fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Mostra a cura di Sergio Troisi  - 20 Giugno – 4 Ottobre 2015

 

Scicli, 5 giugno 2015 – Sei tele monumentali e sessanta opere per l’antologica di Franco Sarnari al Carmine di Marsala.

Il Convento del Carmine di Marsala inaugura “Franco Sarnari. Addizioni e Sottrazioni”, sabato 20 giugno alle 18.30, una grande mostra antologica del pittore romano, in Sicilia dai primi anni Settanta. Cuore del percorso espositivo, ricco di sessanta opere, un nucleo di sei tele monumentali, tra cui una grande tela inedita del 1967 (300x450 cm), che apre la sala dedicata al ciclo dei quadri “Sull’amore”, e la grande opera “Geometrie del Cielo” (300x300 cm) del 2014, appena tornata dalla mostra “Tutankhamon Caravaggio Van Gogh” alla Basilica Palladiana di Vicenza. Nel catalogo della mostra, dopo la presentazione critica di Sergio Troisi, va segnalata un’importante pubblicazione inedita, uno studio critico del prof. David Gariff della National Gallery of Washington D.C., sull’intera opera dell’autore, condotto nel 2012 per la mostra “Fragments”, all’Italian Institute of Culture in Washington D.C.. 

L’Ente Mostra di Pittura Contemporanea Città di Marsala, che in Sicilia si è sempre distinto per l’alto profilo critico-artistico delle mostre realizzate, e che rappresenta oggi un punto di riferimento imprescindibile per la pittura italiana in Sicilia, offre un contributo storico al mondo dell’arte siciliana, con questa profonda indagine sull’opera omnia del maestro Sarnari. Un progetto nato, a più di vent’anni dall’ultima esposizione antologica (Palazzo Sarcinelli 1995, a cura di Marco Goldin), grazie alla collaborazione con Tecnica Mista 

In mostra le opere del periodo della formazione degli anni Cinquanta, le opere “Pop” dei primi anni Sessanta e i primi quadri “Sull’Amore”. Seguono ben tre sale dedicate ai “Frammenti”, forse il ciclo più noto di Sarnari, con i Frammenti “chiusi” e quelli “aperti” degli anni Settanta, e poi gli SDP (Studi di Prospettiva), con diverse tele recenti inedite. Opere, queste ultime, che portato la figurazione dei corpi, dei primi Frammenti, alla pura astrazione. 

Nella seconda ala del Convento, oltre lo splendido chiostro, le opere del ciclo “Cancellazioni”, con le grandi tele dedicate a Piero della Francesca, e poi gli studi di sottrazione su Millet, e le tele in omaggio a Tintoretto e Vermeer. Nelle ultime sale si trova l’area del ciclo dei “Neri”, attorno ai quali ruota tutta la più recente ricerca di Sarnari, dal grande “Il mare e l’orizzonte” del 2005 (218x200 cm), al gigantesco “Geometrie del Cielo” del 2014 (300x300 cm), per proseguire, tra dettagli di “Nero” puro, attraversando la serie dei “Controluce”, nella sala delle opere “A Monet e Pollock”, dove è protagonista il “Trittico Primavera”. Un lavoro, quello di Sarnari, che non si è mai distratto dalla ricerca pittorica, spostandosi dalla figurazione (nuova figurazione degli anni sessanta) ad una sorta di informale contemporaneo, rappresentato in mostra dall’ermetico ciclo intitolato “Neri”. 

Su Sarnari hanno scritto i maggiori critici d’arte italiani, da Giovanni Carandente a Roberto Tassi, da Fabrizio D’Amico a Flavio Caroli, da Vittorio Sgarbi a Marco Vallora e ancora da Lorenza Trucchi, che curò la prima monografia di Sarnari nel 1983, fino a Marco Goldin, che più di altri, negli ultimi vent’anni, ha curato mostre e studi critici molto approfonditi sul lavoro di Sarnari.

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry