Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pozzallo, 7 febbraio 2015 – Successo del gruppo teatrale della Libera Università della Terza Età che ha rappresentato la commedia "La scuola di ieri e di oggi". 

Poche volte il Cine Teatro Giardino ha avuto un pubblico così numeroso ed entusiasta che si è congedato ripromettendosi di ritornare il prossimo appuntamento previsto il 16 aprile 2015  quando si porterà in scena la commedia "U zitagghiu ri na vota".

Gli attori che si sono esibiti, bimbi e adulti, sono risultati particolarmente bravi pur non essendo professionisti recitando un canovaccio scritto dalla responsabile Maria Antonietta Emmolo. 

Lusinghieri sono stati i commenti dei presenti tra i quali si trovava molta gente di cultura e alcuni scrittori pozzallesi. Gli apprezzamenti della critica non si sono fatti attendere soprattutto nelle recite della maestra della scuola di oggi e del maestro della scuola di ieri, ma anche nella parte delle attrici pozzallesi sul "cuttigghiu". 

Questi apprezzamenti si moltiplicheranno sicuramente in queste settimane. Bravi anche i bambini alunni e le adulte nel ruolo delle alunne. 

Anche il sindaco Luigi Ammatuna e gli Assessori alla Cultura e servizi sociali presenti al cine teatro si sono complimentati con lo staff e con l'organizzatrice e presentatrice della serata Maria Antonietta Emmolo.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry