fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Scicli, 7 dicembre 2015 – La prima sconfitta della stagione costa cara alla #Pallamano #Ragusa, addirittura il primo posto in classifica nel campionato di Serie B.

Il derby con lo Scicli, giocatosi sabato pomeriggio in trasferta, ha avuto un esito doppiamente infelice per i ragusani. 

Il risultato finale di 18-16 per il team avversario (10-9 il primo tempo sempre per i padroni di casa) fotografa una partita in cui il sette allenato da Danilo Scalone ha commesso una serie infinita di errori in attacco, pur cercando di impostare la difesa in maniera attenta e arcigna, per impedire agli sciclitani di andare a segno. 

“Purtroppo – spiega l’allenatore – qualcosa non ha funzionato. Nonostante nella prima frazione di gioco il match fosse scivolato sui binari di un sostanziale equilibrio, non siamo mai riusciti a sopravanzarli. Alla fine, abbiamo sbagliato la bellezza di ben sedici tiri tra contropiedi e azioni di vario tipo. 

Troppi errori, quindi, che alla fine abbiamo pagato. E’ davvero un peccato perché, comunque, era un match alla nostra portata. Anche nel secondo tempo, nonostante in difesa avessimo impostato al meglio la situazione, per un quarto d’ora non siamo riusciti a concretizzare neppure una segnatura nella porta avversaria. Quindi, dopo averle provate tutte, siamo stati costretti ad arrenderci”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry