fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

PALAZZOLO 2 - RAGUSA 0

Palazzolo Acreide, 28 marzo 2015 – Sotto la pioggia battente dello “Scrofani Salustro” il Palazzolo gioca una gara di grande sacrifricio, e, nonostante le numerose defezioni, riesce nell’intento di battere il Ragusa per 2-0 assicurandosi così in maniera definitiva il quinto posto in classifica. 

 

Hanno firmato la vittoria, nella tredicesima stagionale in campionato, nella ripresa, i centrocampisti Brian Quarto e Mirko Linares, autori di due reti davvero splendide. Il match, almeno fino al momento del primo gol, per i palazzolesi era stato piuttosto complicato considerando il fatto che il Ragusa, con una vittoria, avrebbe potuto agguantare i gialloverdi e sperare ancora in un piazzamento nei play-off. 

Decisamente meglio gli ospiti in avvio, con un’azione ubriacante di Vicari che, al 2’, parte palla al piede dal cerchio del centrocampo, salta due difensori e calcia di destro trovando la respinta di piedi di Aglianò, 

Al 6’ è ancora Vicari a mancare incredibilmente il gol calciando al lato da ottima posizione al termine di un’azione che aveva disorientato la difesa gialloverde. Dall’altra parte, all’8’, il Palazzolo prova a rispondere con l’attaccante Andrea Germano, che calcia da posizione defilata: il suo tiro viene deviato da un difensore del Ragusa assumendo una traiettoria pericolosissima per il portiere Caruso che, comunque, si distende e mette il pallone in corner. 

È soprattutto la formazione ospite, nel primo tempo, a rendersi pericolosa, e poco dopo il 10’ ci prova Sella, con un tiro dal limite sugli sviluppi di un contropiede che sfiora il palo alla destra di Aglianò. Col passare dei minuti, comunque, il Palazzolo riesce pin piano ad alzare il baricentro della sua azione senza correre più rischi. Anzi, al 45’, sono proprio i gialloverdi a sfiorare il gol del vantaggio con una punizione di Linares deviata in angolo da Caruso. La ripresa è molto più divertente ma al 48’ il Palazzolo trema ancora: è l’incrocio dei pali, infatti, a salvare i gialloverdi dopo un preciso calcio di punizione dal limite di Nigro. Sul versante opposto, al 60’, il Ragusa rischia di subire il più clamoroso degli autogol con lo stesso Nigro, che, nella circostanza, devia il pallone verso la sua porta sul cross di Calabrese col portiere Caruso che è costretto ad un super-intervento per mandare in angolo. Il risultato, però, si sblocca qualche minuto più tardi grazie ad una potente di punizione di Quarto, che calcia da posizione defilatissima con l’esterno del piede e fa girare il pallone quanto basta per piegare le mani all’estremo difensore ospite Caruso. Il vantaggio sembra mettere le ali al Palazzolo, ma i ragusani non ci stanno e rispondono con un tiro dalla lunga distanza di Nigro bloccato centralmente da Aglianò. 

Nel finale, però, la squadra di casa dimostra di riuscire a gestire il risultato senza patemi ed  è l’eurogol di Linares, autore di un gran tiro dai trenta metri che s’insacca alla sinistra di Caruso, a mettere l’accento su una prestazione generosissima che consente al Palazzolo di centrare una vittoria che potrebbe rivelarsi fondamentale per il suo futuro.

 

 

Palazzolo: Aglianò, Saraceno, Accardo, Gallo L., Mozzicato (78’ Gallo A.), Ricca, Sollano (53’ Caligiore), Calabrese, Germano, Linares, Quarto (67’ Bordonaro). A disp. Farina, Dumbia, Salonia, Carilli. All. Massimo Attardo.

 

Ragusa: Caruso, Cicero, Iapichino, Tumino, Puglisi, Nigro, Milazzo, Bennardo (83’ Scribano), Vicari, Sella Corso (76’ La Rosa). A disp. Cavone, Gennaro, Di Pasquale, Castilletti, Capocasale. All. Salvatore Utro.

 

Arbitro: Augello di Catania, Blanco e Patanè di Acireale.

 

Reti: 65’ Quarto, 89’ Linares.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry