fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il progetto dell’esistente e il restauro del paesaggio. Chiaramonte Gulfi. Continuare un mondo. 25 agosto/7settembre 2014

 

 Chiaramonte Gulfi, 22 agosto 2014 – Prenderà il via il 25 agosto a Chiaramonte Gulfi il LId’A, Laboratorio Internazionale di Architettura, giunto quest’anno alla decima edizione. Il LId’A è un evento culturale e scientifico che si svolge ogni anno in località diverse del Meridione con la partecipazione di docenti, architetti, artisti, intellettuali, italiani e stranieri, invitati a dare i loro contributi, teorici e progettuali,  sulle tematiche che i luoghi stessi presentano.  Nel proporsi come un osservatorio sulla realtà territoriale e urbana del Mezzogiorno il Laboratorio è rivolto all’interpretazione dei caratteri dei luoghi e dei contesti attraverso i quali tradurre gli studi e le ricerche del Dottorato

dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria “Il progetto dell’esistente e la città meridionale”, istituit o e coordinato da Laura Thermes responsabile scientifico e coordinatore del LId’A.  

Il Laboratorio giunto quest’anno alla decima edizione ha per titolo “Il progetto dell’esistente e il restauro del paesaggio. Chiaramonte Gulfi. Continuare un mondo”.

 

Esso si svolge presso la Salone dell’immobile che ha ospitato gli Uffici del Giudice di Pace, ubicato in C.so Umberto 156 del Comune di Chiaramonte Gulfi che ospiterà, nell’arco della intera iniziativa, più di 100 architetti proiettati, nel corso di due settimane, nella redazione di proposte progettuali sul nucleo urbano di Chiaramonte Gulfi connesse al riconoscimento e alla valorizzazione delle sue caratteristiche territoriali ed antropiche.  

La formula del LId’A, collaudata nelle nove edizioni precedenti, prevede in questa decima edizione la composizione di 9 laboratori di progettazione coordinati da docenti di progettazione architettonica rappresentanti di 8 scuole internazionali, Renato Capozzi e Federica Visconti dell’Università Federico II di Napoli, Carlos Campos della Facultad de Arquitectura Diseno e Urbanismo de Buenos Aires, Roberta Lucente della Università degli Studi della Calabria, Chen Wei Bin e Chun Lin Lee della Chinese Culture University di Taipei, Marco Mannino della Università Mediterranea di Reggio Calabria, Carlo Moccia del Politecnico di Bari, Maurizio Oddo dell’Università Kore di Enna,  Renato Partenope  dell’Università degli Studi La Sapienza di Roma, Laura Thermes e Antonello Russo dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Questo laboratorio internazionale d’architettura, patrocinato anche dal Comune di Chiaramonte Gulfi,  che per la prima volta si terrà in una città siciliana, sarà presentato alla stampa lunedì 25 agosto alle ore 16.00, presso la Sala Consiliare. 

Ulteriori notizie e approfondimenti sono reperibili al sito  HYPERLINK "http://www.lida.unirc.it" www.lida.unirc.it  al link Lida10 e alla pagina facebook Lida10

 

Quasi concomitante con questo laboratorio internazionale d’architettura  e in qualche modo a corollario dello stesso  la cittadina montana ospiterà nei giorni dal 4 al 6 settembre l’evento denominato “Zuppà” Per le vie del centro cittadino, grazie all’impegno della Consulta dei Giovani e dell’Amministrazione comunale  sarà un susseguirsi di   giochi, arte, proiezioni di cortometraggi gran ballo in maschera e tanto altro ancora.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry