è aggiudicato la partecipazione al prossimo Music Contest di Caserta e ad Alessia Licitra che ha vinto l'assegnazione di un inedito scritto per lei dal maestro Marco D'Angelo. 

La serata ha dato modo di  presentare ufficialmente la sigla de “ Il Palco dei Talenti” scritta da Venturelli-Solarino-DiMartino per la parte musicale e da Maurizio Di Mauro per le parole. La sigla è stata interpretata  magistralmente dalla giovane promessa  Sofia Minauda che sul palco di Scoglitti ha colto l'occasione per presentare anche il suo primo inedito intitolato “Voglio L'Amore”, interpretato insieme al gruppo musicale Adventure Music Band. Grandi nomi sul palco, tra cui ,  la “ Shine Records” di Giovanni Dall’O,  il maestro Danilo Ferro, il vocal coach Massimo Penza che insieme agli altri percussionisti della serata hanno improvvisato con grande maestria il finale con una esibizione di percussioni che ha coinvolto la gente fino alla fine. 

“Siamo soddisfatti di questa serata e quindi di questa prima uscita de “Il palco dei Talenti in tour- hanno affermato i Direttori Artistici della manifestazione, Gabriella Aprile e Maurizio Di Mauro. Siamo già al lavoro per preparare  la seconda edizione del concorso in programma per il prossimo mese di Febbraio 2016.

La presenza dei giovani talenti sia nel canto che nella danza sarà ancora più numerosa poiché tutti hanno potuto vedere e toccare con mano le reali opportunità  che vengono proposte in questo concorso. I grandi nomi del canto con coach di successo provenienti dai vari reality televisivi e della danza, con personaggi che operano nelle più grandi scuole nazionali è sicuramente un biglietto da visita che ci contraddistingue e conferma la serietà e l’impegno che mettiamo nel nostro lavoro”

Le adesioni alla seconda edizione de “Il Palco dei Talenti” stanno già arrivando ma i selezionati della prima edizione stanno già raccogliendo i frutti della premiazione con vari stage a Roma, Palermo, Torino e con la partecipazione a musical di successo.  Una vetrina allettante, quindi, “Il Palco dei Talenti” che  anche per serietà e conduzione non ha nulla da invidiare a talent televisivi di nota fama.

 

Hanno collaborato con “Il palco dei talenti in tour” il Comune di Vittoria,  “Un cuore con le ali”,  Premio “Eleonora Lavore”, Centro Commerciale “Le Masserie”, il Concorso canoro estivo di Solarino. Servizio fotografico di Alessio Lupo in Santa Croce Camerina .

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;  pagina facebook il palco dei talenti.  Contatti canto: 3388614800. Contatti danza 3931715730

                                                   

Giovannella Galliano

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il lungometraggio di Jayro Bustamante si aggiudica la XV edizione del Festival di Marzamemi. Teatro di Ivàn Ruiz Flores è il vincitore della sezione cortometraggi

 

Marzamemi (Pachino, Siracusa), 27 luglio 2015 – Ixcanul Volcano di Jayro Bustamante, Guatemala, è il film vincitore della XV edizione del Festival internazionale del cinema di frontiera, che si è concluso ieri sera. Lo ha decretato la giuria composta da: Agostino Ferrente, regista-documentarista, Mika Kaurismaki, regista e fondatore del MidnightSun Film Festival - Finlandia, Sebastiano Messina, giornalista de la Repubblica, Thomas Struck, direttore del Kino Kulinairisches - Festival di Berlino e Grazia Maria Ursino, della Sony Pictures Television International. Il film è stato premiato “Per essere riuscito a rappresentare in maniera magistrale la profonda umanità e l'amore di una famiglia basato sul rispetto reciproco. Premiamo la leggerezza senza didascalismo con cui vengono affrontate tematiche drammatiche quali la tratta dei bambini e l'isolamento di una comunità che vive alle pendici di un vulcano in Guatemala.Un plauso speciale per il regista alla prese con la sua opera prima e agli attori non professionisti che si sono distinti in un' interpretazione molto convincente”. 

Menzioni speciali sono andate a La terra dei Santi di Fernando Muraca e a Una storia sbagliata di Gianluca Tavarelli.

Per la sezione “Con-corto” si è aggiudicato la vittoria Teatro di IvànRuizFlores, Spagna. Per la giuria - composta da Fabiola Banzi, casting director, Laura Silvia Battaglia, cine-giornalista e Mario Serenellini, critico e giornalista de la Repubblica – Teatro è il miglior corto “per la spiccata cifra autoriale con cui immerge una storia minimale, di solitudine e quotidianità, in una ambientazione ispirata alla pittura spagnola a olio e per la leggerezza e insieme la potenza emotiva dei dialoghi”.

Due menzioni speciali sono andate al pungente documentario italiano di Daniele Greco e Mauro Maugeri sul “dietro le quinte” della Festa della Assunzione di Randazzo, A lucieluchianaue all’accattivante dittico infantile dello spagnolo Javì Navarro, Acabo de tener un sueño.

Il premio speciale della giuria è stato assegnato a Varadero di Benjamin Villaverde, Spagna, “per l’asciutta, frontale potenza delle immagini con cui imbastisce una storia di volti e silenzi”. 

La consegna dei premi si è tenuta ieri sera, sul palco di piazza Regina Margherita, dove è stato proiettato Tabù di Friedrich Wilhelm Murnau con l’accompagnamento musicale dal vivo dell'Ensemble Darshan. 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scoglitti (Vittoria), 24 luglio 2015 – Sabato alle 21 a Scoglitti, in Piazza sorelle Arduino, grande spettacolo con “Il Palco dei talenti in tour”. La serata, presentata da Maurizio Di Mauro, vedrà l’esibizione di 120 ballerini e 20 cantanti per un totale di 52 esibizioni. 

La Kermesse ha come primario obbiettivo la vetrina dei giovani talenti, molti dei quali si sono già esibiti  ad aprile per la prima edizione del Palco dei Talenti a Modica al teatro Garibaldi ricevendo premi di prestigio per la loro carriera artistica. 

Anche questa manifestazione vedrà sul palco tantissimi ospiti  noti fra cui Massimo Pensa, la Shine Record, Giuseppe Lavore,  Danilo ferro,  i Tamburi imperiali di Comiso,  La adventure music band e poi per la danza anche Arianna Roberti, allieva del DAF di Roma. Maurizio Di Mauro porterà sul palco di Scoglitti anche Miki Prazza un giovane cantante che si è distinto al concorso estivo 2015 di Solarino alcuni giorni fa. Con lui i rappresentanti della Pro Loco di Solarino.  

Poi non mancheranno le numerose scuole di danza della provincia e non solo che hanno accettato l’invito degli organizzatori tra cui in prima fila Gabriella Aprile, direttore artistico per la danza del Palco dei Talenti insieme a Maurizio Di Mauro per il canto. La danza regalerà anche momenti magici con  alcune esibizioni di Tango Argentino. Saranno consegnati  anche due premi della prima edizione   di aprile non ancora comunicati.

 

Giovannella Galliano

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Primo modulo del corso Marketing: Operatività e Strategia Aziendale.

Gli Istituti interessati sono: 1) Liceo Scienze Umane Opzione Economico Sociale, 2) Istituti Tecnici del Settore Economico Opzione Amministrazione, Finanza e Marketing, 3) Istituti Professionali del settore Servizi, Opzione Servizi Commerciali:

 

 Durante il modulo, della durata di una settimane si avrà una panoramica completa di ogni aspetto del mercato in cui l’azienda opera; si affronteranno le fasi di: promozione di prodotti commercializzati dalla struttura aziendale, le strategie dei competitors, il positioning, l'utilizzo del giusto marketing mix. Data la multidisciplinarità degli argomenti trattati dal Corso di Alternanza Scuola/Lavoro questo modulo è frequentabile max 25 unità.

L'attività in alternanza Scuola/Lavoro è un' opzione formativa per i giovani dai 15 ai 18 anni per agevolare l'orientamento circa le future scelte professionali, attraverso la partecipazione ad esperienze, che colleghino sistematicamente la formazione in aula con quella nel mondo del lavoro, l'attività in alternanza garantisce agli studenti la possibilità di arricchire la propria formazione, acquisendo, oltre alle conoscenze di base, crediti certificati, rilasciati dall'istituzione scolastica.

I Percorsi in alternanza sono progetti, attuati, verificati e valutati, sotto responsabilità dell'istituzione scolastica o formativa, con il concorso di partner del mondo del lavoro, sulla base di delibera degli Organi Collegiali. Essi costituiscono parte integrante del curriculum e del Piano dell'Offerta Formativa, gli studenti accedono su richiesta ai percorsi in alternanza, per l'intero arco formativo dai 15 ai 18 anni, o parte di esso, e nei limiti delle risorse disponibili.

I percorsi in alternanza sono oggetto di apposite convenzioni tra gli istituti scolastici e C.R.E.A. snc,  i partner esterni disponibili ad accogliere gli studenti per periodi di apprendimento in situazione lavorativa. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Confagricoltura: «Apprezzamento per la decisione della Commissione Straordinaria del Comune di Scicli di dimezzare l’ IMU sui terreni agricoli per gli imprenditori agricoli professionali e coltivatori diretti»

 

Scicli, 27 luglio 2015 …Intanto, in attesa del pronunciamento del Tar Lazio, con un emendamento approvato in Commissione Senato la scadenza per il versamento dell’ Imu agricola slitta al 30 ottobre senza sanzioni ed interessi. Ma l’obbiettivo rimane quello della soppressione da parte del Parlamento dell’Imu Agricola: imposta ritenuta ingiusta ed iniqua da parte di Confagricoltura

Confagricoltura Ragusa ha apprezzato  i provvedimenti adottati da molti Comuni del ragusano  che prevedono aliquote agevolate nei confronti degli operatori agricoli e da ultimo quello della Commissione Straordinaria che amministra attualmente il Comune di Scicli che ha in pratica dimezzato il carico tributario nei confronti degli imprenditori agricoli professionali e dei coltivatori diretti.

 

“Apprezziamo – ha detto  il Presidente provinciale di Confagricoltura Sandro Gambuzza – tutti quei provvedimenti dei Comuni che vanno in direzione delle esigenze delle imprese agricole. Le aliquote agevolate adottate per l’Imu Agricola a vantaggio degli operatori del comparto vengono avvertiti anche come segno di attenzione e sensibilità nei confronti del mondo agricolo.”

“Un settore, quello agricolo appunto, che – commenta Gambuzza - tra numerose e gravi criticità strutturali continua a rappresentare il vero pilastro economico per intere comunità locali, come per esempio a Scicli con circa mille aziende agricole, quasi tremila addetti ed oltre trecentomila giornate lavorate in agricoltura”

Intanto, in attesa del pronunciamento del Tar Lazio a cui Confagricoltura ha “ad adiuvandum” proposto ricorso, un emendamento approvato in Commissione Senato ha prorogato la scadenza per il versamento dell’ Imu agricola al 30 ottobre senza sanzioni ed interessi.

“La proroga della scadenza a fine ottobre senza sanzioni ed interessi rappresenta per le aziende agricole solo una boccata di ossigeno nel mare delle scadenze fiscali. Per Confagricoltura, conclude Gambuzza, il vero e noto obiettivo è la soppressione dell’Imu agricola già per il 2015: imposta veramente vessatoria”.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sabato, 18 luglio 2015 – Oggi l’economia cinese è quella che, forse, è in grado, più di tutte, di fornire le migliori occasioni di crescita e di sviluppo; è opportuno organizzarsi per internazionalizzare la propria impresa e fare in modo che la stessa possa competere con i mercati asiatici dove maggiori sono le possibilità di riuscita anche per i comparti tradizionali dell’area iblea. 

Questo è il punto di partenza del convegno ospitato ieri pomeriggio sulla terrazza della stazione marittima del porto turistico di Marina di Ragusa, appuntamento inserito nel contesto delle iniziative per l’Expo del cibo e del turismo iblei. Il convegno dal significativo titolo “L’economia ragusana alla conquista della Grande muraglia. 

Sfide e opportunità per le aziende ragusane sul mercato cinese” è stato promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili per la circoscrizione del Tribunale di Ragusa e dalla Camera di Commercio. 

Il presidente Daniele Manenti ha detto che l’economia ragusana, sebbene principalmente basata sul turismo e sull’agricoltura, è riuscita, negli ultimi anni, ad esprimere importanti realtà anche in altri settori ed ecco perché la stessa non può fare a meno di guardare con estrema attenzione al mercato cinese in cui da almeno un decennio si focalizzano le più interessanti dinamiche economiche. 

Il segretario generale della Camera di Commercio, Carmelo Arezzo (è intervenuta anche Giovanna Licitra responsabile dell’area di promozione dell’ente camerale), alla presenza del presidente Giuseppe Giannone, ha ricordato come sia fondamentale, per una impresa del nostro territorio, sapersi proporre anche dal punto di vista del marketing e della comunicazione oltre che dell’approccio al mercato, essendo cruciale la gestione delle trattative con un partner cinese, avvalendosi di strumenti giuridici idonei. 

Tutti aspetti che sono stati approfonditi nel dettaglio dai vari relatori i quali hanno chiarito che i suddetti ingredienti costituiscono fattori chiave in grado di dare un vantaggio competitivo non indifferente rispetto alle ancora numerose esperienze “fai da te” che connotano molte aziende europee, spesso guidate da pregiudizi o preconcetti sulla Cina. 

Argomenti su cui si sono soffermati Paolo Battaglia, dottore commercialista, che ha illustrato come predisporre un business plan per l’internazionalizzazione mentre Alessandro Raniolo, dottore commercialista, ha chiarito come dare vita ai vari modelli di aggregazione per i processi di internazionalizzazione. Ha detto la sua anche Luigi Brandolani di Unicredit, dell’area manager dell’area commerciale di Ragusa, il quale si è soffermato su quali sono i migliori canali per finanziare la crescita all’estero. 

Interessante pure l’intervento dell’avvocato Giampaolo Naronte, Gn Lex studio legale con sedi a Milano e a Shangai, il quale ha illustrato i segreti per fare business in Cina. L’appuntamento è proseguito con incontri B2B con le imprese espositrici di “Expo del cibo e del turismo iblei”. 

I lavori sono stati moderati da Paolo Mollura, segretario dell’Ordine.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il progetto Italia – Tunisia è stato presentato domenica scorsa al Cluster Biomediterraneo

 

Noto, 4 Luglio 2015 –  Il Cluster Biomediterraneo di Expo Milano ha ospitato la giornata della Cooperazione con l’Africa, in cui il 28 giugno si è anche svolta la presentazione il progetto di cooperazione transfrontaliera, “Italia-Tunisia” 2007-2013, Hi.L.F.Trad. (Hilâl sicilo - tunisino della Filiera lattiero - casearia tradizionale attraverso le nuove tecnologie). 

Domenica scorsa, nell’ambito dell’ampio programma che ha previsto anche dei momenti di show cooking di piatti egiziani, tunisini e algerini,,della rassegna dei progetti di cooperazione transfrontaliera e transnazionale, celebrata nella settimana di Expo riservata al Gal Eloro, al progetto Hi.L.F.Trad. è stato dedicato un momento per spiegarne gli obiettivi ed illustrare le attività di ricerca sino ad ora svolte dal partenariato di progetto.

Per il progetto HILFTRAD, all’evento, dal hanno partecipato Sergio Campanella, direttore del Gal Eloro, il Prof. Taha Naja dell’INAT di Tunisi, che ha sottolineato l’importanza dei programmi di gemellaggio,  Linda Migliorisi e Stefania Carpino del CoRFiLaC, capofila del progetto di cooperazione transfrontaliera, che ha evidenziato l’importanza della collaborazione trasfrontaliera per lo scambio delle competenze ed il ruolo della ricerca applicata, al servizio dei produttori di formaggi tradizionali, non solo nell’ambito del progetto HILFTRAD ma in generale, grazie anche alla partecipazione all’evento organizzato dal GAL Eloro all’EXPO,  nell’ambito della cooperazione con l’Africa ponendo il CoRFiLaC come centro d’eccellenza al servizio dei paesi del Mediterraneo. 

Durante l’evento è anche stato presentato, dall’ingegnere agronomo Denis Pommier, il progetto Servagri.eu, promosso dall’Unione Europea, che unisce il territorio siciliano a quello tunisino grazie a produzioni sostenibili a filiera corta. Ines Bessaad, presidente della sezione agricoltrici del sindacato Utap, e Walid Nagara, segretario generale della Federazione apicoltori tunisini, hanno parlato dell’importanza delle donne e del progetto che coinvolge apicoltori con protocollo di gemellaggio fra Sicilia e Tunisia che sarà stipulato adottobre al Salone Internazionale Siamap di Tunisi, grazie al patrocinio dell'Osservatorio Servagri. 

Luciano Luciani dell'Istituto italiano Fernando Santi (IIFS) ha parlato di cultura sostenibile con rotte turistiche e nuovi percorsi da scoprire, mentre Micheal Corfey ha descritto la collaborazione dell’Istituto con la rete «Città Mondo», una cooperazione territoriale che coinvolge in maniera specifica il continente africano. Lucio Tambuzzo e Livio Caruso, invece, hanno parlato del programma “Les Voyages de la Connaissance”, esaltando il patrimonio medievale e arabo in Sicilia anche grazie al progetto Umayyad, che coinvolge sette Paesi del Mediterraneo e quattordici partner, mentre Marinella Trovato, che si occupa di piante officinali, in Italia ha promosso l’attività di formazione nella lavorazione diretta di tali prodotti nei paesi esportatori. Michele Germanà ha presentato il progetto di cooperazione interregionale ed interterritoriale “Ramses”, che rappresenta un consorzio inteso come rete di cooperazione e valorizzazione dell’agroalimentare.  

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 3 luglio 2015 – Molto seguita la Giornata dell’Economia 2015 che la Camera di Commercio di Ragusa, utilizzando i dati relativi all’economia reale così come elaborati dai propri registri informatici e studiati dal Centro Studi di Unioncamere e dall’Istituto Tagliacarne, ha proposto nella Sala Borsa “Pippo Tumino” alla presenza di molti rappresentanti della realtà imprenditoriale ragusana.

A introdurre i lavori è stato il presidente dell’ente  camerale Giuseppe Giannone che ha evidenziato i fatti nuovi che attendono come nuove sfide la Camera di Commercio a Ragusa e nel paese passando attraverso il percorso dell’accorpamento con Siracusa e Catania e quindi guardando ad un’area vasta che sia spazio di nuove progettualità e cercando di diventare il punto di forza della veicolazione e della promozione del digitale nella P.A. e nelle imprese che è la nuova mission che il sistema camerale potrebbe e dovrebbe assegnarsi.

Nel merito della riflessione sulla situazione di crisi attuale e sulle possibili soluzioni per uno sviluppo sostenibile si è soffermato Carmelo Arezzo, segretario generale della Camera di Commercio che ha esaminato alcuni dati statistici ed ha sottolineato come nel quadro di recessione non ancora conclusa si aprono spiragli di possibili svolte sia per l’export sia per la innovazione tecnologica, sia per una lenta ripresa occupazionale, agganciata in particolare ai settori dell’agroalimentare e del turismo.

A completare efficacemente l’analisi su una scala più ampia è stata la  relazione di Giuseppe Provenzano, ricercatore dello SVIMEZ, che ha esaminato gli atavici ritardi del Mezzogiorno, smentendo alcuni luoghi comuni, e rilevando come le soluzioni di sviluppo devono venire dalla innovazione, dalla rete infrastrutturale, dalla capacità di guardare ai giovani, alla formazione di eccellenza, dalla volontà di fare diventare occasioni di sviluppo reale settori che ancora non hanno prodotto quanto potenzialmente possono dare, dalla green economy alla cultura. Da parte sua invece Domenico Mauriello, direttore del centro studi di Unioncamere, ha parlato di “Alimentare il Digitale” proponendo una riflessione su scala nazionale sui fatti nuovi che negli ultimi mesi, ancorandosi appunto alla rivoluzione del web, possono rappresentare la svolta dello sviluppo del Paese, ed ha parlato di nuova occupazione nel mondo del digitale che crea anche spazi occupazionale nell’economia tradizionale, ha parlato di nuove sfide, di capacità di confrontarsi con nuovi mercati ed ha ricordato come Unioncamere e Google con il progetto “Eccellenze in Digitale” si sono posti l’obiettivo di accrescere la cultura digitale e la voglia di stare sul web delle PMI in particolare di quelle dell’agroalimentare di qualità.

Così Andrea Cannella e Luca Cavalieri,  animatori per la Camera di Commercio di Ragusa del progetto, hanno presentato il loro lavoro e chiarito le modalità con cui si stanno interfacciando con l’universo delle imprese ragusane del settore.

La manifestazione promossa dalla Camera di Commercio si è conclusa con due momenti importanti, fuori da ogni retorica. I familiari di Nunzio Leggio, pioniere dell’industria della nostra provincia, animatore dello sviluppo sociale e culturale della provincia, fondatore dell’ALUI, oggi intestata al suo nome, la vera artefice dell’Università a Ragusa, hanno consegnato ad un giovane laureato, Roberto Nicastro, che si è distinto per una  tesi di laurea sull’esperienza del biogas in una impresa ragusana, una borsa di studio di 5000 euro, dopo una attenta selezione tra numerosi concorrenti. E’ stata la signora Pina Guastella Leggio a consegnare la borsa di studio mentre Antonella Leggio, figlia dell’indimenticabile Nunzio, ha illustrato il senso della iniziativa commemorativa.

Infine alla presenza della vedova  e dei familiari, è stato scoperto il busto che Emanuele Rizza, giovane scultore modicano, ha realizzato per Pippo Tumino, presidente della Camera di Commercio, scomparso nel 2010, durante il suo mandato alla guida dell’ente di piazza Libertà, ed al quale è intitolata la Sala Borsa dell’edificio  camerale. La scultura in marmo sarà da oggi esposta nella sala Borsa e reca una semplice ma significativa incisione “In memoria di Pippo Tumino”.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 giugno 2015 – Il Consiglio della Camera di Commercio di Ragusa nel corso della sua riunione di ieri ha affrontato il tema della situazione infrastrutturale della provincia con riferimento alle tante opere pubbliche delle quali si discute da lungo tempo, dalla Ragusa-Catania alla Siracusa-Gela, ma anche ponendo  attenzione sull'aeroporto di Comiso, il porto di Pozzallo, l'autoporto di Vittoria.

Dopo un ampio dibattito che ha visto la partecipazione di gran parte dei consiglieri rappresentanti dei diversi settori e delle associazioni, il consiglio ha deliberato di costituire un gruppo interno al consiglio incaricandolo di affrontare con piena rappresentatività del mondo produttivo le problematiche in questione anche rispetto al confronto con il Governo e le istituzioni.

Della commissione per unanime decisione del consiglio faranno parte il Presidente della Camera con la  Giunta  camerale, il consigliere camerale presidente della commissione consiliare che si occupa di infrastrutture, i rappresentanti in consiglio dei sindacati e dei consumatori.

In considerazione della pressante attualità di alcune problematiche, come quella della realizzazione della Ragusa-Catania, il gruppo camerale avvierà subito il proprio lavoro coordinandosi immediatamente con la rappresentanza dei sindaci della provincia  e con la deputazione nazionale e regionale del territorio che restano gli interlocutori privilegiati per portare a soluzione le tante tematiche infrastrutturali provinciali.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

(26-27 Giugno 2015, Aula delle Adunanze - Palazzo di Giustizia di Catania)

 

Mercoledì, 24 giugno 2015 – L’Unione Italiana Forense, organizza a Catania un Convegno dal tema “Funzione deterrente della pena: una domanda senza risposta?” che si svolgerà il 26 e 27 Giugno prossimo presso l’Aula delle  Adunanze del Palazzo di Giustizia di Catania. 

La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti. Per gli Avvocati che parteciperanno, saranno attribuiti 6 crediti formativi. Il corposo programma, che si svolgerà dalle ore 15 fino alle ore 20 del 26 Giugno, e dalle 9 alle 20 del 27 Giugno, vedrà come relatori il Presidente Regionale della Sicilia dell’UIF, Avv. Enrico Calabrese, il Dott. Mario Barresi (Giornalista), l’Avv. Elisabetta Rampelli (Segretario Generale Nazionale dell’U.I.F.), l’Avv. Fabrizio Seminara, il Dott. Francesco Puleio (Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa), il Dott. Stefano Montoneri (Giudice della Sezione Penale del Tribunale di Catania), l’Avv. Luca Andolina il Prof. Salvatore Amato (Docente di filosofia del diritto presso l’Università di Catania), il Rev.mo Mons. Salvatore Genchi (Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Catania), l’Avv. Danilo Giannone, la Dott.ssa Elisabetta Zito (Direttrice della Casa Circondariale di Piazza Lanza, Catania) il Comandante dei Vigili Urbani di Catania, Dott. Pietro Belfiore,  il Sost. Comm. della Polizia di Stato Francesco Vona, il Dott. Carmelo Giongrandi (Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Catania) e il Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Catania, Dott. Salvatore Scalia.

“L’esigenza di un Convegno sull’allarme sociale dei microreati nasce dal forte senso di impotenza che pervade i cittadini e, in particolare, gli operatori del diritto di fronte ad una recrudescenza della criminalità che ormai ostenta una tracotanza che desta veramente allarme e preoccupazione, apparentemente irrefrenabile, nel senso che i malfattori pare abbiano maturato la consapevolezza che tutt’al più il rischio della punizione non solo è sopportabile, ma talvolta (la punizione) sarebbe perfino una condizione migliorativa rispetto allo stato di partenza e tenendo anche conto della disperazione di tanti, costretti in assenza di idonei rimedi sociali. Bisogna trovare un “deterrente” efficace al dilagare della c.d. “microcriminalità” la cui macroscopica diffusione sta facendo alzare, considerevolmente, il tasso di tolleranza,quasi che fosse “poca cosa”,il furto, l’aggressione, lo scippo, lo scasso... Tanto più il fenomeno è grave laddove denota una inaccettabile incongruenza fra tale tolleranza (che assomiglia molto alla disarmata rassegnazione) e l’allarme sociale percepito.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 23 giugno 2015 – I Giovani Imprenditori di Confindustria Ragusa organizzano, in collaborazione con l'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Ragusa e Modica, un workshop sul tema “Strumenti innovativi di gestione: dai sistemi tradizionali al calcolo dei costi per attività”, che si terrà Venerdì 26 Giugno (ore 16.00-20.00) e Sabato 27 Giugno (ore 9.00-13.00), nella Sede dell'Associazione Industriali di Ragusa (Zona Industriale I Fase).


La conduzione del work-shop è affidata al dottor Francesco Frisina, docente di “Programmazione e Controllo” presso primaria Business School e consulente di controllo di gestione, organizzazione e misurazione delle performance,  nonchè Business Controller della multinazionale francese Carrefour.

«Il controllo di gestione -  dichiara la Presidente dei Giovani Industriali, D.ssa Chiara Giombarresi - sta ricevendo una grande attenzione, complici i momenti di brusca frenata dell’economia e la crescente necessità di reagire in maniera tempestiva all’ipercompetizione dei mercati. Più cresce la complessità e più lo strumento di controllo di gestione si rivela  indispensabile in qualsiasi tipologia d’impresa, dalle PMI manifatturiere o di servizi alle imprese commerciali». 

 

«Il workshop - aggiunge il Presidente dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Ragusa e Modica, Daniele Manenti - intende analizzare le nuove tecniche di determinazione dei costi, di valutazione delle performance aziendali e le metodologie per controllare l’andamento del business e migliorare i processi in una logica di creazione del valore. I professionisti non possono non impadronirsi dei "segreti" di questa tematica, e per questo l'iniziativa gode dei crediti formativi rilasciati dall'Ordine».

 

La partecipazione è riservata a un massimo di 40 partecipanti, che verranno selezionati secondo l'ordine cronologico di iscrizione.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 19 giugno 2015 – Un seminario informativo di presentazione è stato programmato dalla Cna provinciale di Ragusa per incontrare le imprese dell’area iblea allo scopo di illustrare i contenuti del progetto DASF (Distretto artigiani senza frontiere). 

Finanziato nell’ambito del programma comunitario di cooperazione transfrontaliera Enpi Italia-Tunisia 2007/2013, Dasf è promosso da un partenariato transnazionale che vede come soggetto capofila la Cna di Ragusa e come partner le Cna di Agrigento e Trapani, l'Ufficio nazionale dell’artigianato tunisino (Onat), la Camera di Commercio di Bizerte e l'Unione tunisina dell’industria, del commercio e dell’artigianato (Utica) di Ariana. 

L’obiettivo generale è la costituzione di un distretto imprenditoriale internazionale che stimoli l'attività turistica creando una macro regione siculo-tunisina, coniugando la valorizzazione dei prodotti artigianali locali con la creazione di percorsi turistici destagionalizzati. Una strategia generale innovativa che mira ad orientare gli interessi turistici verso le produzioni artigianali, puntando da un lato alla crescita e destagionalizzazione dei flussi turistici, dall'altro alla valorizzazione e crescita di competitività delle imprese locali. In particolare ad essere interessate sono le imprese della filiera turistica intesa in modo esteso: dall'ospitalità alla ristorazione, al trasporto persone, al benessere, alle produzioni agroalimentari, all'artigianato artistico e tradizionale. 

Il seminario si terrà lunedì 22 giugno, alle 19, nella sala conferenze Cna “Pippo Tumino” di via Psaumida 38 a Ragusa. Ad introdurre i lavori sarà il segretario provinciale Cna Ragusa, Giovanni Brancati, mentre la relazione iniziale sarà tenuta dalla coordinatrice del progetto Cristina Dragoi. Interverranno Rosario Alescio, presidente di Logos, società di consulenza al progetto, e Gaetano Gaglio, esperto della stessa Logos. Concluderà gli interventi previsti il presidente provinciale Cna Ragusa, Giuseppe Santocono. Analoghi seminari, considerato che il progetto coinvolge anche altri territori della Sicilia, si terranno nei prossimi giorni a Trapani e ad Agrigento.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modica, 27 agosto 2015 – Dal 12 al 26 settembre Palazzo Grimaldi ospiterà la personale di fotografia di Paola Garofalo dal titolo “Etna: emozioni, luci e colori” (inaugurazione sabato 12, ore 19.30; ingresso libero). La mostra è inserita nell'ambito della VII edizione del Med Photo Fest, la manifestazione dedicata alla fotografia d'autore, promossa dall'Associazione culturale Mediterraneum di Catania con il patrocinio e il supporto di istituzioni pubbliche e private tra cui il Gruppo fotografico Luce iblea di Scicli e la Fondazione Giovan Pietro Grimaldi di Modica.

Paola Garofalo (Modica, 1962) vive e lavora a Catania. I suoi ambiti fotografici preferiti sono il reportage, la natura e gli sport, ma gli studi universitari di geologia e l’opportunità di stare a contatto con la natura l'hanno condotta a prediligere la fotografia di paesaggio. E l’Etna, specialmente durante le manifestazioni eruttive, rappresenta un’irresistibile attrazione. I suoi scatti sono apparsi sulle pagine del National Geographic Italia, sulla rivista Fotoit e sull’Annuario della FIAF.

Il percorso espositivo comprende un'accurata selezione di oltre trenta immagini, realizzate dal 2010 a oggi.

«La mostra di Paola Garofalo – scrive Serena Vasta a commento delle immagini - è una dichiarazione d’amore all’Etna, dentro ogni foto ci sono la determinazione, la passione, la fatica e tutti gli sforzi - sempre fatti con il sorriso sulle labbra - per trovarsi nel posto giusto al momento giusto. L’Etna non dà appuntamenti, l’Etna chiama a qualsiasi ora del giorno e della notte, e solo i veri appassionati di montagna lasciano tutto per sentire i boati da vicino e vedere le fontane di lava da poterle quasi toccare, partono con l’attrezzatura pesante sulle spalle e corrono ad inseguire la loro più grande passione».

Quattro le sezioni della mostra: la prima racconta l'Etna da una prospettiva inedita e affascinante, con immagini aeree ma anche foto scattate alle prime luci dell’alba, quando l’ombra del vulcano si estende sui paesi limitrofi; la seconda e la terza documentano le spettacolari eruzioni diurne e notturne, con nubi dense di fumo e cenere che volteggiano nel cielo; la quarta mostra la suggestione straordinaria del vulcano di notte, quando le sue nuvole rosse si stagliano su cieli limpidi e stellati. 

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni, da lunedì a sabato dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 21.00, la domenica dalle ore 17.00 alle 21.00.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 21 agosto 2015 – A Pozzallo, presso lo spazio cultura Meno Assenza, prende l’avvio, con inaugurazione domenica 23 agosto, dalle 21.00 alle 22,30, la mostra fotografica personale di Giancarlo Lauretta che durerà fino al 29 agosto, direttore artistico Gianluca Blandino.

Il titolo di questa sua prima esposizione, che si preannuncia suggestiva per l’accurato uso del bianco e nero, sarà Viaggio IN Vietnam.

Le fotografie, particolarmente impegnati nel promuovere la conoscenza di culture diverse e popoli lontani, raccontano le contraddizioni che caratterizzano il Vietnam attuale.

Da un lato il silenzio e l’introspezione di alcuni luoghi, la spiritualità più profonda, l’ubiquità della sacralità; dall’altro il grande rivolgimento, urbano e sociale, caratterizzato da nuove dinamiche.

La scelta di proporre una mostra fotografica sul viaggio, in particolare in Vietnam, non è solo dettata dal piacere della scoperta di “paesaggi nuovi”, culture nuove o esotiche, ma scaturisce dal desiderio di rinnovare un pressante e ancestrale bisogno dell’uomo: “oltrepassare il confine”: Il nomade rinuncia; medita in solitudine; abbandona i rituali collettivi e non si cura dei procedimenti razionali dell’istruzione o della cultura. È un uomo di fede.

L’opening sarà caratterizzato da un Sound & Visual Experiment (il viaggio - nel mondo e sulla carta / riti e gesti nel tempo e nello spazio).

Lectures (riflessioni sul viaggio) di Mara Aldrighetti (poetessa), Teresa Renda (fotografa) e Sara Sigona (fotografa e pubblicista), alternate ed accompagnate a componimenti musicali e performances a corpo libero eseguiti da Nuccio Pisana (percussioni effetti sonori) e Sandra Celestre (adattamento coreografico) ispirati al tema del viaggio.

Una riscrittura e non una traduzione testuale del codice narrativo legato al viaggio.

Un “testo altro” che per scelta mantiene il taglio dichiaratamente ipertestuale componendo una nuova” travel texture”.

 

 

Gianluca Blandino

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

FOTO D’EPOCA E MAPPE IN MOSTRA PER “IMAGINARY ROUTES” A CURA DI KATIUSCIA POMPILI 

 

Scicli, 3 agosto 2015 - Venerdì alle 21.00 l’opening di “Imaginary Routes” la mostra monografica di Rossana Taormina, a cura di Katiuscia Pompili alle Quam di Scicli. Oltre cinquanta opere per la prima grande raccolta dell’autrice palermitana, conosciuta per le foto d’epoca con filo da cucire, con cui le geometriche e spigolose architetture ridanno identità al documento fotografico, ormai usato e inutile. 

Nella presentazione critica Katiuscia Pompili, curatrice della mostra, cita la “geografia emozionale” di Giuliana Bruno, “che, in antitesi con l’idea postmoderna di straniamento e allontanamento dal contesto di riferimento, evidenzia un modo nuovo e più emotivo di vivere ed attraversare spazio e tempo”. Fa anche riferimento al concetto di Gerolamo De Michele: “le rovine sono frammenti d’essere defunzionalizzati”, per sottolineare la “nuova funzione culturale e identitaria” delle opere di Rossana Taormina, che rimettono in moto “la Storia senza che questa si perda in un mare di detriti da smaltire”. 

È un processo estetico-poetico, quello di Rossana Taormina, che intriga di sapore autentico il gesto dell’azione, aggressiva, sulla foto o cartolina antica che sia. “Un atto sentimentale - lo definisce Antonio Sarnari, di Quam, galleria di riferimento dell’artista - che ridisegna le relazioni tra le cose e i soggetti delle foto o delle mappe”. Un gesto preso a prestito dalla nonna, dice l’autrice, che le ha permesso di instaurare una relazione affettuosa con le immagini del passato, un gesto carico esso stesso di verità, che riporta le immagini a nuove verità. 

“Imaginary Routes” raccoglie molti dei primi lavori, tra i più conosciuti, sulle foto di famiglia e sulle cartoline antiche ma propone anche il ciclo “Utopia”, dove l’autrice mette in relazione l’istituzionalità della mappa geografica con isole e città immaginarie; il tutto ancora legato dal filo da cucire. Vi sono poi i lavori del ciclo “Flight”, mappe nautiche usate, su cui vivono stormi infiniti di uccelli blu, a mezz’aria, come in uno spazio intermedio tra spettatore d’oggi ed epoca della mappa; e ancora gli inediti “Anatomy”, lavori in cui ritagli di pubblicazioni di anatomia fanno bella mostra, al posto di borse o cappelli, su foto di nobili donne degli anni Trenta. 

Ci sono poi i frottage del ciclo “Superfice”, grandi lavori su tela e su carta, che rappresentano le recenti fatiche. La ricerca di Rossana Taormina conferisce nuovo valore agli oggetti della memoria, usando la relazione estetica e romantica tra i documenti che la testimoniano. Una relazione è un nuovo senso e una nuova verità delle cose; per cui Rossana Taormina, conferendo nuovo senso ai documenti storici, conferisce anche una nuova validità anche a ciò che contenevano, una validità peraltro eterna. 

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modica, 9 luglio 2015 – Nell’ambito del Med Photo Fest 2015 Palazzo Grimaldi ospiterà dal 16 luglio al 31 luglio la mostra personale di fotografia “OnAir” di Enzo Gabriele Leanza (inaugurazione giovedì 16 ore 19.00), ispirata all’omonimo volume fotografico in uscita per i tipi dell’editore “The Dead Artists Society” e impreziosito da una nota introduttiva di Maurizio Galimberti, uno dei più importanti artisti italiani contemporanei.

La mostra è organizzata dall'Associazione culturale Mediterraneum di Catania, dal Gruppo fotografico Luce iblea di Scicli e dalla Fondazione Giovan Pietro Grimaldi, con il patrocinio del Dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università degli studi di Catania e il sostegno della Banca Agricola Popolare di Ragusa.

Il percorso espositivo allestito nella sede della Fondazione si snoda attraverso una trentina di opere nelle quali l’artista, con una tecnica fotodinamica non ignara della lezione futurista, riesce a trasferire sulla pellicola le note musicali di un concerto solitamente riservate all'ascolto e all’udito, in una sintesi visiva che rompe la staticità dell’immagine e ingloba artisti ed esecuzione, tempo e spazio, movimento e luce, forma e colore. Manca la traccia sonora, ma lo spettatore ha l’impressione di “sentire” la musica che gli gira intorno. Le immagini, frutto di un decennale lavoro di ricerca fotografica, sono state realizzate senza alcun intervento manipolativo in post-produzione.

«La trasformazione – scrive a tal proposito Enzo Gabriele Lenza - che i corpi reali di musicisti e strumenti subiscono attraverso l’atto fotografico da me realizzato, per quanto non ce li restituisca come essi apparirebbero al nostro occhio in quel determinato momento, non è comunque estranea al reale. Il movimento è parte del reale stesso, solo che non è percepito in maniera così evidente. Ma la vita stessa senza movimento, per dirla con le parole di Anton Giulio Bragaglia, sarebbe priva “del suo più vivo ed essenziale carattere».

Enzo Gabriele Leanza (Catania, 1975) è fotografo professionista dal 2005. Docente della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche (FIAF) e del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, ha collaborato con le riviste “Fotoit” e “Riflessioni” e ha pubblicato numerosi testi di critica fotografica e di storia della fotografia. Ha curato mostre personali di grandi autori della fotografia italiana e internazionale. Suoi ambiti di ricerca sono il ritratto, l’autoritratto, la fotografia di moda, la musica, il linguaggio del corpo, gli spazi urbani e le tradizioni popolari.

La mostra potrà essere visitata dal lunedì al sabato, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.00 alle 20.00.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Da Buenos Aires, il viaggio nel tempo di una donna Argentina di origine siracusana, determinata a ricostruire la genealogia della sua famiglia.

Un’avventura cominciata attraverso Internet.

È argentina, esattamente da Buenos Aires, si chiama Maria Adele Rubino, ma non ha parenti a Siracusa.

 

Sembrerebbe la storia di tanti siciliani all’estero, che dopo lunghi anni decidono di tornare, magari per brevi vacanze, nel loro paese di origine a incontrare parenti, di cui fino a quel momento conosceva soltanto la voce o il nome. Ma la straordinarietà di Maria Adele sta nel fatto di incontrare via internet l’Associazione Rosolinesi in Siracusa, prima  ha scritto un’e-mail dove dice che suo nonno era di Siracusa ed era desiderosa conoscere la casa dove era nato, nel dialogare il Presidente chiede di una sua parente che si doveva trovare nella stessa città, la quale zia si chiamava Antonina Di Stefano sposata con un certo Tommaso Poidimani, i quali emigrarono da Rosolini nell’anno 1910. La signora Rubino si mette in movimento e dopo qualche giorno fa avere l’indirizzo di questa parente e così inizia la storia  di due famiglie di nostri emigranti. 

La signora Rubino fa avere all’Associazione il nome e il cognome di suo nonno che si chiamava Concetto Rubino nato il 03.02.1880 a Siracusa figlio di Gaetano e di Giuseppa Di Caro e desiderava conoscere se aveva fratelli e sorelle per poi trovare dei parenti. Svolta l’indagine presso il Comune di Siracusa risulta che la mamma di suo nonno cioè la sua bis nonna aveva avuto n.10 figli, svolti altri accertamenti non si è riusciti a saper a questo momento dove sono andati a finire le rispettive famiglie. 

Qualche giorno fa la Signora Maria Adele e suo Marito Vittorio vengono a Siracusa per qualche giorno e s’incontra con il Presidente dell’Associazione Rosolinesi in Siracusa che oltre a portare notizie della sua parente parlano di suo nonno Concetto, che era nato a Siracusa in una casa ubicata nei pressi di Piazza del Popolo. Sono state fatte delle ricerche per conoscere questa Piazza del Popolo ma nessuno la conosce, forse è stata rinominata.

Parlando, si è deciso di andare al Cimitero per consultare i registri dei defunti, camminando lungo il muro perimetrale la signora legge una lapide dal cognome “Rubino” fatti i dovuti accertamenti è proprio la lapide del suo Bis nonno Gaetano Rubino nato a Siracusa il 30/3/1843  e morto il 27/2/1908 vicino c’è la lapide della Bis nonna Giuseppa Di Caro nata a Siracusa il 1/6/1845 e morta il 7/5/1909 è stato emozionante nel vedere la Signora Maria Adele nel baciare le foto dei rispettivi  bisnonni. 

Maria Adele e suo marito Vittorio, felici e contenti, sono ripartiti per l’Argentina e si sono dati appuntamento per una prossima venuta a Siracusa per conoscere i parenti. Nel frattempo lanciamo l’avviso se esiste qualche discendente della suddetta famiglia “Rubino” si può mettere in contatto con l’Associazione per programmare un incontro, nel prossimo futuro, con la signora Maria Adele.

 

Associazione Rosolinesi in Siracusa

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 2 settembre 2015 – Ieri mattina sono iniziati i lavori di realizzazione, in via definitiva, della rotatoria di Piazza Gramsci.

L'intervento, che sarà completato entro il mese di settembre, consentirà la rimozione dei new jersey di plastica attualmente presenti e la riqualificazione dell'arredo urbano nella zona. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 2 settembre 2015 – Sono stati aggiudicati stamane in via provvisoria i lavori riguardanti l'approvvigionamento di acqua potabile nelle zone costiere e limitrofe.

Aggiudicataria provvisoria dell'importante opera pubblica  è la ditta UNICOS S.R.L. con sede in Acicastello (CT) che ha offerto un ribasso del 38,3416% su un importo a base d'asta di € 1.237.735,52. Sul sito delll'Ente (www.comune.ragusa.gov.it) sono pubblicate le operazioni di gara.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Comiso, 1 settembre 2015 – Al via la nuova edizione di “Note & Notti Kasmenee”, la manifestazione di spettacolo, musica, cinema e incontri letterari, promossa e organizzata dal Comune.

“Note & Notti Kasmenee 2015”, articolata dal 5 al 27 settembre, sarà nel centro storico comisano e Pedalino dove avrà luogo l'attesa Sagra della Vendemmia.

Il programma sarà presentato nel corso di una conferenza stampa convocata per giovedì 3 settembre alle ore 10 presso l'Aula consiliare del Municipio. All'incontro coi giornalisti interverranno  il sindaco Filippo Spataro e l'assessore allo Spettacolo Sandra Sanfilippo. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 1 settembre 2015 – L’Assessore ai trasporti pubblici e mobilità sostenibile, Antonio Zanotto rende noto che il servizio di bus navetta per Ragusa Ibla viene prorogato fino al prossimo 11 settembre.

“L'Azienda Siciliana Trasporti infatti – ha detto l'assessore – si è dichiarata infatti disponibile a proseguire fino a venerdì 11 settembre detto servizio di collegamento con bus navetta tra Ragusa ed Ibla con capolinea in Piazza G.B. Hodierna”. 

Le corse verranno garantite dal lunedì al venerdì e la domenica, con ultima partenza da Ibla alle ore 24. Il sabato invece sabato l'ultima corsa in partenza da Ibla, verrà svolta alle ore 01,30.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 31 agosto 2015 – Il Comando della Polizia Municipale rende noto  che da domani, martedì 1° settembre, gli uffici della P. M. di Via Spadola saranno aperti al pubblico il lunedì, martedì, giovedì e venerdì, dalle 10 alle 12,30, martedì e giovedì, dalle 16 alle 17, mercoledì, giornata di chiusura per gli uffici viabilità e CED.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 20 agosto 2015 – Presso gli uffici dell'Assessorato allo sport, ubicati presso il Centro Direzionale Comunale di Contrada Mugno,  sono in distribuzione, in orari di ufficio, i tesserini venatori per la stagione 2015/2016.  

L'Amministrazione Comunale, inoltre, per agevolare i cacciatori residenti a Marina di Ragusa ed evitare così che gli stessi si spostino presso gli uffici comunali di Ragusa, ha disposto che la distribuzione di detti tesserini avverrà mercoledì 26 agosto, dalle ore 9 alle ore 12, presso la Delegazione comunale di Via Benedetto Brin. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 12 agosto 2015 – Il Settore IX  porta a conoscenza dei cittadini che le segnalazioni riguardanti  la manutenzione stradale e l’ illuminazione pubblica vanno inoltrate al numero 0932676563, oppure al seguente indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 13 luglio 2015 – Il Comando di Polizia Municipale informa che  dal 16 luglio al 6 settembre sarà attivata la sala operativa presso la sede del Comando di Polizia Locale di Marina di Ragusa, con sede in via Benedetto Brin, 52.  

Il numero telefonico dedicato è  +39.0932.676480.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 10 luglio 2015 – Il Servizio VI appartenente al Settore Affari Generali rende noto che gli uffici Anagrafe , Stato Civile, Elettorale e Carte d'identità, ubicati nella sede centrale di Corso Italia 72, sospenderanno, dal 6 luglio al 4 settembre,  l'apertura pomeridiana di apertura al pubblico. 

Gli sportelli opereranno pertanto dal lunedì al venerdì, soltanto dalle ore 9 alle ore 12,30.  

Presso la delegazione di Marina di Ragusa invece rimane confermata oltre all'apertura al pubblico nelle ore antimeridiane,  anche quella pomeridiana del martedì e giovedì, dalle ore 15 alle 16,30. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 {jathumbnail off images="images/logo.png"}

Module - JA Yahoo Weather

Province of Ragusa Italy Clear (night), 27 °C
Current Conditions
Sunrise: 6:29 am   |   Sunset: 7:25 pm
68%     12.9 km/h     1.005 bar
Forecast
MER Low: 21 °C High: 31 °C
GIO Low: 21 °C High: 32 °C
VEN Low: 22 °C High: 33 °C
SAB Low: 21 °C High: 33 °C
DOM Low: 21 °C High: 33 °C
Sostieni #Ondaiblea

Sponsorizza la tua attività su Ondaiblea

Scrivi a commerciale @ biancavela.it
o redazione @ novetv.com

Sostienici

Puoi anche sostenerci con un'offerta libera, con transazione sicura mediante le principali carte di credito e Paypal, cliccando sul pulsante

Paypal


coll@bora

Collabora con Ondaiblea: invia news, recensioni, foto, video, curiosità, lettere a

press @ biancavela.it (fax +39-0932.483117)

Tutti i riferimenti: Ondaiblea.tel


Ondaiblea Podcast: Guida e links

#Ondaiblea

Ondaiblea ondaiblea Calcio a 5: nuovo assetto per ASD Città di Scicli: Asd Città di Scicli: il nuovo assetto societario... http://t.co/qZhHS92DMY
About 14 hours ago
Ondaiblea ondaiblea A Marzamemi il Festival del Pesce Azzurro: Pachino, 2 settembre 2015 – Pro Loco Marzamemi informa c... http://t.co/Zt7mSEJaRj
About 14 hours ago
Ondaiblea ondaiblea Aggiudicati lavori acqua potabile zone limitrofe Ragusa: Ragusa, 2 settembre 2015 – Sono stati aggi... http://t.co/ZXoxJSyrAM
About 14 hours ago

Promozione Cineteatro Lumière - Ondaiblea

Porta una stampa di un articolo di Ondaiblea in cui appare questa pubblicità (con la data del giorno) e avrai una riduzione sul biglietto d'ingresso al Cinema.

Cine Teatro Lumière, Via Archimede 214,
Ragusa, tel. +39.0932.682699

 



Antenna Iblea Broadcasting

Val di Noto 98.4 MHz



Nove TV


Ondaiblea Mobile (iTunes)

per iPhone, iPad, iPod Touch


 

 

Sud Est

Un giornale libero, per spiriti liberi


Libri

Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion
Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion

Lettori

Abbiamo 363 visitatori e nessun utente online

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry