fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 11 gennaio 2015 – Giù i binocoli, c’è solo Ottawa: rimane a Siracusa la “Coppa D’oro di Siracusa” edizione 2015, grazie al portacolori dell’ Alca Torre di Canicarao, presentato, oggi, in una forma esemplare. 

Così come impeccabile la conduzione di Antonio Cannella, che prende le redini della gara, già dalle prime battute, e detta il suo ritmo per tutti i 2300 metri previste dall’attesissima  Listed Race, corsa clou del palinsesto ippico all’Ippodromo del Mediterraneo.  Non si risparmia un solo attimo Ottawa, neanche quando viene sollecitato dal suo regista per la volata finale. 

Per il bottiano Vado di Siella rimane un posto d’onore, mentre la terna è chiusa dal buon Gasquet. 

 

Cannella-day, oggi. 

Poker di vittorie per il giovane ed elegante fantino palermitano che sprigiona entusiasmo ed energia ogni qualvolta  è stato chiamato in causa. 

Lo spettacolo è stato solo in pista, perché in  una soleggiata giornata siciliana, hanno incantato anche le esibizioni di Vera Lo Forti che, sia con il suo imponente frisone nero sia con un agile  ispano-arabo, si è cimentata in prove in libertà, in sfide a stile hip hop ,contro una coinvolgente Against All Crew ed in una elegante coreografia di ginnastica ritmica, con una talentuosa ginnasta. Un momento  di colore è  arrivato dal divertente  flash mob  che ha augurato un “Happy” ippica a tutti.  

Questi gli ingredienti di qualità  che hanno condito di entusiasmo la giornata conclusiva del Galà Internazionale del galoppo. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry