fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide 15 dicembre 2014 – Dopo oltre un mese di digiuno il Palazzolo torna a vincere e a strappare applausi battendo per 5 reti a 0, sul sintetico del comunale “Alessandro Scrofani Salustro”, il malcapitato Comiso. 

Tre punti fondamentali per la formazione guidata da mister Attardo, che oggi ha visto l’esordio dal primo minuto di gioco del neoacquisto Gigi Calabrese, e, nella ripresa, dell’attaccante Lorenzo Gennarini, autore del quinto ed ultimo gol della gara. Palazzolo che parte fortissimo rendendosi pericoloso già al 2’ con Andrea Germano, che, sugli sviluppi di un’azione di rimessa, percorre trenta metri palla al piede e calcia a botta sicura verso la porta avversaria trovando la miracolosa deviazione in angolo di Gurrieri. 

Al 4’ è il difensore Ricca, in seguito ad una punizione dalla trequarti, a colpire di testa in tuffo impegnando severamente il portiere comisanese. Il gol dei gialloverdi è nell’aria e arriva subito dopo, grazie al centrocampista Brian Quarto, che riceve la sfera in profondità da Miraglia (tornato al Palazzolo proprio nelle ultime ore dopo essere andato via nei giorni scorsi), e, con un preciso destro, supera l’incolpevole Gurrieri. 

La squadra di casa continua a spingere sull’acceleratore, e, poco dopo il quarto d’ora, perviene al meritato raddoppio con Germano, il quale riceve da Saraceno sul settore di destra, e, da posizione defilatissima, batte con un gran diagonale il portiere Gurrieri. Gli ospiti non ci stanno, e, nonostante le palesi difficoltà d’impostazione, soprattutto a centrocampo, provano a reagire andando al tiro con Pecoraro, che, in seguito ad una mischia convulsa nell’area di rigore palazzolese, trova una splendida parata d’istinto di Aglianò. Al 36’, però, il Palazzolo fa “tris” dopo che una plateale spinta in area di Guarino ai danni di Miraglia viene sanzionata dal direttore di gara con il penalty: dagli 11 metri è lo stesso attaccante a realizzare con un destro angolato su cui il portiere non può arrivare. La ripresa, giocata a ritmi ben più bassi rispetto al primo tempo, si apre con un tiro dalla lunga distanza di Sollano bloccato centralmente dal portiere Gurrieri. Al 74’, dopo una fase di stanca del match, il Palazzolo cala il “poker” grazie alla splendida azione personale del neoentrato Lentini, che salta in slalom due avversari e supera con uno splendido tocco il portiere dl Comiso. 

Al 76’, sul versante opposto, Aglianò si esibisce in una spettacolare parata negando per la seconda volta a gioia del gol a Pecoraro. Nel finale, poi, è l’attaccante palazzolese “doc” Lorenzo Gennarini, entrato in campo al posto di Germano, a sfondare sul settore di destra e a superare in velocità due difensori del Comiso prima di firmare con un tocco ravvicinato la rete del definitivo 5 a 0.

 

 

***

Palazzolo: Aglianò, Saraceno, Accardo, Quarto (54’ Lentini), Gallo A., Ricca (77’ Gallo L.), Linares, Calabrese, Germano (58’ Gennarini), Miraglia, Sollano. A disp. Occhipinti, Salvadori, Carilli, Arena. All. Attardo.

 

Comiso:  Gurrieri, Giarratana, Gianlongo (86’ Nigita), Lupica (70’ Monaco), Demaria, Guarino, Grimaudo, Commendatore, La Raffa (51’ Tallarico) , Valerio, Pecoraro.  A disp. Meli, Blanco, Nobile, Occhipinti. All. Fichera. 

 

Arbitro: Bellinghiere di Messina, assistenti Pernicone e viglianesi di Catania.

 

Reti: 5’ Quarto, 16’ Germano, 36’ Miraglia (rig)., 74’ Lentini, 85’ Gennarini.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry