fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Archeologia
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un convegno dedicato a «Catastrofi distruzioni storia – dialoghi sull’archeologia della Magna Grecia e del Mediterraneo» con la partecipazione dell’archeologo Giovanni Di Stefano che relazionerà su Cartagine


Ragusa, 16 novembre 2020 — Dal 19 al 21 novembre si svolgerà il Convegno di archeologia «Catastrofi Distruzioni Storia» promosso dalla Fondazione Paestum, dall’Università di Salerno e dalla XXIII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

Il Comitato scientifico con il Direttore della Fondazione Paestum, il Prof. Emanuele Greco, ha deciso di svolgere i lavori in modalità telematica sulla piattaforma Windows Teams al link http://urly.It/38p-6.

Fra i grandi temi che saranno affrontati da archeologi e storici la distruzione di Troia (Benzi) , il collasso delle città  micenee (S. Privitera), il Partenone (L. Godart), l’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. (F.  Sirano). 


Tra i relatori c’è anche l’archeologo ragusano Giovanni Di Stefano, Professore di Archeologia all’Università della Calabria  e  in quella di Roma 2, che il prossimo 19 novembre  alle 17.00 parlerà  di Siccità a Cartagine ai tempi dell’Imperatore Adriano. Suoli Aridi e il Contributo della ricerca Archeologica. Questa relazione è modulata su una delle importanti scoperte di Giovanni Di Stefano a Cartagine, nella qualità  di Direttore della Missione Archeologica a Cartagine; ed è, appunto, la scoperta su una strada della città  romana di suoli aridi con cristalli di gesso proprio relativi alla siccità  del 122/128 d.C., quando poi Adriano visita la città  è il nord Africa.

Di Stefano presenterà per la prima volta i risultati di queste indagini che confermano l’estate più  torrida dell'’antichità  proprio durante il regno dell’imperatore Adriano.

Nel PDF allegato l’intero programma.

 

Salvo Micciché

Archeologia  

Locandina


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry