fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il vescovo ha celebrato ieri sera i Primi vespri a San Tommaso. Preghiera di mons. Urso per Loris Andrea

 

Ragusa, 8 dicembre 2014 – La città di Ragusa è stata affidata (ancora una volta) alla Vergine Immacolata. 

La tradizione, antichissima, si è ripetuta, dopo la celebrazione dei Primi vespri, presieduti dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso, ieri sera, nella chiesa di San Tommaso, a Ibla. 

L’atto di affidamento della Città di Ragusa alla Vergine Immacolata è stato recitato dal primo cittadino, Federico Piccitto. 

“Vigilate maternamente su questa città – ha letto, tra l’altro, il sindaco, alla presenza delle autorità cittadine e provinciali, rivolgendosi alla Vergine – allargate su di essa il vostro manto immacolato, pegno e garanzia di prosperità e di pace. Insieme con la Città io Vi affido, o Vergine Immacolata, la nostra terra ed i nostri monti, gli interessi spirituali e temporali, il presente e l’avvenire, le nostre culle e le nostre tombe, la nostra vita e la nostra morte”. 

Quindi il sindaco ha acceso un cero votivo e ha reso un omaggio floreale alla statua dell’Immacolata. 

Subito dopo, il vescovo, il prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, il comandante provinciale dei Carabinieri, Sigismondo Fragassi, il comandante della stazione di Ibla dei Cc, Ezio Mancini, il senatore Giovanni Mauro e il deputato regionale Nello Dipasquale hanno apposto la loro firma sul registro delle autorità. 

I registri delle firme delle autorità, vere opere d’arte, furono istituiti con la nascita della Diocesi di Ragusa e sono stati eseguiti dai rinomati Antonino Cannì, Rocco Cafiso e Maria Imposa. 

L’ultimo tra questi reca, tra l’altro, la firma del presidente emerito della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi. Durante i Vespri, il vescovo, dopo l’introduzione di padre Pietro Floridia, rettore della chiesa, ha sottolineato la specificità di questo rito antichissimo dell’affidamento, “atto – ha detto mons. Urso – che fornisce, attraverso il sindaco, voce ai cittadini, a tutti coloro che nutrono nel loro cuore un grande affetto e una grande devozione nei confronti della Vergine Maria. 

È una tradizione che si radica nel cuore di tutti noi quella secondo cui il primo cittadino affida alla Vergine la città. Diventa una espressione del vincolo profondissimo che lega tutti noi alla Madre. E ogni anno ci si ritrova per invocare la Vergine su di noi, sulla nostra città, sulle nostre preoccupazioni, ascoltando quello che il Signore vuole dirci”. 

Una preghiera particolare, poi, il vescovo, ha voluto rivolgere al piccolo Loris Andrea Stival morto a Santa Croce una settimana fa. “Quel bambino affidato a noi – ha detto il vescovo – e che noi affidiamo alla Madre, alla Vergine Maria, perché guardi i nostri piccoli”. Oggi, intanto, dopo la santa messa delle 18, ci sarà la processione del simulacro per le vie di Ibla che sarà accompagnata dal corpo bandistico “San Giorgio”. 

Al termine, la statua di Maria Santissima Immacolata sarà riposta nella chiesa di San Tommaso. Il parroco e il comitato, inoltre, ringraziano quanti hanno contribuito alla riuscita della festa: i circoli di Ibla, la Banca agricola popolare di Ragusa e tutti i fedeli.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry