fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Mostre
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Maestre e maestri dell’Italia unita: memorie, tracce e testimonianze d’archivio. Fino al 21 maggio 2021

 

Ragusa, 10 maggio 2021 — Una interessante documentazione viene presentata dall’Archivio di Stato di Ragusa (e Sezione di Modica), diretto da Vincenzo Cassì: «Tutti a scuola. Maestre e maestri dell’Italia unita: memorie, tracce e testimonianze d’archivio», pedagogie dell'essenziale. 

«Il contributo – dichiara Cassì — è incentrato sulle possibilità offerte dal patrimonio archivistico per tutta una serie di percorsi di ricerca legati ai temi della scuola e dell’istruzione, con particolare riferimento all’importante ruolo degli insegnanti.

Vengono presentate inedite testimonianze archivistiche riguardanti i concorsi e le procedure di selezione dei docenti, gli esami e la formazione, le memorie e le speranze, i metodi di insegnamento, il valore della scuola pubblica e l’attenzione verso le minoranze».

La gran parte dei documenti raccolti, riconducibili agli anni immediatamente successivi all’Unità d’Italia, a quelli del Ventennio e al secondo Dopoguerra, confermano ancora una volta l’importanza delle politiche d’istruzione e la centralità della figura del docente, specie negli anni più difficili e delicati del paese, consentendo anche una riflessione su tematiche che appaiono oggi strettamente attuali.

Un evento da seguire con interesse, fino al 21 maggio 2021.

 

Salvo Micciché

Ragusa Locandina  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry