fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 11 dicembre 2014 – Primo importante rinforzo di questa sessione invernale del calcio-mercato per il Palazzolo, che, dopo le cessioni della settimana scorsa, stamattina ha perfezionato l’ingaggio del centrocampista Gigi Calabrese.

Per l’esperto giocatore classe 1982 si tratta di un “gradito” ritorno in terra iblea dopo l’esperienza che, meno di due anni fa, lo aveva visto protagonista con la maglia gialloverde nel campionato di serie D. La società del presidente Graziano Cutrufo, nelle prossime ore, annuncerà anche il nome di un nuovo attaccante: l’intento, ora, è quello di rinforzare il reparto avanzato, ultimamente apparso un po’ in ombra, e, soprattutto, di tornare a tenere il passo delle squadre che precedono i gialloverdi in classifica.

“Avevamo iniziato la stagione in maniera stupenda, - spiega il presidente - ma dopo gli ultimi risultati, che hanno pesato non poco sul morale e sulla classifica, bisogna riprendere la giusta via e tornare sin da subito a vincere. Poter contare su un giocatore come Gigi Calabrese, che con la sua esperienza rappresenta una garanzia ed un valore aggiunto, - ha aggiunto - è indicativo del fatto che non abbiamo assolutamente intenzione di arrenderci”. Calabrese, che nella sua lunga e florida carriera ha anche militato nel Siracusa disputando un campionato in serie C1, sarà disponibile già per la partita interna di domenica, l’ultima del girone d’andata di Promozione, che vedrà il Palazzolo impegnato tra le mura amiche dello “Scrofani Salustro” con il Comiso. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry