fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Fonte: Siracusanews

 

“Per l’umanità, la dedizione e la fermezza dimostrate nell’affrontare questo grave ed occultato disagio sociale, piaga e sofferenza di questa nostra martoriata società civile e per l’impegno che, partendo dall’azione del volontariato, ha ridato speranza a chi afflitto da questi drammatici problemi, essendo un saldo punto di riferimento”.

Con questa motivazione l’Istituto del Nastro Azzurro (Fra combattenti decorati al valore militare) della Sezione di Lentini ha conferito e consegnato oggi, nell’Aula Consiliare, alla presenza della cariche militari e civili della Provincia di Siracusa e del Comune di Lentini, il Premio Legalità "Brigadiere Filadelfo Aparo" ucciso dalla mafia nel 1979 a Palermo.

Il prestigioso riconoscimento è stato dato dalla moglie del Brigadiere. La cerimonia ha avuto il patrocino dello Stato maggiore della Difesa e dell’Istituto per la Guardia d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon di Roma. 

Don Fortunato Di Noto dichiara la sua commozione e riconoscenza riconfermando l’impegno a contribuire alla lotta contro “una piaga – sottolinea don Fortunato - dove le organizzazioni criminali lucrano sull’innocenza dei bambini spesso con ‘metodi e strategie mafiose’, una tragedia di sfruttamento indicibile e tragicamente reale. Un fenomeno quello della pedofilia e pedopornografia criminale che richiede sempre di più vigilanza, strategie comuni tra i Paesi, lotta globale."


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry