fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 12 marzo 2015 – Venerdì 20 marzo 2015, alle ore 18.00, al Centro Studi Feliciano Rossitto (Via Ducezio n. 13 a Ragusa) i professori Salvatore Stella e Raffaele Puccio presenteranno il libro di Federico Guastella “Chiaramonte Gulfi. La mia diceria”.

 

Concluderà l'Autore.

 

°°°

Una copertina che raccoglie echi del proprio vissuto che si intrecciano con la storia del luogo paterno intriso di esperienze di vita, di ricordi dove il tempo e la letteratura non tramontano mai. All’interno un intimo affresco dai colori vividi che accompagnano il lettore in una dimensione iblea da assaporare e, al tempo stesso, “immergendolo in un serrato dialogo a più voci tra l’attualità e la storia recente, tra le relazioni dei luoghi dell’anima e dei luoghi della natura e del paesaggio, tra l’identità del singolo e quella della comunità, alla ricerca di filo assiologico che possa riconciliare passato e presente”, come annota Salvatore Stella nella corposa ed articolata presentazione.

 

Un libro intessuto del tema della memoria, del recupero e della salvaguardia dei luoghi, dimensione etica ed estetica di valori che trascendono le generazioni. “Quasi una riscoperta di una primigenia età dell’innocenza” dove “ogni luogo è carico di ricordi”, dal monte Arcibessi “a un braccio dal cielo”, al sapore genuino delle feste talvolta sacre e talora profane (quella della Madonna di Gulfi, della Pasqua con la partecipazione delle confraternite, i suggestivi riti del venerdì santo, la resurrezione “u crisci ranni”) “segno qualificante dell’identità collettiva”, scrive il prefatore Raffaele Puccio.

 

G. N.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry