fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Pozzallo, 14 gennaio 2016 – Questa mattina, il nuovo Prefetto di Ragusa, S.E. Dott.ssa Maria Carmela Librizzi, ha visitato la Capitaneria di Porto di Pozzallo, dove è stata accolta dal Comandante del porto e Capo del Compartimento marittimo, Capitano di Fregata (CP) Francesco Pantano. 

L’incontro ha costituito l’occasione per illustrare a S.E. il Prefetto il quotidiano e costante impegno profuso dai militari della Capitaneria sia a terra che a bordo delle motovedette per la salvaguardia della vita umana in mare, il soccorso e l’assistenza dei numerossissimi migranti che in questi ultimi anni sono approdati sulle coste iblee.

Nel corso della visita inoltre, il Comandante Pantano ha descritto gli specifici compiti istituzionali svolti dalla Capitaneria di Porto di Pozzallo, con particolare riferimento all’attività di controllo della sicurezza della navigazione, tutela dell’ambiente marino, vigilanza sulla “filiera ittica”, polizia demaniale marittima ed attività amministrativa riguardante il rilascio delle patenti nautiche, dei titoli professionali marittimi, l’iscrizione nelle matricole della Gente di Mare e la tenuta/aggiornamento dei registri navali, sottolineando la stretta sinergia che caratterizza l’operato della Guardia Costiera di Pozzallo con tutte le altre Forze di Polizia della Provincia.

 

Al termine dell’incontro, il Comandante Pantano ha donato al Ragusa il Crest della Capitaneria di Porto, decorato con le insegne del Comando raffigurante una motovedetta della Guardia Costiera sullo sfondo della Torre Cabrera, simbolo storico della Città di Pozzallo.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

#Pozzallo, 14 gennaio 2016 – Questa mattina, il nuovo Prefetto di Ragusa, S.E. Dott.ssa Maria Carmela Librizzi, ha visitato la Capitaneria di Porto di Pozzallo, dove è stata accolta dal Comandante del porto e Capo del Compartimento marittimo, Capitano di Fregata (CP) Francesco Pantano. 

L’incontro ha costituito l’occasione per illustrare a S.E. il Prefetto il quotidiano e costante impegno profuso dai militari della Capitaneria sia a terra che a bordo delle motovedette per la salvaguardia della vita umana in mare, il soccorso e l’assistenza dei numerossissimi migranti che in questi ultimi anni sono approdati sulle coste iblee.

Nel corso della visita inoltre, il Comandante Pantano ha descritto gli specifici compiti istituzionali svolti dalla Capitaneria di Porto di Pozzallo, con particolare riferimento all’attività di controllo della sicurezza della navigazione, tutela dell’ambiente marino, vigilanza sulla “filiera ittica”, polizia demaniale marittima ed attività amministrativa riguardante il rilascio delle patenti nautiche, dei titoli professionali marittimi, l’iscrizione nelle matricole della Gente di Mare e la tenuta/aggiornamento dei registri navali, sottolineando la stretta sinergia che caratterizza l’operato della Guardia Costiera di Pozzallo con tutte le altre Forze di Polizia della Provincia.

 

Al termine dell’incontro, il Comandante Pantano ha donato al Ragusa il Crest della Capitaneria di Porto, decorato con le insegne del Comando raffigurante una motovedetta della Guardia Costiera sullo sfondo della Torre Cabrera, simbolo storico della Città di Pozzallo.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry