fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 26 aprile 2016 – Questa mattina il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Luigi Grasso, ha incontrato gli alunni delle seconde e terze classi dell’Istituto Rizza di Siracusa, discutendo con loro di vari argomenti. 

Si è parlato infatti di legalità, il Colonnello Grasso ha affrontato il tema della violenza di genere, soprattutto dello stalking, delle violenze in ambito familiare, del bullismo e cyberbullismo. La discussione si è poi rivolta alla sicurezza stradale e a come prevenire le migliaia di incidenti che ogni anno si verificano in Italia, con circa 3500 morti, la maggior parte dei quali sono tutti giovani, poco più che adolescenti. I ragazzi hanno fatto numerose domande, specie per quanto riguarda i fenomeni di violenza di genere e hanno chiesto quali sono i modi per prevenire questi tipi di reati, come ci si può difendere e come poter aiutare qualcuno che è vittima di questi soprusi. Il Colonnello Grasso ha spiegato loro cosa la legge prevede e tutte quelle accortezze che bisogna adottare quando si è vittime o quando si viene a conoscenza di atti del genere, consigliando di parlare sempre, in prima battuta con la famigli, subito dopo con gli insegnanti e con le Forze dell’Ordine. 

Infine si è affrontato il tema delle dipendenze sia dall’alcool che dalle droghe e tutti i rischi che si corrono nell’assumerle. L’incontro si è concluso con un lungo applauso e con la promessa di un nuovo incontro per affrontare tante altre tematiche.

Siracusa. Conferenza dei Carabinieri al Rizza


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry