Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ragusa, 28 maggio 2015 – Due giornate di concerto per l’Istituto Comprensivo “Francesco Crispi” nell’auditorium della Scuola dello Sport con le orchestre formate dai ragazzi del corso musicale. 

Ieri è stata la volta delle classi prime e seconde ed oggi delle terze.  

Un concerto che ogni anno la scuola, diretta dalla professoressa Maria Grazia Carfì regala alle famiglie, agli alunni  e alla città con grande orgoglio. Ieri l’ orchestra delle prime classi ha aperto la serata con un “Te Deum”, seguito poi da un “Disney fantasy” e da “Hound dog-Jailhouse Rock”.  

Hanno fatto parte di questa orchestra le chitarre, i clarinetti, i flauti, le percussioni, il pianoforte e le tastiere ed i violini. L’orchestra delle seconde classi , ad eccezione dei violini, ha successivamente suonato con gli stessi strumenti. 

A loro il compito di un programma più impegnativo con la “Danza delle ore”, “Games of thrones”, “Home”  di M. Bublè cantata , tra l’altro da uno dei componenti dell’orchestra, Giuseppe Mallo,  e un midley  di “ Pink Panther-Baby elephant talk-Peter Gunn”. Stasera sarà la volta dell’orchestra delle terze classi che eseguiranno un repertorio più vasto e più impegnativo. I ragazzi hanno manifestato il piacere di stare insieme e condividere una passione  come la musica.  Il pubblico ha ricambiato il loro impegno e la loro passione con applausi e richieste di bis. Tanto il lavoro dei docenti durante l’anno per insegnare ai ragazzi uno strumento e poi armonizzare il tutto in una orchestra . Gli insegnanti  sono Valerio Battaglia, chitarra; Sebastiano Cannizzo, pianoforte; Salvatore Di Giorgio, chitarra; Giuseppe Gambuzza, clarinetto; Flavia La Perna, percussioni, Sebastiano Molè, flauto; Francesco Scrofani Cancellieri, pianoforte; Nadia Tidona, violino; Gaetano Vinci, clarinetto.

Tra le frasi scelte dai ragazzi per dare un ulteriore significato emozionale alla musica ci piace ricordarne una:  “La musica scaccia l’odio da coloro che sono senza amore. Dà pace a coloro che sono in fermento, consola coloro che piangono” (Pablo Casales).

 

Giovannella Galliano

 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.