fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 9 ottobre 2015 – Dopo aver preso contatto con la nuova realtà, visto da vicino i “suoi” giocatori e diretto gli allenamenti settimanali con rigore e professionalità, domani guiderà dalla panchina il Palazzolo nel match interno con la San Pio X per provare a conquistare i primi tre punti stagionali: Pippo Strano comincia così la sua avventura da tecnico dei gialloverdi, con una gara delicatissima e alcune assenze che peseranno non poco, quelle del difensore Christian Ricca e di Gigi Calabrese (entrambi sono stati fermati per un turno dal giudice sportivo dopo i rispettivi “rossi” rimediati nella trasferta di Barcellona Pozzo di Gotto). 

In forte dubbio anche la presenza dell’esterno di centrocampo classe 1996 Paolo Serrantino, che è ancora alle prese con un fastidio e sul cui utilizzo si deciderà in extremis. Ad analizzare il momento particolare che sta vivendo il Palazzolo, alla vigilia di un match che potrebbe segnarne il suo futuro, è proprio il direttore generale della società iblea, Gigi Calabrese. “Il nuovo tecnico – spiega - sta infondendo in tutti noi la cattiveria agonistica che serviva e che, ne sono certo, porteremo subito in campo. 

È una gara fondamentale per il nostro cammino e anche la società si è mossa in modo da dare una scossa a tutto l’ambiente. Nei ragazzi, poi, – aggiunge - ho visto molta attenzione e dedizione ma quello che conta è il responso del campo. Incontreremo dei giocatori esperienti che vengono da due sconfitte consecutive ma a noi serve fare risultato, - ha concluso Calabrese - bisogna assolutamente risalire la china”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry