fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Studenti dell’Indirizzo Scientifico e Classico del “Galilei - Campailla” di Modica a lezione di legalità presso il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Ragusa 

 

Modica, 13 aprile 2016 – Un’esperienza educativa vissuta con consapevolezza e ricca di confronto  è stata quella che  un gruppo di studenti delle classi 4C, 4D e  4B dell’Indirizzo Scientifico e Classico del “Galilei – Campailla” di Modica  ha avuto modo di sperimentare con la visita presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ragusa, programmata nel quadro del Progetto di educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva,  inserito nel Piano dell’Offerta Formativa dell’Istituto.  

Gli studenti, accompagnati dai proff. Eleonora Rinzivillo, Attilio Migliore e Domenico Pisana, sono stati accolti dal Colonnello Claudio Solombrino con tutto il suo Staff, composto dal Maggiore Felice Ludovico Cicchetti, dal Capitano Antonio Manconi, dal Maresciallo Giuseppe Buscema, dal Maresciallo Michele Fraschilla, dall’Appuntato scelto Salvatore Rustico e dal Luogotenente Giovanni Minardo. 

L’incontro si è snodato in due momenti. Nel primo,  il Colonnello Solombrino ha aperto con gli studenti un confronto efficace, diretto e puntuale, sulle varie articolazioni in cui si muove la Guardia di Finanza per garantire il rispetto della legalità, della giustizia e del bene comune, puntualizzando, sulla base della varie domande degli studenti, elementi legati non solo alla repressione della corruzione, dell’illegalità e dell’illecito finanziario, ma soprattutto all’aspetto anche educativo e formativo che il Corpo si prefigge di raggiungere attraverso incontri istituzionali con le scuole, i giovani e le varie realtà del territorio.

Gli studenti si sono coinvolti in modo attivo in un confronto che ha visto domande sul fenomeno dello spaccio della droga, sui meccanismi illegali di società finanziarie che aprono conti nei cosiddetti “paradisi fiscali”, sulle modalità di diffusione del fenomeno della corruzione, sull’immigrazione, sul segreto bancario e su tutto quel sottobosco di illegalità che è determinato dall’evasione fiscale a grave danno del bene comune e dei servizi che lo Stato deve garantire. 

Nella seconda parte è il stato il Maggiore Cicchetti a presentare agli studenti, con il supporto di slide, tutte le modalità di azione del Corpo della  Guardia  di Finanza sia a terra, sia in  mare sia via etere. 

Interessante , in particolare, le testimonianze offerte agli studenti relativamente alle operazioni che scattano per salvare migranti quando che con i loro barconi arrivano sulle nostre coste. 

“E’ stata una esperienza positiva – hanno affermato gli studenti partecipanti – che ci ha fatto vedere anche il lato umano degli uomini della Guardia di Finanza e la loro professionalità; abbiamo anche avuto modo di apprendere conoscenze su questo Corpo dello Stato, che sembra tanto distante da noi, ma che nella realtà è vicino a noi cittadini per la nostra tutela e per garantire equità e giustizia”. 

Al termine della visita, il prof. Domenico Pisana, in segno di ringraziamento per l’accoglienza, ha donato  al Colonnello Claudio Solombrino il suo volume “Modica in un trentennio. Percorsi di storia di una città in cammino 1980-2010. 

L’Istituto proseguirà il suo percorso di educazione alla legalità e cittadinanza attiva con un seconda visita di studenti ad un altro luogo istituzionale,  il Comando dei Carabinieri della Compagnia  di Modica. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry