fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modica, 14 febbraio 2015 – Giovanni  Caccamo entra nella storia di Sanremo, della provincia di Ragusa e di Modica: ha vinto il Festival della Canzone Italiana 2015 nella categoria “Nuove Proposte”, ed è il primo cantante ragusano ad aver vinto la storica gara musicale.

Nato a Modica 24 anni fa, Giovanni  sin da bambino coltiva la passione per l’arte delle note e per il canto, tanto da iniziare a calcare i palcoscenici molto presto (nel 2001 fa parte del coro dell’Antoniano di Bologna per la Festa della Mamma dello Zecchino d’Oro).

A vent’anni, dopo un’adolescenza passata tra composizioni e scrittura, studente di Architettura al Politecnico di Milano, lavora per la tv come conduttore e vj (con Rai Gulp per le trasmissioni Music Gate, Music Planet; con Rai Uno per Lo Zecchino d’Oro, Un Natale da Favola, Uno Mattina Estate; con Rai 2 per Social King) e la sua passione piu’ grande resta sempre la musica.

La sua vita cambia dopo un incontro su una spiaggia di Donnalucata: li’ nell’agosto 2012 Giovanni conosce Franco Battiato. Dopo il loro incontro e l’ascolto del primo demo, Battiato lo vuole con se’ nel tour “Apriti Sesamo”, per il quale apre i live nelle citta’ di Milano, Padova, Ravenna, Reggio Emilia, Roma, Firenze, Genova, Ragusa, Catania, Palermo, Messina, Salerno, Latina e delle date speciali “Franco Battiato feat Antony & The Jonsons”. Quell’incontro porta a “L’indifferenza”, il suo primo singolo. Il brano e’ scritto da Giovanni e prodotto da Franco Battiato e Pino Pinaxa Pischetola.

Nel novembre del 2013 Caccamo parte con il suo primo tour “Live at Home”: una tourne’e originale che lo vede girare l’Europa suonando nelle case della gente. Tutto cio’ che chiede e’ un pianoforte. Il progetto e’ un grande successo, umano e mediatico che dona a Giovanni tutto cio’ di cui ha bisogno per dare forma al suo universo musicale: un contatto diretto con il pubblico e l’attenzione dei media. Parlano infatti di lui Edicola Fiore di Rosario Fiorello, Corriere della Sera, la Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Radio 105, complici le collaborazioni con artisti, scultori e critici d’arte. A Parigi un concerto si tiene a casa di Gherardo Felloni, direttore creativo accessori Miu Miu; a Zurigo, protagonista e’ la casa di Kurt Metzler, noto scultore di fama mondiale; a Milano, la performance avviene nel laboratorio di Velasco Vitali e tra i suoi live ci sono anche quelli per Elisabetta Sgarbi e Giovanni Robustelli.

Da qualche mese Giovanni Caccamo è la nuova scommessa della Sugar, l’etichetta discografica indipendente piu’ importante d’Italia che negli anni ha portato al successo alcuni dei piu’ grandi nomi della musica italiana come Andrea Bocelli, Negramaro, Elisa, Malika Ayane, Raphael Gualazzi.

A chi dedichi questa vittoria? – ha chiesto ieri sera il presentatore Carlo Conti.

A mio papà – ha risposto l’artista -.

Suo padre, che è morto a causa di una grave malattia quando lui aveva 11 anni. Un gesto ammirevole.

Caccamo, che ha portato al Festival un brano scritto da lui stesso, “Ritornerò da te”, ha vinto anche  il premio della Critica Mia Martini – sezione Giovani e il Premio della Sala Stampa Radio-tv-web “Lucio Dalla” – Sezione Giovani .

Grande festa a Modica e in tutta la provincia che ha sostenuto Giovanni in questa grande avventura chiamata Sanremo.

 

NoveTV

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry