fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 2 gennaio 2017 – Domani, martedì 3 gennaio, è previsto un pranzo all'insegna della solidarietà  alla Casa del Pellegrino.

Già per il secondo anno consecutivo, la Casa del Pellegrino, in collaborazione con il Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, apre le sue porte all’accoglienza dei più piccoli: è la risposta che la Casa del Pellegrino dà, con i suoi dipendenti ed il suo amministratore, all’appello che il Cuore Immacolato di Maria ha fatto e continua a fare alla nostra città con il linguaggio della sue lacrime.

Questo è il primo di una serie di progetti che vedranno la struttura coinvolta non solo nell’accoglienza dei pellegrini in visita al Santuario ed alla città dare evidenza a ciò che sarà la sua nuova carta d’identità.

L’iniziativa di domani è legata all'accoglienza di tutti coloro per i quali la Madonnina ha versato le sue lacrime, il servizio e l’attenzione a tutti  coloro che nella società e nella nostra città sono meno fortunati di noi: saranno circa cento le persone bisognose, assistite dalla Casa della Carità del Santuario, che saranno ospiti, a pranzo, presso la Casa del Pellegrino.

Oltre i dipendenti che offriranno gratuitamente la loro opera, si sono associati all’azione benefica diversi ditte della città: DeterSi, Loran, Macelleria Giangravé, Panificio Gibilisco Vincenzo, Frutta Romano Tommaso, tutti fornitori della Casa del Pellegrino.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry