fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Scicli, 30 agosto 2015 – Una serata, anzi una notte di grande spettacolo il Taranta Sicily Fest di ieri a Scicli. Stupenda la cornice di via San Bartolomeo, ma è stato l’intero centro storico ad essere stato protagonista di un evento unico e di grande impatto turistico.

La musica dei due importanti gruppi musicali – le Malmaritate e i Calanti – ha coinvolto in maniera quasi irresistibile la grande folla di spettatori.

Non siamo in grado di dare cifre, ma possiamo affermare che almeno settemila persone, ieri, hanno “invaso” la città.

Un’invasione pacifica, festante, che ha messo alla prova la stessa organizzazione urbana e dei servizi, ma da quello che abbiamo visto tutto è andato bene. Merito innanzitutto degli organizzatori e della predisposizione di forze dell’ordine messe in campo, da parte di Comune e Prefettura.

Insomma, ancora un evento che è da promuovere sul piano della qualità e della stessa pianificazione turistica.

 

Il Giornale di Scicli

 

Scicli, 30 agosto 2015 – “Via San Bartolomeo non ci basta più”. Questo il commento di Peppe Stimolo che assieme a Federica Schembri, Giovanni Sudano e Vincenzo Puccia hanno ideato nel 2011 il Taranta Sicily Fest, evento che si svolge a Scicli, giunto quest’anno alla 5’ edizione. Nei primi 3 anni ad ospitare l’evento è stata Villa Penna, poi sostituta a causa dell’alta affluenza di pubblico con Via San Bartolomeo. Ora, anche Via San Bartolomeo non basta più e forse il prossimo anno si cambia ancora location.

Nessuno avrebbe scommesso che a fine Agosto la manifestazione riuscisse a superare come presenze le passate edizioni.

Quest’anno oltre 10.000 le presenze in città, un fiume di gente che partiva da sotto il palco, montato quasi sul Sagrato della Chiesa San Bartolomeo e arrivava in Piazza Italia per allargarsi su Via Nazionale e Corso Garibaldi. Locali strapieni, quasi impossibile riuscire a mangiare qualcosa. Bar in tilt, i frigo non riuscivano più a fornire bevande fresche. Insomma è impossibile raccontare quello che è accaduto a Scicli ieri sera.

Tutti pizzicati, compresi gli artisti che si sono esibiti sul palco: “Avevo sentito parlare di questa manifestazione positivamente, essere però su questo palco, con questo pubblico è stata una esperienza meravigliosa” – ha commentato Valentina Ferraiuolo,  componente delle Malmaritate, il gruppo siciliano che si è esibito prima dei Calanti, gruppo salentino che ha poi fatto ballare sino all’1:30 migliaia di persone.

Ha aperto la serata, presentata per il quarto anno consecutivo da Giovanni Giannone, la vittoriese Sofia Gentile, che ha interpretato il brano che ha portato alla 57esima edizione dello Zecchino d’Oro, La Tarantola.

Si sono lasciati "pizzicare" dalla taranta comitive di giovani arrivati da fuori, e anche meno giovani, famiglie intere, persino bimbi che ballavano sul passeggino.

Scicli aveva bisogno di una serata come questa: “Scicli non è città mafiosa” – ha puntualizzato Federica Schembri (Barocco Eventi).

 

NoveTV


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry