fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ispica, 17 gennaio 2015 – Si conclude domani, con la partenza degli studenti francesi, il gemellaggio che si è svolto a Ispica fra il Liceo “Gaetano Curcio” e il Liceo francese “Jean Zay” di Aulnay sous Bois. 

Giunti a Ispica l’11 gennaio scorso, i ventidue studenti, tutti quindicenni, accompagnati dai coetanei del liceo “Curcio” e dai rispettivi docenti di lingue straniere, Cecile Chammard, Maud Dameulenaere, Vincenzo Cardamone e Margherita Trigilia, sono stati ricevuti l’indomani pomeriggio a Palazzo Bruno dal sindaco Piero Rustico e dall’assessore alle politiche per l’educazione Teresa Amendolagine. 

Accolti nell’aula consiliare, i ragazzi ospiti sono stati fatti volutamente accomodare tra i banchi dove siede il Consiglio quando si riunisce per decidere le sorti della città. Qui hanno ricevuto il saluto dell’Assessore e del Sindaco ai quali i docenti hanno illustrato il progetto di gemellaggio che i ragazzi stanno realizzando. 

Il professore Cardamone ha in particolare evidenziato che l’occasione vuole fornire agli studenti la possibilità di venire a contatto con i monumenti considerati patrimonio dell’umanità. In questa circostanza i ragazzi francesi hanno visitato i monumenti in stile Barocco, quelli del periodo ellenico e le principali aree naturalistiche del territorio, a contatto, quindi, con le diverse realtà culturali della Sicilia. Il sindaco Piero Rustico si è congratulato vivamente con i docenti per il loro continuo impegno a realizzare progetti validi e capaci di far sperimentare agli allievi, tramite un’esperienza certamente indimenticabile, un senso di appartenenza ad una dimensione europea e di favorire altresì la loro crescita culturale e personale.

L’assessore Amendolagine ha espresso ai giovani studenti il proprio apprezzamento «per queste opportunità che l’impegno dei docenti offre loro, ricchezza dal grande valore educativo di cui le generazioni passate non potevano usufruire. Un gemellaggio è crescita per tutti quelli che ne sono coinvolti, giovani e adulti, e per tutta la comunità che così si apre al dialogo interculturale superando qualcosa di molto più importante delle distanze geografiche».

«La nostra città è orgogliosa di vedere realizzati questi scambi culturali – ha con soddisfazione evidenziato il sindaco Rustico - grazie ai quali vengono condivisi interessi, abitudini, tradizioni e aspirazioni fra due realtà  diverse le cui culture offrono grandi opportunità di approfondimento educativo. Le scuole coinvolte in questo progetto di gemellaggio occupano un posto di rilievo nel contesto dei  loro paesi e diventano riferimento per le  altre scuole interessate a seguire il medesimo esempio realizzando così il pensiero del grande filosofo tedesco Hans-Georg Gadamer il quale sosteneva  che: “la cultura è l’unico patrimonio dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande”». 

Ai ragazzi francesi ed ai docenti, il Sindaco e l’Assessore, dopo aver fatto loro dono di alcune pubblicazioni su Ispica, hanno augurato di trascorrere gioiosamente la permanenza in Città e di tornare in patria con un piacevolissimo ricordo dell’arte e dei tanti tesori della terra siciliana.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry