fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Poesia

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Modica, 24 novembre 2019 – Una serata all’insegna della cultura, una serata tra poesia e storia, ma anche tra recitazione e musica. Un’articolata performance artistica che ha caratterizzato il quarto appuntamento pomeridiano promosso ed organizzato dal Caffè letterario Quasimodo di Modica, sabato 23 novembre. Ospite della serata il poeta e scrittore Salvo Micciche, sciclitano che vive a Ragusa. Tema della serata il panorama narrativo e letterario che si incunea nella dimensione poetica e storica dell’animo dell’autore. 

Nell’impeccabile introduzione curata dal professore Domenico Pisana, anima essenziale e infaticabile del Caffè Quasimodo, è stato sottolineato come la poesia in lingua e dialettale di Salvo racchiuda in sé «il fascino onirico e la semplicità del cuore del nostro popolo siciliano». «Nei suoi versi – ha detto Domenico Pisana – c’è forza valoriale ed etica, realismo e tensione ideale, suggestione di canto e ricerca di identità, geometria di immagini ed estasi di paesaggio, passione religiosa e testimonianza della fede, e tutto ciò costituisce sicuramente un punto di forza per affermare che la poesia resiste al tempo». E la forma dialettale di Micciché non è solo una lingua, ma è «un sistema di espressione del pensiero con le sue leggi grammaticali e lessicali, è non solo l’espressione testimoniale del pathos di una civiltà», ma anche «un “linguaggio” detto in una situazione di vita, uno scandagliare le nostre radici e un rivisitare un mondo che ci appartiene».

La serata, coordinata in maniera puntuale da Silvana Blandino (componente del Caffè Quasimodo, e poetessa), ha visto gli interventi di Marco Iannizzotto (avvocato, poeta e memoria storica nonché coordinatore della nostra testata), il quale ha posto l’accento sulla sensibilità dell’animo poetico di Salvo Micciché intrecciando l’articolata discettazione con la pluridecennale amicizia che lo lega con l’Autore e l’esperienza legata alla partecipazione a diverse iniziative letterarie. 

Lo scrittore e giornalista-pubblicista Giuseppe Nativo ha dedicato il suo intervento sulla dimensione storica delle opere di Micciché, da Onomastica di Scicli (1991) al libro Scicli. Storia, cultura e religione (2018), dove l’autore analizza la storia, la cultura e la religione di Scicli dal Medioevo al Cinquecento commentando le fonti e i reperti relativi alla storia della città, e rivisitando toponomastica, onomastica, culti e storie di uomini e luoghi, cristiani ed ebrei, dal V al XVI secolo, fino all’ultima pubblicazione, che uscirà in libreria il 28 novembre prossimo, dal titolo La Sicilia dei Micciché (edito da Carocci). 

«La poesia dialettale ho avuto modo di definirla “cosi priziusi” – dice Marco Iannizzotto –, poesia di cunti e storie sulle piccole cose. Un canto della memoria di tutti noi, che il poeta racconta per il gusto di “cuntari” e per il mai appagato bisogno di ricordare.  Con sguardo divertito il poeta ci porta negli angoli magici della memoria. La vocazione per le piccole cose torna anche nel terzo volume di versi in lingua italiana ma la memoria lascia spazio all’introspezione, i ricordi alla meditazione, all’importanza di sentirsi vivo e di sentirsi poeta». 

Brani tratti dai vari libri sono stati letti con grande passione, sentimento e mirabile efficacia recitativa da Giovanna Drago e Giovanni Blundetto fondatori ed anima della Compagnia “I Caturru” di Scicli, mentre il giovane musicista Vittorio Scorsonelli ha impreziosito la serata con intermezzi musicali al pianoforte molto apprezzati dal pubblico presente in sala. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry