fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 29 maggio 2015 – Domenica,  31 maggio 2015 , l’equipe dell’HOSPICE -   Modica -  dell’Azienda Sanitaria di Ragusa, unitamente ai volontari LILT,   SAMOT Onlus (PA)  e la SAMOT Ragusa -    che si occupano di cure palliative domiciliari - sarà presente in  piazza Matteotti – Modica ,   dalle ore 19.00 in poi,    in occasione della “XIV Giornata Nazionale del Sollievo”, indetta dal Ministero della Salute e dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome, per la promozione delle cure palliative e della terapia del dolore. 

Scopo della manifestazione è quello di promuovere  la “cultura del sollievo” ed estendere all’opinione pubblica la consapevolezza che l’affrancamento dal dolore inutile non è solo desiderabile ma anche possibile. 

I cittadini saranno accolti da un’equipe multidisciplinare costituita da medici, psicologi,  infermieri e volontari,  specialisti nel trattamento del dolore,  che in occasione della   Giornata promuoveranno la cultura del sollievo dalla sofferenza e per informare i cittadini sui loro diritti in tema di terapia del dolore.

 

La sfida dell’Hospice e delle Cure Palliative è quella di migliorare la qualità fisica ed esistenziale della persona malata e della sua famiglia in questo percorso di malattia inguaribile, così come sancito dalla legge  che prevede la diffusione della filosofia assistenziale delle Cure Palliative e della cultura del Sollievo come attributo essenziale di civiltà per la tutela della dignità della persona ammalata in fase avanzata di malattia o terminale.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry