fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 20 luglio 2015  - Tra gli eventi culturali e artistici di punta dell’estate iblea, nell’ambito del Danzart festival e del Donnafugatala Filmfest, la mostra del pittore Fabio Salafia porta al Castello di Donnafugata una preziosa collezione di oli, rappresentativi della cifra originale dell’artista siciliano.

Nato a Grammichele e attivo tra la sua cittadina e Milano, Fabio Salafia torna in provincia di Ragusa, dove ha battezzato la sua carriera espositiva con la prima personale, allestita nel 2004 presso la Galleria degli Archi di Comiso.

Come spiega la curatrice, il critico d’arte Elisa Mandarà, «attraverso un linguaggio evocativo Fabio Salafia realizza un approccio profondo ed emozionale a spazi e paesaggi, che, velati da dissolvenze ed enfatizzati dalla ricca materia pittorica, diventano luoghi intimi; da qui il titolo, Geografie del cuore, allusivo della trasposizione personalissima, da parte del virtuoso artista, della natura in visioni immaginifiche e sensitive, in una ‘pittura-pittura’, che si colloca in una suggestiva linea di confine tra figurazione e astrazione. Fabio Salafia deduce dalla sua Sicilia il carattere, nel tratto impetuoso della sua pittura, che non racconta alcuni dei consueti cliché isolani, rinunciando a scenari apertamente mediterranei, puntando invece alla resa evocativa di immagini e sensazioni introiettate nella memoria e nello spirito e restituite in potenti sintesi».

Gli oli di Salafia consistono dunque essenzialmente di paesaggi e scenari naturali, filtrati dal ricordo e trasfigurati dalla pittura, La sua incessante ricerca lo ha portato a rendere i suoi temi tramite incisioni, pastelli, oli, tecniche condotte sempre con personalità di tratto.

Tra le esperienze legate al territorio ragusano, Fabio Salafia ricorda con particolare intensità e affetto l’incontro con Piero Guccione, avvenuto proprio in occasione della personale di Salafia a Comiso. In quella circostanza – Fabio Salafia aveva solo ventiquattro anni – il maestro manifestava note di merito nei confronti della pittura del giovane pittore e ne scriveva la prefazione in catalogo.

Fabio Salafia accompagna la sua vocazione alla pittura e la sua attività di artista all’insegnamento di discipline pittoriche nella scuola pubblica. 

Tra le numerose mostre personali citiamo quelle nelle città di Comiso, Galleria degli Archi. Grammichele, galleria Contrappunto. Roma galleria L’Acquario (Equazioni Visive). Marsala, Convento del Carmine, Ente Mostra di pittura Contemporanea. Roma,7515 The Lounge. Agrigento, Palacongressi. (La Natura Instabile). Enna, Palazzo del Governo, sede della Prefettura (Movimenti della Natura). Enna, galleria “L.M Cascio” (Nei Luoghi dell’intimo).Taormina, Palazzo Duchi di Santo Stefano. Fondazione Mazzullo (Secondo Natura). Inoltre è stato invitato ad esporre in oltre cento mostre collettive, in diverse città italiane, ottenendo importanti premi e riconoscimenti. Nell’ultimo anno è stato invitato da Vittorio Sgarbi alla mostra itinerante Artisti di Sicilia nelle città di Favignana, Palermo, Catania, Bruxelles e New York. Considerevoli anche i consensi della critica. Tra gli altri, hanno scritto di lui Paolo Nifosì, Piero Guccione, Francesco Brancato, Armando Ginesi, Valentina Falcioni, Riccardo Passoni, Tiziana Rasà, Paolo Giansiracusa, Marco di Capua, Sebastiano Gesù, Elisa Mandarà.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry