fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 9 ottobre 2015 – Dopo aver preso contatto con la nuova realtà, visto da vicino i “suoi” giocatori e diretto gli allenamenti settimanali con rigore e professionalità, domani guiderà dalla panchina il Palazzolo nel match interno con la San Pio X per provare a conquistare i primi tre punti stagionali: Pippo Strano comincia così la sua avventura da tecnico dei gialloverdi, con una gara delicatissima e alcune assenze che peseranno non poco, quelle del difensore Christian Ricca e di Gigi Calabrese (entrambi sono stati fermati per un turno dal giudice sportivo dopo i rispettivi “rossi” rimediati nella trasferta di Barcellona Pozzo di Gotto). 

In forte dubbio anche la presenza dell’esterno di centrocampo classe 1996 Paolo Serrantino, che è ancora alle prese con un fastidio e sul cui utilizzo si deciderà in extremis. Ad analizzare il momento particolare che sta vivendo il Palazzolo, alla vigilia di un match che potrebbe segnarne il suo futuro, è proprio il direttore generale della società iblea, Gigi Calabrese. “Il nuovo tecnico – spiega - sta infondendo in tutti noi la cattiveria agonistica che serviva e che, ne sono certo, porteremo subito in campo. 

È una gara fondamentale per il nostro cammino e anche la società si è mossa in modo da dare una scossa a tutto l’ambiente. Nei ragazzi, poi, – aggiunge - ho visto molta attenzione e dedizione ma quello che conta è il responso del campo. Incontreremo dei giocatori esperienti che vengono da due sconfitte consecutive ma a noi serve fare risultato, - ha concluso Calabrese - bisogna assolutamente risalire la china”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry