fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Giarratana, 7 marzo 2016 – Una festa per la comunità dei fedeli; in coincidenza con l’avvio dei solenni festeggiamenti del patriarca San Giuseppe, la prima visita pastorale del vescovo della diocesi, mons. Carmelo Cuttitta, a Giarratana, ha rappresentato un momento molto intenso e che ha riempito ancora di più di significato la fase iniziale di questi momenti celebrativi che, nel centro montano, sono particolarmente sentiti. 

All’arrivo nella parrocchia Maria Santissima Annunziata e San Giuseppe, ieri pomeriggio, il vescovo è stato accolto dal parroco Riccardo Bocchieri, e dal sindaco Lino Giaquinta.

Il parroco ha salutato con estrema letizia la visita del presule augurandosi che possano essercene molte altre in futuro e fornendo la piena disponibilità della comunità giarratanese a seguire le indicazioni spirituali del pastore della Diocesi di Ragusa. 

Il sindaco ha dato il benvenuto, a nome di tutta Giarratana, a mons. Cuttitta, rinsaldando i legami esistenti tra la Perla degli iblei e la Curia diocesana. Il vescovo, che è stato anche accolto da uno stuolo di ministranti, ha impartito la benedizione ai presenti, celebrando poi la santa messa. 

Durante l’omelia il vescovo ha sottolineato il grande entusiasmo che caratterizza il ministero che ormai da qualche mese lo vede alla guida della Diocesi di Ragusa, rimarcando la sua totale disponibilità all’ascolto in un periodo complesso come quello attuale in cui la società fa i conti con le problematiche più disparate. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry