fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 16 agosto 2014 – Dopo il successo della prima tappa del tour nazionale “Borghi e Borgate” 2014, con l’Omaggio a Pier Paolo Pasolini di e con Agostino De Angelis alla Graziella, nel cuore di Ortigia a Siracusa, è la volta della meravigliosa cornice di Ragusa Ibla. 

Il suggestivo centro storico, ospiterà a Piazza Pola, lo spettacolo teatrale multimediale il 19 Agosto alle ore 21. 

Lo spettacolo, promosso dal Comune di Ragusa, darà risalto a uno dei personaggi più importanti e discussi del ‘900. Il progetto ideato dallo stesso De Angelis, mira a valorizzare e promuovere i luoghi che conservano i ricordi storici e il patrimonio popolare, talvolta dimenticato, delle nostre città.

Ragusa Ibla costituisce, con i suoi ricordi medioevali e gli eleganti palazzi barocchi, il quartiere più ricco di fascino e di storia di Ragusa. Le sue origini risalgono al primo periodo siculo, l’antico nome era Hybla Haerea, un aggregato di villaggi siculi, che venne in contatto con le popolazioni greche e romane; mentre il nome Ragusa in Sicilia e Magna Grecia indicava il granaio o il luogo del grano.

Per questo Ibla diventa lo scenario ad hoc per Pasolini che, attraverso interviste inedite, le parole degli attori Agostino De Angelis, Vania Orecchio, Marco Scuotto, la musica dal vivo di Valerio Massaro, il movimento coreografico di Rita Gurrieri e le tele di scena del M° Biagio Schembari, si racconterà in un viaggio che abbraccerà i personaggi, gli avvenimenti e le tragedie che hanno caratterizzato l’Italia del dopoguerra. L’era del consumismo, il progresso tecnologico e la salvaguardia del patrimonio culturale, “la scomparsa delle lucciole”,  questi sono alcuni dei temi che prenderanno forma nell’adattamento di De Angelis; argomenti forti, ora più di allora, che Pasolini ci lascia come spunto di riflessione e discussione.

Organizzazione a cura delle Ass.ni Culturali Extramoenia e ArchéoTheatron, con il patrocinio della rivista Archeologia Viva, Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto, Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa, Istituto di Cinematografia “Roberto Rossellini” di Roma. 

 

Ingresso Libero. Info. 320/7054115 – 349/405382 - www.extramoenia-sr.it


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry